Volleymercato femminile - Juliann Faucette Johnson, Giulia De Nardi, Ilaria Maruotti, Silvia Sormani e Sara Sopranzetti

Juliann Faucette Johnson a Bergamo - Giulia De Nardi a Mondovì - Ilaria Maruotti a Macerata - Silvia Sormani a Busto Arsizio - Sara Sopranzetti a Macerata
07.07.2020 14:30 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Juliann Faucette Johnson, Giulia De Nardi, Ilaria Maruotti, Silvia Sormani e Sara Sopranzetti

1.

La Zanetti Bergamo riparte da Juliann Faucette Johnson.

L’opposto statunitense, nata a San Diego il 25 novembre 1989, torna in Italia per vestire la maglia di Bergamo dopo una lunga carriera che l’ha vista giocare in Cina, Francia, dove ha conquistato lo scudetto con il Cannes, e Giappone oltre che a Urbino e Busto Arsizio, dove ha vinto la Supercoppa Italiana, tra il 2011 e il 2013.

“Sono cresciuta a San Diego, in California e poi ho iniziato a giocare all’università in Texas. La mia carriera mi ha portato poi in tutto il mondo con i Club ma anche con la Nazionale USA”. 

Le piace cantare e scrivere musica. Ma non solo… Juliann ha vissuto tante esperienze importanti e una pausa dai campi di gioco le ha cambiato la vita: prima pallavolista e poi moglie e mamma:

“Sì, ora sono anche una moglie e una madre ed è meraviglioso. Quando ho scelto di smettere di giocare, non avrei mai pensato di tornare: avevo programmato di pensare alla mia famiglia e trovare un lavoro. Pensavo di poter iniziare ad allenare. 

La mia vita è così diversa ora da quando giocavo e viaggiavo in tutto il mondo ! Ma amo essere mamma. È il miglior lavoro al mondo !”.

- Sarà presto a Bergamo con tutta la famiglia. 

“Sì, verrò a Bergamo con mio marito Roderick e mio figlio. Anche lui si chiama Roderick, ma lo chiamiamo “Tre”, perché è il terzo Roderick di famiglia”.

- Come sono state le tue esperienze in Italia, Cina, Francia e Giappone ?

“Giocare in questi diversi Paesi è stato fantastico. Quando ho giocato in Italia, ciò che preferivo erano i tifosi. Sono i migliori! Inoltre quella italiana è la migliore pallavolo che abbia mai visto al mondo. 

Quando giocavo in Cina la pallavolo era molto buona e abbiamo giocato molte partite. Ho imparato molto quando ho giocato lì. Giocando in Francia, ho avuto la possibilità di giocare per Cannes e in Champions League. E’ stata una grande esperienza. E poi il Giappone, dove le persone e la cultura erano fantastiche”.

- Cosa sai della Zanetti ?

“Bergamo è una squadra storica. La ricordo da avversaria e ricordo di aver pensato che fosse una forte emozione affrontarla. E’ famosa per avere una storia vincente e aver fatto giocare grandi giocatrici. 
Sono così entusiasta di esserne parte e il mio obiettivo è di aiutarla a tornare in cima alla classifica, dove è giusto che siamo ! Sono pronta a lavorare duramente e a dare tutta me stessa per tornare in alto”.

 
LA SCHEDA

La carriera pallavolistica di Juliann Faucette comincia nel 2004 quando entra a far parte delle squadra del Coast Volleyball Club di San Diego. Dal 2007 al 2010 gioca per la squadra dell’University of Texas; nel 2008 ottiene le prime convocazioni con la Nazionale statunitense, con la quale partecipa alla Coppa panamericana 2008. Nella stagione 2011-12 viene ingaggiata dalla squadra italiana del Robur Tiboni Urbino Volley, in A1; nella stagione successiva passa al Busto Arsizio col quale vince la Supercoppa italiana.
Nella stagione 2013-14 si trasferisce al Guangdong Hengda, nella Volleyball League A cinese; con la Nazionale vince la medaglia d’argento nella Coppa panamericana 2014. Nella stagione seguente gioca per il Racing Club de Cannes, nella Ligue A francese, con cui vince lo scudetto. Nel campionato 2015-16 ritorna in Cina, questa volta difendendo i colori del Fujian; tuttavia già nel campionato seguente cambia ancora maglia, tornando a vestire quella del Guangdong Hengda, impegnato nel torneo di qualificazione alla Volleyball League A.
Nella stagione 2017-18 gioca nella V. Challenge League I giapponese con le Kurobe AquaFairies: al termine del campionato annuncia una pausa dall’attività agonistica. Nel 2020 il ritorno alla pallavolo e in Italia con la Zanetti Bergamo.

-

2.

Il nuovo libero della Lpm Bam Mondovì sarà Giulia De Nardi.

Nata e cresciuta a Conegliano, la 26enne arriva in terra monregalese dopo una stagione in Serie A1, tra le fila del Bisonte Firenze. In precedenza, la giocatrice ha disputato due campionati con la Libertas Martignacco, prima in B1, con cui ha conquistato la promozione, e poi in A2.

