Il FATTO DELLA SETTIMANA del 14.01.2024 di Valeria Debbia - C'è la 22ª società che decide per il cambio in panchina di Serie C: via Tedino da Trento. Pavanel sarà il sesto tecnico a sfruttare il nuovo regolamento ?

14.01.2024 10:00 di Roberto Krengli Twitter:    vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Valeria Debbia
Valeria Debbia

Questa settimana sono salite a 22 le società che hanno deciso che l'esonero è l'unica via per risollevare la propria squadra: nello specifico è stato il Trento - reduce da 5 ko nelle ultime 6 uscite - a dare il benservito a Bruno Tedino. Martedì scorso le prime indiscrezioni sulla poca solidità della panchina dell'ex Pordenone - subentrato ad ottobre 2022 a Lorenzo D'Anna e capace di ottenere la salvezza diretta nella scorsa stagione - e mercoledì l'ufficialità, con l'avvento del tecnico della Primavera, lo spagnolo Joan Moll Moll:

"A.C. Trento 1921 comunica di aver sollevato il Sig. Bruno Tedino dall’incarico di Allenatore della Prima Squadra. Il Club desidera ringraziare Mister Tedino per la passione, la dedizione al lavoro dimostrata in questi mesi e la salvezza diretta conquistata al termine della passata stagione. La società augura a Tedino le migliori fortune per il prosieguo della carriera. A.C. Trento 1921 comunica contestualmente di aver affidato la guida tecnica della Prima Squadra a Joan Moll Moll, che nella scorsa estate aveva assunto l’incarico di Allenatore della Formazione Primavera Gialloblù".

Una decisione poi commentata dal direttore sportivo Giorgio Zamuner al Corriere del Trentino: 

"La decisione di esonerare Tedino è stata veramente difficile e sofferta. Bruno, come sa chi ci conosce bene, è un amico con cui ho lavorato anche in passato a Pordenone e che secondo me l'anno scorso ha fatto un lavoro eccellente. E anche quest'anno era partito molto bene, ma poi la squadra ha avuto un'involuzione. Abbiamo riflettuto in società su cosa fosse meglio fare e abbiamo preso insieme la decisione di cambiare. Può sembrare strana la tempistica ma ci siamo arrivati attraverso una serie di riflessioni".

E a iltquotidiano.it:

"Al momento non è che siamo poi così distanti da quelli che sono gli obiettivi dichiarati dalla proprietà in estate, ovvero una tranquilla permanenza in categoria, quindi non si è trattato di un qualcosa strettamente legato alla classifica. Piuttosto ha pesato il fatto che mi sembra che il gruppo abbia perso la propria identità, non ci sono state crescite collettive né dei singoli. Insomma qualcosa andava assolutamente fatto".

Per ora - come già sottolineato - la scelta è caduta su Joan Moll Moll:

"Un tecnico molto preparato e i risultati che sta ottenendo con la Primavera lo dimostrano concretamente - sono sempre le parole del dirigente gialloblù a iltquotidiano.it -. Ha idee e principi validi e una gran voglia di lavorare, vedremo che impatto avrà sul gruppo che reazione avranno i giocatori".

Ma sarà la sconfitta odierna con l'Atalanta U23 che detterà la linea e l'ex Renate Massimo Pavanel potrebbe essere davvero il sesto tecnico in questa stagione ad avvalersi della nuova normativa che permette agli allenatori di poter allenare due team, dopo Lucarelli (dalla Ternana al Catania), Colombo (dal Potenza al Renate), Vecchi (dalla Feralpisalò al Vicenza), Taurino (dal Monterosi Tuscia al Monopoli) e Tabbiani (dal Catania al Fiorenzuola).

Zamuner ha infatti ulteriormente evidenziato ai colleghi della stampa locale già citata:

"Vogliamo capire se servirà una guida tecnica più esperta. Sapete che non sono uno che ama fare pre tattica, conosco Massimo Pavanel da più di 20 anni e quindi è evidente sia in vantaggio rispetto ad altri".

Intanto Tedino, dopo l'esonero, ha firmato anche la risoluzione consensuale del rapporto professionale in scadenza al 30 giugno 2024. Con lui anche il suo vice Carlo Marchetto.

-

Valeria Debbia

-