Hockey Pista, Nazionale - WSG 2022: Italia sconfitta ai rigori nella finale per il bronzo mondiale

15.11.2022 20:00 di Roberto Krengli Twitter:    vedi letture
Fonte: fisr.it
Francia - Italia   8 - 7
Francia - Italia 8 - 7
© foto di fisr.it

12.11.2022

Argentina più concreta in semifinale (4 - 1), non basta una buonissima Italia nel primo tempo con due pali e tante occasioni create

La Nazionale Italiana Maschile viene sconfitta nella Semifinale Mondiale per 4-1 da una solida Argentina, che ha capitalizzato decisamente meglio le occasioni create in attacco. Non è bastato un ottimo Gnata a fermare il virtuoso attacco dei padroni di casa. Buona la partita di carattere degli Azzurri fino al 3-0, davanti a oltre 6000 persone assiepate come ogni sera nel mitico Aldo Cantoni; poi nel finale finalmente è arrivato il gol con Cocco ma anche una brutta notizia, il cartellino rosso allo stesso giocatore valdagnese che non sarà in campo nella finale per la medaglia di Bronzo, domenica alle ore 22:00 (ore 18 locali) contro la Francia. Una medaglia che non arriva dal 2003, una medaglia che ora verrà giocata contro un team che sempre ha messo in grosse difficoltà gli azzurri negli ultimi cinque anni. 

-

ARGENTINA - ITALIA   4 - 1  (2-0, 2-1)

Argentina: Acevedo, Platero, Ordonez, Romero, Alvarez - Nicolia (C), Pascual, Martinez, Mena, Grimalt - Coach: Paez
Italia: Gnata (C), Ipinazar, Gavioli, Ambrosio, Cocco - Verona, Malagoli, Compagno, Banini D, Barozzi - Coach: Bertolucci

Marcatori: 1st: 21'10" Romero (A), 24'56" Romero (pen.shot) (A) - 2t: 1'35" Ordonez (A), 22'14" Cocco (I), 24'28" Nicolia (dir.shot) (A)
Espulsioni: 1t: 10'05" Ipinazar (2') (I) and Romero (2') (A) and Argentina Bench (red card and 4') - 2t: 24'24" Cocco (red card) (I)

Arbitri: Diaz (Spa), Duarte (Por)

-

Ritorna Gnata in porta per gli Azzurri e ritorna nel quintetto del giovane Gavioli, con Ipinazar, Ambrosio e Cocco. Argentina ripropone lo stesso quintetto visto fino a qui, Acevedo, Platero, Ordonez, Romero e Alvarez. 

Solo un botta e risposta nei primi nove minuti di una partita temutissima da entrambe le squadre. La prima di Alvarez dopo 6 minuti e Gavioli al 9° minuto, due azioni in area che fanno subito sobbalzare gli oltre 6000 spettatori dell'Aldo Cantoni. Al minuto 10 infortunio per Pascual che esce tra gli applausi dei tifosi argentini, in infortunio che gli costerà l'intera stagione. Ne nasce una zuffa dove escono con il blu Romero e Ipinazar e con il rosso un componente dello staff argentino. Si gioca 3 contro 3 e Verona ha una grande possibilità con una traversa da un tiro ravvicinato. Terminato il 3 contro 3, ci sono 4 minuti di penalità per il rosso della panchina. Acevedo compie due interventi eccezionali sul powerplay azzurro su Verona e Malagoli, ancora in due azioni ravvicinate. E' ancora più pericolosa la squadra italiana con due conclusioni di Cocco e Malagoli ma ancora Acevedo si supera. Doppio Gnata decisivo al minuto 19: para un tiro diretto a Nicolia e pure la ribattuta di Mena. Il cartellino blu è stato comminato a Cocco per atterramento in contropiede dell'attaccante argentino, dopo un brutto disimpegno degli azzurri. Nel conseguente powerplay si porta in vantaggio l'Argentina con un tiro dalla media distanza dell'ex fortemarmino Gonzalo Romero al minuto 21'09". Inserimento di Romero sulla sinistra e palo esterno ad un minuto dalla fine, in un momento in cui gli azzurri decidono di calmare i ritmi e cercare la percussione interna. In un'altra percussione dalla sinistra, questa volta di un ispirato Alvarez (atterrato da Ipinazar), però arriva un rigore a soli 7 secondi dalla sirena, che Gonzalo Romero trasforma per il 2-0, grazie alla carambola che sfavorisce il portiere azzurro.