Classe 1994, Giulia  è prontissima per la nuova stagione in maglia rossoblu.

“Un anno fa, quando ho avuto la proposta di andare in A1 con il Bisonte Firenze, dopo due stagioni fantastiche a Martignacco, non potevo rifiutare: soprattutto a 25 anni è difficile farsi scappare un’occasione del genere. A Firenze abbiamo fatto una buona stagione, purtroppo interrotta presto. Avevamo iniziato molto bene, anche se eravamo una squadra molto giovane. Poi abbiamo avuto un crollo, volevamo riscattarci ma non c’è stato il tempo per farlo. Mi sono trovata molto bene con la società, ho avuto spazio per giocare, anche con squadre forti, come ad esempio Novara. Allenarmi e giocare in Serie A1 mi ha fatto crescere molto. Credo però che la crescita principale si ha quando giochi sempre e caratterialmente preferisco essere protagonista”.

- …e con la Lpm Bam Mondovì Giulia De Nardi lo sarà sicuramente !

“Quando ho ricevuto la proposta per venire a Mondovì, non ci ho pensato molto. Mi hanno sempre parlato molto bene di questa società, che è sempre stata molto ambiziosa ed è sempre stata al vertice. E’ stata la scelta migliore che potessi fare. Ho avuto occasione di sentire la presidente Alessandra Fissolo e coach Davide Delmati. C’è stato subito un approccio positivo. Mi hanno dato tutti una bella impressione, fin dall’inizio”.

- Nuova stagione, nuovi obiettivi: cosa desidera Giulia De Nardi ?

“Spero di fare bene, sia come singola che come squadra. Speriamo di crescere durante la stagione, arrivando a raggiungere tante soddisfazioni. Ogni anno è a sé e spero che questo possa essere positivo, bello. Penso di poter fare bene, anche vedendo come è stata allestita la squadra e per come si è presentato lo staff”.

- La voglia di tornare in campo è tanta e per farlo le atlete hanno dovuto mantenersi in forma “a distanza” .

“Dopo lo stop, ho sempre cercato di fare attività, prima con le schede del preparatore del Bisonte e adesso con quelle di Lorenzo Arioli, che mi ha già fornito indicazioni e schede da seguire”.

- Tra le tante nuove compagne, Giulia De Nardi ritroverà Beatrice Molinaro, centrale, con cui ha disputato due stagioni.

“Ho giocato due anni con Beatrice, con la Libertas Martignacco, prima in B1, quanto abbiamo vinto campionato e anche la Coppa Italia, e poi in A2, quando siamo arrivate in semifinale di Coppa Italia. Speriamo che porti fortuna questo nostro “ricongiungimento””.

- Giulia De Nardi è anche dott.ssa in Scienze e Tecnologie Alimentari. La nuova pumina ha infatti ottenuto la laurea magistrale presso l’Università di Udine nel luglio 2019.

“Ho sempre mantenuto le due strade, la pallavolo ed il lavoro, impegnandomi in entrambe. Ho scelto questa facoltà perchè è un ambito interessante, legato alla catena alimentare e a progetti per nuovi alimenti. Sono inoltre riuscita a frequentare i corsi, in presenza, quando giocavo a Martignacco. Adesso sto valutando se tornare sui libri, ma ci penserò in futuro, compatibilmente con gli impegni sportivi”.

- Non manca poi un pensiero verso i tanti appassionati rossoblu:

“Non vedo l’ora di conoscere i tifosi, sperando di poterlo fare “di persona. Mondovì ha un pubblico caloroso e me ne sono già resa conto !”

-

3.

La CBF Balducci completa il reparto bande con Ilaria Maruotti, schiacciatrice classe 1994 proveniente dalla Geovillage Hermaea Olbia, dove ha disputato le ultime due stagioni in A2.

Prima del biennio in Sardegna, una stagione in B1 a Sassuolo, da compagna di squadra di Elisa Lancellotti, che dunque ritroverà come compagna a Macerata insieme a Melissa Martinelli, che con Ilaria ha militato nella Volleyrò Casal de Pazzi.

“Macerata è una piazza che conosco da tempo, so che ha vissuto grande pallavolo dai tempi della Lube ai giorni nostri – ha dichiarato Ilaria Maruotti. È un luogo che mi è sempre piaciuto, dove si respira pallavolo, quindi quando mi è stata proposta la CBF Balducci non ci ho pensato due volte. Ritrovo due giocatrici che conosco bene, come Elisa Lancellotti e Melissa Martinelli, questo è un valore aggiunto che ha reso Macerata un’opportunità ancor più da prendere al volo”.

-

4.

Il roster della Futura Volley Giovani per la Serie A2 2020/21 prende sempre più forma: chiuso il reparto centrali settimana scorsa, ecco arrivare anche il secondo libero alla corte di coach Lucchini. E, più che di novità, potremmo parlare di… Ritorno alla base: la vice-Garzonio sarà infatti Silvia Sormani, prodotto di punta del vivaio biancorosso !

