Volleymercato femminile - Kelsie Payne, Carlotta Cambi, Alexandra Lazic, Ulrike Bridi, Giulia Viscioni

Kelsie Payne al Sant'Anna - Carlotta Cambi a Pinerolo - Alexandra Lazic a Firenze - Ulrike Bridi a Offanengo - Giulia Viscioni a Perugia
17.08.2023 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Kelsie Payne, Carlotta Cambi, Alexandra Lazic, Ulrike Bridi, Giulia Viscioni

31/05/2023

Kelsie Payne al Sant'Anna

Un vero e proprio colpo di mercato quello con il quale si apre ufficialmente la stagione 2023/24 di Akademia Sant’Anna. Puntellare la rosa e rinforzarla con alcuni pezzi pregiati. Questo, sin dalle primissime ore successive alla salvezza, era stato il mantra del club messinese in vista del prossimo campionato di Serie A2 e, certamente, inizia nel migliore dei modi la costruzione del roster in vista della nuova stagione, con l’ufficializzazione dell’ingaggio dell’opposto Kelsie Payne, un vero e proprio top player per la categoria.

Nativa di Austin (Texas), classe 1995 per 193 centimetri di altezza, la Payne inizia il suo percorso pallavolistico prima a livello giovanile, vestendo le maglie delle scuole superiori texane Austin Juniors e John B. Cannally HS, per poi approdare al Kansas, dove giocherà i tornei universitari dal 2014 al 2017. Nella stagione 2018/19 il suo primo contratto professionistico nella Serie A brasiliana con il Pinheiros, mentre nella stagione successiva vola in Europa, dove gioca nella Serie A svizzera con la maglia del Kanti. Nel campionato 2020/21 approda al Korea Expressway nella V-League sudcoreana, dove gioca per due campionati consecutivi prima di tornare in Europa nella stagione appena conclusa, questa volta in Turchia, giocando da protagonista alla corte del Sigorta Shop, club impegnato nella Sultans League, la massima serie turca. Nella sua carriera sono tanti i titoli personali conquistati a livello universitario, che le sono valsi anche la convocazione nell’estate del 2016 da parte della Nazionale statunitense, con la quale giocherà la Coppa Panamericana e si aggiudicherà la medaglia di bronzo.

Per Akademia Sant’Anna si tratta di un autentico colpo in vista della prossima stagione: superando anche la concorrenza di diversi altri club blasonati della Serie A1 italiana e di altri team di alto livello nel panorama europeo, il club messinese si è riuscito ad assicurare le prestazioni di un vero e proprio top player per questa categoria. 

“Questa è la dimostrazione della volontà della società di voler costruire un roster in grado di competere ad altissimi livelli nella prossima stagione – queste le parole di un soddisfatto Fabrizio Costantino, Presidente di Akademia. E dimostra anche che ormai il nostro club è riuscito a costruire in questi anni di attività una credibilità importante nel panorama pallavolistico italiano, che passa attraverso un’attenta programmazione, un’oculata solidità dei progetti ed una gestione ottimale delle scelte tecniche, come la volontà di confermare sin da subito per le prossime due stagioni Coach Bonafede, che ci ha condotto sino ad una straordinaria impresa e con il quale stiamo progettando un prossimo futuro veramente importante”. 

“Siamo veramente soddisfatti di aver portato in riva allo Stretto una giocatrice del calibro della Payne, contesa da diversi top club di mezza Europa: questo ci inorgoglisce e ci stimola a lavorare con ancora più determinazione, con l’obiettivo, come stiamo già facendo, di costruire una rosa altamente competitiva e di organizzare il nostro progetto sportivo in maniera sempre più solida. Questo vuole essere un primo regalo che ci facciamo e che facciamo a tutti i nostri supporters: stiamo puntando, come promesso e come dimostra questo grande colpo, a crescere sempre di più e, adesso, abbiamo bisogno del sostegno da parte di tutti, partendo da un’ulteriore dimostrazione di vicinanza che passa anche dalla campagna abbonamenti. Colgo l’occasione, infine, per ringraziare i procuratori Alessandro De Lima e Giuseppe Selvaggi per il prezioso supporto nel concludere l’operazione con Kelsie Payne”.

