Volleymercato femminile - Giulia Leonardi, Greta Szakmary, Rebecca Piva, Anna Gray, Arianna Vittorini

Giulia Leonardi a Firenze - Greta Szakmary a Novara - Rebecca Piva a Busto Arsizio - Anna Gray a Chieri - Arianna Vittorini a Macerata
20.07.2023 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Giulia Leonardi, Greta Szakmary, Rebecca Piva, Anna Gray, Arianna Vittorini

25/05/2023

Giulia Leonardi a Firenze

Dopo una pausa di due anni, rallegrata dalla nascita del piccolo Leonardo, Giulia Leonardi è pronta a rindossare le ginocchiere.

E per farlo ha scelto Il Bisonte Firenze, che è onorato di annunciare l’ingaggio del libero classe 1987, una delle giocatrici più vincenti e più amate dell’ultimo decennio. 

In carriera la Farfalla Tigre – questo il soprannome coniato per lei dai suoi ex tifosi di Busto Arsizio – ha messo in bacheca ben sei trofei, quattro dei quali (campionato, Coppa Italia, Coppa Cev e Supercoppa Italiana) proprio a Busto, sotto la guida di coach Carlo Parisi.

E la presenza del suo ‘mentore’ sulla panchina de Il Bisonte è stata certamente determinante nella decisione di tornare al volley giocato. 

Dopo la nascita nel luglio scorso del piccolo Leonardo – avuto con il marito Enzo Barbaro, ex dirigente di Busto e attuale dg della Legavolley femminile – Giulia ha ripreso praticamente subito ad allenarsi, anche grazie all’ospitalità del Volley Club Cesena di Cristiano Lucchi (che milita in B1) e adesso è pronta a rimettersi in gioco con la maglia numero 6 de Il Bisonte Firenze.

LA CARRIERA

Giulia Leonardi nasce a Cesena l’1 dicembre 1987, e cresce pallavolisticamente nel Volley Club Cesena, giocando in serie D fino al 2005, quando sale in C con il Sant’Egidio.

L’anno successivo torna a Cesena, stavolta in B2, poi nel 2007 viene ingaggiata dal Volley 2002 Forlì, con il quale a 20 anni debutta in A1: nel 2008 si trasferisce alla Pallavolo Cesena, sempre in A1, poi a fine anno la società cede il titolo a Urbino, con la cui maglia Leonardi esplode definitivamente, vincendo la Cev Cup nel 2011 e guadagnandosi le prime convocazioni in nazionale. 

In estate gioca gli Europei con l’Italia, poi viene ingaggiata da Busto Arsizio, dove rimane per quattro stagioni, conquistando il triplete nel 2012 (scudetto, Coppa Italia e Coppa Cev) e la Supercoppa Italiana l’anno successivo.

Nel 2015 decide di trasferirsi a Piacenza, club in cui milita per tre anni (uno come Nordmeccanica Piacenza e due come Liu Jo Nordmeccanica Modena), giocando altre due finali scudetto prima di tornare a Busto nel 2018.

La sua nuova esperienza con le Farfalle dura altre tre stagioni, in cui vince un’altra Coppa Cev nel 2019, poi nel 2021 decide di prendersi una pausa per la maternità, e adesso il ritorno al volley giocato con Il Bisonte.

Le parole di Giulia Leonardi

“Non ho mai voluto dare l’addio ufficiale, non me la sentivo e in questi due anni la pallavolo mi è mancata un casino: ho sempre pensato, ‘se qualche squadra vorrà darmi una possibilità sarà il momento di tornare’, e quando mi è arrivata la proposta de Il Bisonte non ho avuto alcun dubbio”. 

“Carlo Parisi è stato l’allenatore più importante per me, ed è lui che mi ha convinto a ripartire: con un allenatore che non conosco magari sarebbe stato più difficile, invece sono onorata che mi abbia voluto lui.

Ho tante amiche che hanno giocato a Firenze e a cui ho chiesto informazioni, ma devo dire che in generale Il Bisonte è una società che ha sempre avuto buone squadre, e che tutti descrivono come una famiglia riunita intorno al grande cuore di Wanny Di Filippo”. 

“E poi ho visto come è organizzato Palazzo Wanny: molti altri club una struttura come questa non ce l’hanno, è un ambiente di lavoro molto confortevole.

Non so cosa aspettarmi perché è una squadra tutta nuova: qualche ragazza la conosco ma in generale sono molto contenta perché è un gruppo molto giovane e a me piace lavorare con le giovani. Impegnarsi fin dagli allenamenti sarà la cosa principale, poi tutto il resto verrà da sé”.