Avvio di secondo tempo col grande gol di Ordonez che nello stretto dribbla due uomini e infila la pallina a rasopista dove Gnata non ci arriva. E' il 3-0 che mette una grande sicurezza al passaggio in Finale, nonostante fino a qui l'Italia abbia giocato alla pari e avendo anche più occasioni degli stessi padroni di casa. Il triplice vantaggio però sfiducia gli azzurri a cui serve un timeout del CT per riordinare le idee, anche perchè l'Argentina attacca in maniera serrata e ci vuole un gran Gnata per non scivolare più in basso. Gli azzurri cercano di impensierire la difesa albiceleste anche nello stretto con Ambrosio e Cocco ma non riescono a superare un eccellente Acevedo: traversa al 15esimo minuto di Federico Ambrosio sull'entrata laterale, che conferma anche un po di sfortuna sottoporta. Ambrosio si prova in due conclusioni consecutive al minuto 18 ma ancora il muro Acevedo dice di no; dall'altra parte Alvarez non passa su Gnata, il migliore degli azzurri nella serata davanti al popolo argentino. Gli azzurri realizzano il loro primo gol a 2'46" dalla fine con Giulio Cocco, finalmente trafiggendo la porta argentina. Nel finale cartellino rosso a Cocco per un colpo di bastone su Romero che salterà quindi la Finale per il Bronzo contro la Francia, domenica alle ore 18:00. Il conseguente tiro diretto viene realizzato da Nicolia e la festa albiceleste è tutta sugli spalti con oltre 6000 persone intonando il coro "Argentina, Argentina".

"Abbiamo avuto una superiorità, non l'abbiamo concretizzata - commenta il CT Bertolucci -. Non siamo stati precisi nell'ultimo passaggio ed anche il portiere argentino ha fatto una grande partita. Non ho rammarico per la partita, l'abbiamo giocata a viso aperto come una grande squadra contro un avversario talentuosissimo. Due errori sono stati fatali, ed il terzo ci ha condizionato molto ma comunque siamo riusciti a giocare come volevamo. Abbiamo avuto una grande forza mentale in un palazzetto così pieno con tante pressioni e forse con un po' di fortuna sarebbe andata diversamente".

"Potevamo essere in vantaggio alla fine del primo tempo ma invece il risultato è stato il contrario - spiega Davide Gavioli -. Ci portiamo a casa una partita bellissima con il pubblico più bello del mondo e sicuramente il gap con squadre così forti con alcuni dei giocatori più forti al mondo, si sta riducendo e nei prossimi eventi internazionali potremo dire la nostra anche per il titolo".

-

Campionato Mondiale Senior Maschile allo stadio ALDO CANTONI di San Juan

Domenica 6 novembre - Prova pista ore 17:30 locali
Lunedì 7 novembre ore 17:30 (ore 21:30 italiana) - Giornata n.1 - Cile x Italia = 3-8
Martedì 8 novembre ore 19:45 (ore 23:45 italiana) - Giornata n.2 - Italia x Portogallo = 2-2
Mercoledì 9 novembre ore 15:15 (ore 19:15 italiana) - Giornata n.3 - Italia x Francia = 4-4
Giovedì 10 novembre ore 14:30 (ore 18:30 italiana) - Quarti di finale - Angola x Italia = 4-5
Venerdì 11 novembre ore 22:00 (ore 02:00 italiana) - Semifinale - Argentina x Italia = 4-1
Sabato 12 novembre - riposo

Domenica 13 novembre - allo stadio ALDO CANTONI - Finale per il bronzo ore18:00 locali (ore 22 italiana) - Francia x Italia

-

14.11.2022

Italia sconfitta ai rigori, due gol per Banini, uno per Ipinazar, Gavioli e Malagoli

Rimane ancora un tabù la medaglia per l'Italia nel Campionato Mondiale Senior Maschile. La Francia si aggiudica la medaglia ai tiri di rigore, all'ultimo rigore disponibile. Un braccio di ferro che ha dato il meglio di sè nel secondo tempo, quando entrambe le squadre volevano vincere. Il vantaggio ad un paio di minuti dalla fine, grazie ad un tiro di Davide Gavioli, ha dato l'illusione di poter sfatare il tabù che permane dal 2003, ma nel concitato finale è ancora la Francia che pareggia i conti a sei secondi dalla fine. La lotteria dei rigori premia la Francia con la rete decisiva di Da Costa, dopo le due reti realizzate da Ambrosio e Malagoli. L'Italia ci riproverà nel 2024 quando ospiterà i Mondiali in casa, con sede e date ancora da definire dalla Federazione Mondiale.

-

FRANCIA - ITALIA   8 - 7 ai rigori  (2-2, 3-3, 0-0, 0-0, 3-2)

Francia: Bonneau, Di Benedetto B, Di Benedetto R, Di Benedetto C (C), Le Roux - Herman, Le Berre, Da Costa, Savreux, Chambel - Coach: Savreux
Italia: Gnata (C), Ipinazar, Gavioli, Ambrosio, Verona - Compagno, Malagoli, Banini, Cinquini, BArozzi - Coach: Bertolucci

Marcatori: 1t: 6'14" Ipinazar (I), 8'03" Di Benedetto C (F), 12'02" Banini D (I), 19'08" Di Benedetto B (F) - 2t 2'46" Di Benedetto C (dir.shot) (F), 6'52" Malagoli (I), 18'32" Di Benedetto R (F), 19'56" Banini D (I), 22'33" Gavioli (I), 24'54" Di Benedetto B (F) - Rigori: Ambrosio (I), Di Benedetto R (F), Malagoli (I), Di Benedetto C (F), Da Costa (F)
Espulsioni: 2nd: 2'42" Gavioli (2') (I), 6'52" Le Roux (2') (F)

Arbitri: Diaz (Spa), Torres (Por)

-
Bertolucci sceglie il quintetto con Gnata, Ipinazar, Gavioli, Ambrosio e Verona mentre quintetto inamobivile per coach Savreux, con i tre fratelli italo-francesi Di Benedetto e Le Roux.