-

01/06/2023

Carlotta Cambi a Pinerolo

La Wash4Green Pinerolo ha annunciato un importante colpo di mercato per la prossima stagione con l’arrivo, in cabina di regia, di una delle migliori alzatrici italiane, Carlotta Cambi. 

Nata a San Miniato (PI), classe 1996, approda in A2 a Piacenza nel 2014 e a fine stagione, dopo aver conquistato la medaglia di bronzo con la nazionale under 20 ai mondiali di categoria, sbarca a Casalmaggiore: qui vive un’annata speciale, esordendo in serie A1 e vincendo la Supercoppa Italiana e una storica Champions League. Nell’estate 2016, contestualmente al suo debutto in nazionale maggiore, si trasferisce a Novara, dove mette in bacheca lo scudetto insieme fra l’altro al suo nuovo capitano Sara Alberti. Nel 2017 viene ingaggiata da Pesaro, disputando la sua prima vera stagione da titolare in A1, al termine della quale prende parte alla fantastica spedizione della nazionale maggiore ai mondiali in Giappone, vincendo l’argento, poi seguono un’annata a Bergamo e una a Cuneo, e due stagioni e mezzo a Firenze con il Bisonte, per poi arrivare lo scorso dicembre, a campionato in corso, a Novara.

“Portiamo a Pinerolo uno dei migliori talenti tra le palleggiatrici italiane, un tassello decisamente importante nella costruzione della nuova Wash4green – commenta soddisfatto il DS Francesco Cicchiello –-. Il suo curriculum e la bacheca dei trofei vinti parla da se Carlotta non ha bisogno di presentazioni, la qualità unita alla fantasia e all’estro che sfoggia in campo saranno un grande valore aggiunto per la crescita di questo nuovo gruppo“.

“Pinerolo in questi due anni, dalla promozione in Serie A1 è sempre stata una società che ho apprezzato guardandola da lontano. Ho sempre visto in questo club un grande attaccamento alle proprie giocatrici e la voglia di lavorare tanto, per fare bene – queste le prime parole di Carlotta Cambi da regista di Pinerolo -. Dal momento in cui mi è arrivata la proposta di poter entrare a fare parte di questo mondo, questa è stata una delle motivazioni che mi ha spinto ad accettare, l’idea di trovare staff, società e tifosi pronti a dare il 100% insieme per ambire a soddisfazioni sempre più grandi. Adesso è il momento delle vacanze, ma sto già iniziando a lavorare per la prossima stagione.. Non vedo l’ora di conoscere tutti, a presto !”

-

01/06/2023

Alexandra Lazic a Firenze

Da una gemella all’altra. Dopo Rebecka Lazic, bisontina nella stagione 2020/21, anche la sorella Alexandra Lazic vestirà nel prossimo campionato di serie A1 la maglia de Il Bisonte Firenze. 

La schiacciatrice svedese classe 1994, reduce dalla sua prima annata in Italia con la Bartoccini Fortinfissi Perugia, va a rendere ancora più competitivo un reparto delle attaccanti laterali che può già contare su Lina Alsmeier e Mayu Ishikawa: nonostante non abbia ancora compiuto 29 anni, l’esperienza internazionale non manca ad Alexandra Lazic, che ha giocato in Svezia, Francia, Svizzera, Turchia, Germania e Polonia, vincendo anche diversi trofei e partecipando più volte alle coppe europee. In più conosce bene coach Carlo Parisi, che l’ha allenata per una stagione al Le Cannet, in Francia, esplorandone anche la duttilità offensiva: Lazic, che in questi giorni è impegnata con la sua Svezia nella Golden European League, vestirà la maglia numero 11, e si aggregherà al gruppo a settembre dopo i campionati europei.