-

25/05/2023

Greta Szakmary a Novara

Nel giorno in cui è avvenuta la clamorosa separazione dal tecnico Stefano Lavarini, la Igor Gorgonzola Novara ufficializza un’altra novità, questa volta in entrata: come già noto da tempo, in posto 4 arriva l’ungherese Greta Szakmary, reduce da una stagione molto positiva alla Cuneo Granda San Bernardo.

Classe 1991, Szakmary ha iniziato la carriera nella squadra della sua città natale, il Fatum Nyiregyhaza, per poi proseguire nel suo paese prima con il Godollo e poi con il Bekescsabai.

In seguito ha vestito per quattro stagioni la maglia di Schwerin in Germania, vincendo quattro Supercoppe, due coppe nazionali e uno scudetto; si è infine trasferita all’Aydin in Turchia prima e a Cuneo poi. 

“Conosciamo Greta da anni – commenta il direttore generale Enrico Marchioni – e nell’ultima stagione abbiamo potuto anche verificare da vicino, specie negli scontri diretti, l’ottimo impatto sul campionato italiano. Si tratta di una schiacciatrice esperta, completa, e che interpreta al meglio il suo ruolo garantendo anche diverse alternative dal punto di vista tecnico.

Confidiamo che con noi possa alzare ulteriormente la propria asticella, dando un contributo importante a quella che sarà la nostra stagione“.

Molto soddisfatta la stessa Szakmary:

“Fin da quando ho iniziato a giocare a pallavolo, il mio sogno era quello di giocare nel campionato italiano.

Dopo aver vissuto questa esperienza la scorsa stagione a Cuneo, oggi sento di poter compiere un ulteriore salto in avanti, entrando a far parte di un club importante come Novara.

Il mio obiettivo è quello di mettere in campo il mio meglio, dimostrare il mio valore: è ovvio che nello sport tutti vogliono vincere ed è quello che ambisco a fare anche io, ma per riuscirci so che il primo passo deve venire proprio da me, dal riuscire a esprimermi al meglio.

La pallavolo ha un ruolo centrale nella mia vita, il resto lo dedico alle persone che amo e ai viaggi“.

-

26/05/2023

Rebecca Piva a Busto Arsizio

Prende sempre più forma la E-Work Busto Arsizio versione 2023-24: arriva anche l’annuncio ufficiale dell’arrivo di Rebecca Piva, schiacciatrice impegnata nell’ultima stagione alla Trasportipesanti Casalmaggiore ed autrice di un ottimo campionato, culminato con la vittoria dei Play Off Challenge.

La banda classe 2001, 186 cm di altezza ed originaria di Bologna, si è distinta in tutti i fondamentali conquistando la fiducia del CT Mazzanti, che l’ha inserita nel gruppo di lavoro della nazionale femminile per gli impegni di questa estate.

Rebecca Piva non è peraltro nuova all’azzurro, avendo già esordito nella VNL nel 2021. 

Figlia d’arte, Piva ha iniziato a giocare a 6 anni a Bologna e lì è rimasta fino ai 17, poi il trasferimento a Novara, dove ha conquistato la promozione dalla B2 alla B1.

Dal 2019 al 2021 ha giocato in serie A2 a Ravenna, mentre nel 2021-22 ha esordito in A1 con la maglia della Delta Despar Trentino.

Dopo il passaggio a Brescia a stagione in corso, l’ultima già citata esperienza a Casalmaggiore.

Dopo l’estate azzurra inizierà il suo nuovo corso a Busto Arsizio (anche per lei contratto di almeno due anni) insieme a coach Velasco.

Ecco le sue prime parole da farfalla: 

“Ritengo che il progetto che mi è stato presentato dalla società sia molto interessante e non ho mai avuto dubbi che la UYBA sarebbe stata la scelta giusta: si sta formando una squadra che mi piace e sono sicura che con il lavoro in palestra potremo toglierci delle soddisfazioni.

Il fatto di essere per la maggior parte ragazze giovani, più o meno della stessa età, potrà essere un fattore positivo anche nella costruzione del gruppo“. 

“A Casalmaggiore – continua Piva – ho avuto la possibilità di crescere sia a livello personale che tecnico, è stato un altro pezzo di strada importante per la mia carriera, così come lo sarà il percorso in nazionale di quest’estate.

Considero ogni opportunità un’occasione di crescita e la scelta per la UYBA è stata presa proprio per continuare a perseguire questo obbiettivo. 

Intanto porto avanti anche i miei studi in Ingegneria Energetica e diverse attività nel mondo digital: credo che sia importante già ora costruirsi percorsi paralleli, ma ovviamente il mio focus principale è il volley e non vedo l’ora di tuffarmi in questa nuova avventura da farfalla“.

-

26/05/2023

Anna Gray a Chieri

Le conferme di Camilla Weitzel e Fatim Kone, l’inserimento di Katerina Zakchaiou, ora un’altra novità: Anna Gray.

