Top & Flop di Novara-Carrarese

27.10.2020 16:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Top & Flop di Novara-Carrarese

Si è concluso il big-match della 7^ giornata del girone A giocato al "Silvio Piola" fra Novara e Carrarese: 1-1 il punteggio finale.

Gara godibile e vibrante quella a cui abbiamo assistito - soprattutto nella prima frazione- caratterizzata da cambi di fronte continui, dove probabilmente i piemontesi si devono rammaricare per non aver sfruttato al meglio le occasioni avuto per raddoppiare, anche se i marmiferi nel primo tempo per ben due volte avevano colpito i legni della porta di Lanni. Le due formazioni quindi con questo risultato si portano in coabitazione al secondo posto ad un punto dalla Pro Vercelli, dimostrando di poter stazionare nella parte alta della graduatoria.

In cronaca, gara iniziata con tre ore di ritardo rispetto all'orario programmato in un primo tempo, per effetto della richiesta della società toscana, che doveva fare nuovi tamponi. Squadre in campo con i moduli di gioco annunciati alla vigilia, affrontandosi senza tatticismi. Carrarese vicina al gol al 15' con Luci, la sua sventola da fuori area si stampa sul palo alla destra di Lanni. Sull'altro fronte i padroni di casa si portano in vantaggio: angolo di Gonzalez da destra con palla in mezzo all'area, deviazione aerea di Bove in proiezione offensiva con palla all'angolino. I toscani sbandano per qualche minuto prestando il fianco alle ripartenze dei piemontesi: perde una palla sanguinosa in uscita dalla difesa Murolo, Zigoni si proietta in campo aperto servendo Panico il quale da buona posizione non inquadra la porta. Lentamente si organizzano i toscani, che dal nulla vanno vicini al pareggio con Infantino: il suo destro dal cuore dell'area viene respinto dal montante alla sinistra di Lanni.

La ripresa vede il Novara approcciare molto bene, prima Zigoni e poi Gonzalez non riescono a sfruttare favorevoli occasioni poi è l'ex Alessandria ha chiamare Mazzini ad un grande intervento di reni. Con i cambi Silvio Baldini prova a cambiare il canovaccio del match, alla mezzora arriva il pareggio di Murolo abile con un perfetto terzo tempo in area a raccogliere l'angolo ben calciato da Luci. I padroni di casa non ci stanno: prima Cisco obbliga ad un intervento impegnativo Mazzini con palla che lentamente si avvia verso la porta uscendo di un soffio a lato del palo alla destra del portiere ospite. In pieno recupero Bianchi ha la palla della vittoria: ma il suo esterno destro va a morire sulla parte alta della traversa.

Ecco i migliori e i peggiori del confronto:

TOP

Cisco (Novara): come nelle precedenti partite il suo ingresso crea scompiglio. Con la sua tecnica e velocità mette in difficoltà gli avversari, appare il più lucido degli attaccanti di Banchieri, nel momento di maggiore difficoltà le sue giocate danno nuovamente fiducia alla squadra. Un grande intervento di Mazzini e un pizzico di sfortuna gli negano la gioia del gol. FICCANTE

Mazzini (Carrarese): salva con interventi prodigiosi in un paio di circostanze la propria porta nel corso della ripresa, a cui aggiunge la prontezza a sbrogliare situazioni nella propria area. Eppure in avvio non aveva iniziato bene con un intervento incerto su un tiro da fuori di Gonzalez. Alla lunga le sue parate tengono in partita la sua squadra che nella ripresa sembrava sul punto di cadere. SALVATORE DELLA PATRIA

FLOP

Gli attaccanti del Novara: numerose sono le situazioni pericolose costruite dai piemontesi - soprattutto nella ripresa - dove è mancato un pizzico di cattiveria agonistica e precisione per chiudere la gara. Gli attaccanti in alcune circostanze non hanno effettuato la scelta giusta, in altre gli è mancato il classico "Killer Instinct" per assestare il colpo del ko. SCIUPONI

Cais (Carrarese): Baldini a sorpresa lo schiera fra gli undici titolari, l'attaccante non sfrutta al meglio l'occasione offerta dal tecnico. Per tutto il primo tempo appare a tratti avulso dalla partita. Non riesce mai a rendersi pericoloso, partecipando in maniera marginale alla manovra della compagine marmifera. IMPALPABILE

Stefano Scarpetti 

-