LA CARRIERA 

Alexandra Lazic nasce il 24 settembre 1994 a Lenhovda, in Svezia, e insieme alla sorella gemella Rebecka (che ha vestito la maglia de Il Bisonte nel 2020/21) cresce pallavolisticamente nello Svedala, per poi passare nel 2010 al Falköping: nel 2011, non ancora diciassettenne, debutta in nazionale, poi nel 2011/12 si laurea miglior realizzatrice del campionato svedese, e al termine della stagione viene ingaggiata con la sorella dal Cannes: in quattro anni (di cui i primi due con Rebecka) vince tre campionati e tre coppe di Francia, poi nel 2016 si trasferisce al Le Cannet, sempre in Francia, dove da capitano, e agli ordini dell’attuale coach de Il Bisonte Carlo Parisi, si prende il riconoscimento di miglior schiacciatrice della Ligue A, mentre l’anno successivo vola in Svizzera, al Volero Zurigo, centrando il triplete campionato, Coppa di Svizzera e Supercoppa di Svizzera. Nel 2018, dopo aver vinto la Silver European League con la Svezia, si sposta in Turchia, al Nilufer Bursa, poi al termine della stagione va allo Stoccarda, in Germania, per poi provare anche l’esperienza in Polonia, nel 2020/21 con il Rzeszów e nel 2021/22 con il Radom. In mezzo anche lo storico ottavo posto con la Svezia agli Europei, mentre sempre con la nazionale nel 2022 vince per la seconda volta la Silver European League: dopo l’estate sbarca per la prima volta in Italia con la maglia di Perugia, e adesso il trasferimento a Il Bisonte Firenze.

Le parole di Alexandra Lazic

“Sono super entusiasta di entrare a far parte della famiglia de Il Bisonte. Dato che mia sorella ha giocato per questo club, conosce abbastanza bene l’ambiente e le persone che ne fanno parte, e mi ha detto solo cose positive: questo aspetto ha avuto un grande impatto sulla mia decisione di venire a Firenze, in più ho già avuto un’ottima esperienza con Carlo Parisi in Francia, e anche questo è stato un altro fattore importante. Sono davvero felice di poter lavorare ancora con lui. C’è stata una grande rivoluzione nella squadra e non conosco personalmente molte delle ragazze, ma le conosco come giocatrici e so che sta nascendo un gruppo ambizioso”. 

“La mia prima stagione in Italia è stata piuttosto dura, ma mi ha comunque insegnato quanto sia competitivo il campionato e l’importanza del gruppo, quindi spero che si crei una buona intesa per raggiungere i traguardi che ci siamo prefissati. A livello di obiettivi, io punto sempre al meglio: voglio crescere come giocatrice e aiutare la mia squadra in ogni modo possibile per ottenere più vittorie. Spero che potremo divertirci molto in questa stagione, insieme allo staff, ai dirigenti e a tutti i tifosi”.

-

01/06/2023

Ulrike Bridi a Offanengo

E’ tempo del primo volto nuovo in casa Chromavis Eco DB, formazione di punta del Volley Offanengo che nella prossima stagione per il secondo anno consecutivo e della propria storia militerà in A2 femminile. La società del presidente Cristian Bressan annuncia l’arrivo della palleggiatrice Ulrike Bridi, proveniente dall’Hermaea Olbia, formazione sfidata in regular season dalla squadra di Giorgio Bolzoni. Classe 1998, è il primo tassello del nuovo mosaico neroverde.

“Ully – spiega il direttore generale del Volley Offanengo Stefano Condina – è una giocatrice che mi ha favorevolmente colpito quando l’abbiamo affrontata ed è stata subito una nostra prima scelta. Abbiamo parlato più volte e sono contento abbia scelto Offanengo: sono convinto che insieme ci divertiremo. Alle spalle ha due stagioni da titolare in A2 e in entrambe mi ha colpito per la grinta che ha sempre messo in campo”.

IL PROFILO

Nata a Trento il 24 luglio 1998 da padre italiano e madre argentina, Ulrike Bridi ha mosso i primi passi all’ombra del Monte Bondone, prima con l’Ata Trento poi con il Marzola e l’Argentario, società che ha riabbracciato dopo l’esperienza alla Bruel Bassano con Malinov. Nell’Argentario ha conquistato un terzo posto alle finali under 18 e si è affacciata anche in prima squadra in B2, sfidando tra l’altro Offanengo e venendo allenata da Maurizio Moretti e Luca Pieragnoli. Dopo le esperienze in B1 con Firenze, Albese e Bedizzole, nel 2019 è stata ingaggiata dalla Millenium Brescia in A1, potendo ulteriormente crescere in un biennio alle spalle di registe navigate come Caracuta e Bechis. Infine, il biennio da protagonista in campo in A2 prima con Catania (2021-2022) e infine con Olbia (2022-2023), dove è stata allenata dall’ex Offanengo Dino Guadalupi. Nel suo palmarès personale figura anche il beach volley, facendo parte della nazionale italiana, oltre allo scudetto 2018 nel Sand Volley 4×4 con la canotta di Brescia.