La giovanissima Silvia (lo scorso 20 Maggio ha compiuto 17 anni) è in tutti i sensi un talento “a chilometro zero”, essendo nata proprio a Busto Arsizio: la sua carriera pallavolistica è stata praticamente vissuta tutta sotto l’egida della Futura Volley Giovani, società con cui ha esordito in Under 12 nel 2014 dopo i primi rudimenti imparati tra minivolley e palla rilanciata. La stagione 2014/15 è già vincente: le giovani biancorosse, guidate dal trio Dalle Ave-Mazza-Albani, si aggiudicano il titolo provinciale Under 12. La corsa giovanile di Silvia non si ferma certo qui, e anzi viene replicata già nell’anno successivo: un nuovo titolo provinciale, questa volta in Under 13, impreziosisce la bacheca bustocca. Sormani continua a crescere diventando un affidabilissimo posto 4, nel frattempo la stagione in Under 14 – in cui sfiora il terzo trionfo in provincia – fa da preludio all’approdo in Under 16 e in Serie D, oltre a due convocazioni nella “nuova” Futura di Serie B2 contro SDV Varese e Lingotto. Nel 2018/19 il talento di Silvia esplode: l’annata viene enormemente impreziosita dal titolo provinciale U16 (con annesso MVP della fase finale), dalla promozione in Serie C e dalla convocazione con la Nazionale Under 16. E’ quindi la Federazione Italiana Pallavolo a puntare direttamente sulla sua crescita, offrendole l’opportunità di fare parte del Club Italia che nel 2019/20 affronta la Serie A2: qui Sormani completa con grande impegno la propria trasformazione a libero, e agli ordini di coach Massimo Bellano disputa 19 match sfiorando l’approdo alla Pool Promozione.
Chiusa questa esperienza in azzurro, ecco il ritorno al San Luigi. Per il team bustocco, quella di Sormani è un’aggiunta importante: si tratta di una ragazza cresciuta con il biancorosso cucito addosso, e che soprattutto si è sempre fatta valere in ogni categoria !

Abbiamo intervistato telefonicamente la neo-Cocca:

- Ciao Silvia, come stai vivendo questo “rientro alla base” da componente della prima squadra ?

"Sono di sicuro molto emozionata, anche perchè sarò tra le più piccole di questo nuovo gruppo; quando ho ricevuto la chiamata da coach Lucchini la prima sensazione è stata di entusiasmo, sarà la prima volta in cui parteciperò ad un campionato insieme ad atlete che lo fanno come mestiere. La prossima stagione sarà diversa dall’ultima al Club Italia proprio per via delle compagne di squadra più grandi, sono certa che mi aiuteranno a crescere grazie alla loro esperienza in questo mondo; sono felice e molto propensa a questa nuova avventura".

- In cosa vorresti poter fare passi avanti nella prossima stagione ?

"Vorrei innanzitutto imparare ad essere più sicura di me stessa: non perchè mi abbatta facilmente, ma perchè tendo spesso a sottovalutarmi. Senza strafare, e con l’aiuto di squadra e staff, cercherò di capire quali sono le mie reali potenzialità. Sul piano tecnico, invece, non si smette mai di imparare: voglio fare sempre meglio in allenamento per crescere su più fronti".

- Puoi raccontarci la tua avventura al Club Italia ?

"Quella vissuta al Club Italia è stata un’esperienza bellissima. Sono passata dalla Serie D alla Serie A2 e per la prima volta ho disputato un campionato di alto livello, vivendo inoltre lontano da casa per la prima stagione: mi sono trovata davvero bene con tutti i coach e le compagne, abbiamo vissuto praticamente come una famiglia. E’ stata un’avventura positiva anche pallavolisticamente, malgrado il finale di regular season non ci abbia dato giustizia: è stato il mio primo anno come libero e ho imparato moltissimo, ci sono ovviamente stati alti e bassi durante la stagione ma sono riuscita a tirarmi su e a godermi l’esperienza".

-

5.

La CBF Balducci completa la difesa tesserando il libero Sara Sopranzetti, classe 2001 proveniente della Lardini Filottrano.

Così come per Martina Pirro, anche per lei la Serie A continua con una società della sua provincia. Nativa di Montelupone (dove ha iniziato a giocare), Sara ha infatti proseguito con l’esperienza in Serie C a Corridonia prima dell’approdo alle giovanili della Lardini.

“Per me rimanere in provincia di Macerata, dove vivo, è importante perché mi permette di rimanere in un ambiente familiare dove mi trovo a mio agio – ha spiegato Sara Sopranzetti. Oltre a questo sono contenta di ritrovare alcune compagne con cui ho giocato lo scorso anno. Da parte mia sono molto felice e carica in vista dell’inizio della stagione, perché so che mi allenerò bene con compagne più grandi di me e da cui quindi posso imparare tanto”.

-