È lei la giocatrice che completa il reparto centrali della nuova Reale Mutua Fenera Chieri ‘76.

Classe 1996, 187 centimetri, nata a Tortona ma da sempre di casa nel pavese a Rivanazzano Terme, dopo due stagioni in B1 con Martignacco si è affacciata per la prima volta in A2 con San Giovanni in Marignano nel 2017/2018, stagione in cui ha vinto la Coppa Italia di categoria e perso i play-off promozione proprio contro Chieri.

In altre due stagioni in Romagna si è guadagnata sempre più spazio in campo.

Nel 2020 il trasferimento a Pinerolo.

Nel biennio in A2 ha raggiunto le finali dei play-off (perse contro Vallefoglia) e conquistato la promozione diretta nello spareggio con Brescia; nel 2022/2023 ha giocato il suo primo campionato in A1, iniziato in panchina e concluso da titolarissima con uno straordinario rendimento a muro: ben 94 i punti realizzati, dato che fa di lei la miglior giocatrice della massima categoria in questo fondamentale.

“Non nascondo che la chiamata di Chieri è arrivata del tutto inaspettata – ammette Anna Gray. Ricevere questa proposta mi ha fatto molto piacere.

Certo, ho fatto un buon campionato, ma era il mio primo anno di A1…

Sono veramente contenta per la fiducia che mi è stata data nonostante la scarsa esperienza“.

Protagonista fin qui di una carriera in costante ascesa, un passo alla volta, Anna spiega che l’offerta di Chieri era per lei irrinunciabile:

“Ho avuto ottime “recensioni” per la qualità dell’allenamento e dell’allenatore.

Con Michele Marchiaro mi sono sempre trovata benissimo, mi ha aiutato molto a migliorare mentalmente, ma sento il bisogno di lavorare su certi limiti che ho e crescere da un punto di vista tecnico: è quel che mi manca.

Chieri è ben proiettata per un buon lavoro, ed è quel che mi entusiasma di più.

Tutti mi hanno parlato molto bene anche della società, una famiglia, questo mi aiuta molto a stare tranquilla”

Fuori dal campo Anna Gray si descrive come una grande amante dei libri.

Da un paio d’anni affianca all’attività di pallavolista un percorso di studi in Psicologia:

“È una materia che mi ha sempre appassionata.

Per ora prendo l’università soltanto come un hobby, per il piacere personale di leggere, studiare, approfondire, ma vorrei che un domani diventasse un piano B per quando non giocherò più… spero fra molti anni !

In futuro mi piacerebbe molto anche lavorare con i bambini“.

Le aspettative e gli obiettivi per la prossima stagione ?

“Venendo a Chieri il livello si alza ancora di più.

Non so bene cosa aspettarmi.

L’ultima stagione è stata per me bellissima, mai avrei pensato di essere fra le migliori a muro, e so che confermarmi sarà difficile; desidero crescere anche in attacco, dove non eccello.

Spero di concretizzare questo percorso.

Non voglio fermarmi qui.

Per arrivare dove, non so: non mi pongo limiti“.

-

26/05/2023

Arianna Vittorini a Macerata

Nuovo colpo in entrata per la CBF Balducci HR Macerata: il club marchigiano ha perfezionato l’ingaggio della schiacciatrice Arianna Vittorini, classe 2002 per 181 centimetri di altezza, che vestirà così l’arancionero nella stagione 2023-24.

La giocatrice toscana, cresciuta nel settore giovanile de Il Bisonte Firenze, ha disputato l’ultimo campionato nella BSC Materials Sassuolo in Serie A2, mettendosi in evidenza con alcune ottime prestazioni che hanno convinto la dirigenza della CBF Balducci HR a puntare sulla schiacciatrice.

L’arrivo di Vittorini completa il reparto martelli-ricevitori, già composto dalle confermate Alessia Fiesoli e Giorgia Quarchioni e dal volto nuovo Alessia Bolzonetti.

“Il progetto che mi ha proposto la società è ottimo, non potevo dire di no – racconta Arianna Vittorini dopo la firma del contratto –.

Sono molto contenta delle scelte e delle idee che hanno in mente per questo anno, Macerata vuole puntare in alto, ci vuole tanto duro lavoro ma sono sicura che possiamo raggiungere ottimi risultati.

Nelle Marche porto la mia voglia di mettermi in gioco, di lavorare duro, la mia competitività e la mia grinta. 

Gli obiettivi di questo team sono sicuramente disputare una buona stagione e arrivare a giocarci la promozione, mentre come target personali vorrei crescere ancora a livello tecnico: mi metterò a disposizione della squadra in qualsiasi momento“.

-