“Ho parlato con il dg Condina – afferma la Bridi –  è stato molto bravo a espormi il progetto e a convincermi: a Offanengo c’è voglia di far le cose per bene e seriamente e non è da tutti. E’ bello entrare a far parte di una società che ha ambizione, un aspetto in cui mi ci vedo molto: mi è piaciuto anche questo aspetto. So che quest’anno la Chromavis Eco Db ha disputato un buon campionato, “rubando” punti anche a grandi squadre come Mondovì, ero convinta che alla fine arrivasse la salvezza”. 

“Inoltre, conosco bene Francesca Trevisan (neocapitano di Offanengo, ndc), siamo amiche e ho parlato anche con lei prima di scegliere. Nella scorsa stagione, con Olbia ho affrontato Offanengo al PalaCoim: è stato molto bello, era la nostra prima trasferta e mi ricordo un palazzetto pieno alla seconda giornata, con un tifo non scontato in categoria che segue la squadra anche in trasferta. I tifosi sono un qualcosa in più di importante”. 

Quindi aggiunge:

“Voglio continuare a crescere e a consolidarmi a questi livelli, voglio mettermi in gioco: insieme ci potremo divertire molto. In campo e ogni giorno in palestra do il massimo, è importante essere professionali e mi piace lavorare e dare il meglio. Mi ritengo umile ma allo stesso tempo ambiziosa; come palleggiatrice, mi piace il gioco veloce e vario, da mancina mi diverto anche con i secondi tocchi”.

-

02/06/2023

Giulia Viscioni a Perugia

Dopo l’ufficializzazione dell’opposto, ecco che si allunga la lista dei componenti in maglietta nera per la prossima stagione della Bartoccini-Fortinfissi Perugia. Come da tradizione il club umbro crede molto nelle giovani e Giulia Viscioni è la chiara testimonianza che anche per la stagione 2023/2024 la filosofia di dedicarsi alle future promesse continuerà anche in Serie A2.

Classe 2004 abruzzese di Sant’Omero lascia presto l’Abruzzo per trasferirsi a Casal De’ Pazzi nella stagione 2020/2021 dove resta per due anni, nella scorsa stagione riceve la chiamata del Club Italiadunque fa il suo esordio in Serie A2 come schiacciatrice. Molte le soddisfazioni anche in azzurro, dove ha dimostrato di essere un’attaccante a 360 gradi ricoprendo con le nazionali under il ruolo di opposto (ottenendo il riconoscimento di miglior opposto nel Mondiale Under 18 del 2021), conquistando poi nel 2022 due ori: uno al Campionato Europeo Under 19 e l’altro al Festival Olimpico della Gioventù Europea.

“Sin da subito tra le offerte ricevute Perugia è stata quella che mi ha colpita maggiormente, la sua storia, il progetto ambizioso di risalire in A1 e soprattutto il forte interesse da parte della dirigenza e dell’allenatore nei miei confronti, hanno fatto in modo che fosse la mia scelta definitiva. Le ambizioni sono tante e questo è sicuramente uno stimolo in più per me, come certamente lo sarà anche per le mie future compagne, dovremo dare sempre il massimo per raggiungere gli tutti gli obbiettivi prefissati, personalmente mi impegnerò giorno dopo giorno per migliorare tecnicamente, vorrei acquisire ancor più fiducia con il campo e crescere sotto tutti i punti di vista, sono sicura che Perugia mi permetterà di raggiungere anche questi miei obbiettivi personali“.

“Purtroppo ho avuto modo di vedere Perugia solo attraverso i palazzetti, ma sono sicura che avrò la possibilità di conoscerla a pieno una volta che mi sarò trasferita – continua la neoperugina. Mi ritengo una buona forchetta e non vedo l’ora di assaggiare tutti i piatti tipici che so essere buonissimi, poi sono molto entusiasta, spero di di conoscere presto tutte le mie compagne e lo staff e iniziare presto a lavorare. Vorrei dire grazie a tutti per questo caloroso benvenuto e grazie anche alla Dirigenza e all’allenatore per la stima, con questi presupposti poi, non vedo l’ora di conoscere i tifosi umbri“.

-