Rassegna stampa - LA STAMPA: "Calcio, finisce l’era Ferranti a Novara: è il giorno della firma per la cessione"

Oggi, mercoledì 13, alle 17,30 l’appuntamento in uno studio notarile di Milano: La Rocca possibile nuovo presidente
13.12.2023 10:00 di Roberto Krengli Twitter:    vedi letture
Fonte: lastampa.it
Massimo Ferranti
Massimo Ferranti

L’ultima firma è arrivata puntuale. Con la formale adesione della famiglia Boveri all’accordo di compravendita si completa il quadro del gruppo di soci pronto ad acquistare il Novara. È confermato per oggi, mercoledì 13, alle 17,30 l’appuntamento con il closing in uno studio notarile di Milano. Il contratto prevede il passaggio del 100% delle quote da Massimo Ferranti alla compagine rappresentata nelle settimane di trattativa da Pietro Lo Monaco.

L’ex dg di Catania e Palermo ricoprirà la stessa carica in azzurro e sulla carta si propone anche come uno dei tre azionisti tramite la Plm management srl, di cui è socio unico. I Boveri partecipano al progetto invece attraverso Bf srl, società di locazioni e investimenti immobiliari presieduta dal padre Ferruccio e amministrata dal figlio Fabio. La principale attività economica è però rappresentata dalla Simic spa, grande azienda fondata nel 1975 a Camerana (Cuneo) da Ferruccio Boveri e Giuseppe Ginola. Il gruppo di 304 dipendenti è specializzato nella progettazione, fabbricazione e manutenzione di impianti industriali complessi per clienti come Cern, Enel, Eni, Ferrero o Fincantieri con un giro d’affari di 181 milioni di euro e 21 milioni di utili.

Esperienze in Eccellenza e Serie D

La terza figura chiave è Marco La Rosa, già presidente di Trapani e Giarre, amministratore unico della Linea blu diagnostici srl con sede nel Catanese: l’azienda è attiva dal 2011 realizzando apparecchiature medicali, più nello specifico prodotti e macchinari per laboratori di analisi cliniche, diagnostica e radiologia, e ha chiuso il 2022 con ricavi pari a 10 milioni di euro. La Rosa è destinato ad assumere il ruolo di presidente del club, avendo accumulato una certa esperienza in Eccellenza e Serie D siciliana nelle stesse vesti. In consiglio spazio per una rappresentanza novarese a garanzia in un certo senso di continuità e coinvolgimento del territorio. Nel nuovo organigramma dovrebbe comparire anche Antonio Stinà, agente Fifa e consulente di mercato che ha collaborato con Lo Monaco nello sviluppo della trattativa: per lui si ipotizza una responsabilità dirigenziale.

Il gruppo porterà sponsorizzazioni e sarà operativo ufficialmente da domani, anche se dal punto di vista tecnico l’ex dg di Catania e Palermo ha in questi mesi potuto analizzare seppure dall’esterno in maniera approfondita prestazioni e potenzialità della squadra. In fondo l’operazione non si è risolta in un lampo.

Su La Stampa era stata accennata per la prima volta l’8 novembre e in un primo momento non aveva per la verità acceso l’attenzione di Ferranti. Quando poi sono cominciati a circolare in maniera riservata i nomi dei possibili investitori, alleati attorno a un dirigente come Lo Monaco, l’iniziativa si è consolidata. Anche negli ultimi tempi non sono comunque mancati gli ostacoli, a cominciare dall’inserimento della fantomatica cordata slavo-torinese che faceva tremare i tifosi. Mai il francese Alain Pedretti, ex socio di Enea Benedetto all’Alessandria, è stato vicino a chiudere l’affare.

-

Filippo Massara

-