Lunga fase di studio dove le due difese fanno ottima guardia ai tiri dei rispettivi attacchi. Prima vera azione italiana e prima rete, sull'idea di Malagoli, servendo in area il liberissimo Ipinazar che insacca alla spalle di Bonneau. All'ottavo minuto risponde la Francia con un tiro in velocità di Carlo Di Benedetto che trova un corridoio aperto per il pareggio 1-1. Raddoppia l'Italia: inserimento in area di Davide Banini sull'assist profondo di Gavioli che agilmente aggira il portiere e firma l'1-2. Match che non decolla per ritmo e intensità come nel girone di qualificazione, dove il risultato è stato di 4-4: la stanchezza ma soprattutto il timore di prendere il gol mette le due squadre in spiccata modalità difensiva, perà sempre in cerca di un errore dell'avversario. Il nuovo pareggio francese arriva ancora dalla distanza con un tiro mirato di Bruno Di Benedetto che scheggia la traversa ed entra in rete. E' ancora pericolosa l'Italia, ancora con Ipinazar servito in centro area da Verona, in un primo tempo contraddistinto da una buona manovra, ma sofferente dalle ripartenze veloci dei tre fratelli.

La ripresa vede un ritmo più sostenuto e la Francia si guadagna un tiro diretto dopo 2 minuti che realizza con Carlo Di Benedetto (doppietta). Momento difficile per gli azzurri che non riescono ad ingranare un buon ritmo ma in azione prolungata in attacco riescono a guadagnarsi un rigore sull'atterramento di Banini. Dal dischetto Andrea Malagoli fissa il pareggio con un bel tiro angolato (minuto 7). Compagno si immola all'8° minuto sull'ennesima ripartenza dei francesi e blocca la pallina con il corpo, per i francesi è rigore, per gli arbitri è un tiro dall'angolo basso. A metà della ripresa le due squadre si fronteggiano sotto il profilo tattico più che tecnico. Poche le occasioni da segnalare e ritorna il timore di prendere un gol, con un palazzetto che si è già riempito al massimo della capienza in vista della finalissima. Giroporta vincente di Roberto Di Benedetto al minuto 18'32" con la difesa italiana ancora in difficoltà. Una carambola impazzita premia un attento Davide Banini al 19'56" che devia la pallina in rete per il nuovo pareggio 4-4. Davide Gavioli al 2'27" dallo scadere scaglia un tiro dalla lunga distanza e trova impreparato il portiere avversario. Il vantaggio dura sino a pochi secondi dalla fine del match, quando nel concitato finale (con cinque uomini di movimento) la Francia trova un rocambolesco pareggio con un tiro dalla distanza, dove arriva prima Bruno di Benedetto a soli sei secondi dalla fine. Supplementari che non producono praticamente nessuna azione e sono i rigori a decidere chi vincerà il Bronzo. Ambrosio, fuori per problemi fisici sin dall'inizio della gara, realizza subito la prima marcatura, pareggia Roberto Di Benedetto, Malagoli riporta avanti l'Italia ma Carlo di Benedetto ripareggia. Compagno e Verona non realizzano il rigore ma Da Costa sì e porta alla Francia la prima medaglia storica francese dell'Hockey su pista, mentre gli azzurri si classificano al quarto posto come nel 2017, nell'ottica di ritornare sul podio dal lontano 2003, ultimo argento e ultimo alloro mondiale del Senior Maschile.

-
Campionato Mondiale Senior Maschile allo stadio ALDO CANTONI di San Juan

Domenica 6 novembre - Prova pista ore 17:30 locali
Lunedì 7 novembre ore 17:30 (ore 21:30 italiana) - Giornata n.1 - Cile x Italia = 3-8
Martedì 8 novembre ore 19:45 (ore 23:45 italiana) - Giornata n.2 - Italia x Portogallo = 2-2
Mercoledì 9 novembre ore 15:15 (ore 19:15 italiana) - Giornata n.3 - Italia x Francia = 4-4
Giovedì 10 novembre ore 14:30 (ore 18:30 italiana) - Quarti di finale - Angola x Italia = 4-5
Venerdì 11 novembre ore 22:00 (ore 02:00 italiana) - Semifinale - Argentina x Italia = 4-1
Sabato 12 novembre - riposo

Domenica 13 novembre - allo stadio ALDO CANTONI - Finale per il bronzo ore 18:00 locali (ore 22 italiana) - Francia x Italia = 8-7 ai rigori

-