Auguri a Davide Lanzafame e Valerio Foglio !

Nel 2018 Tuttonovara fa gli auguri di buon compleanno ai calciatori viventi che vestono o hanno vestito la maglia Azzurra, agli allenatori e ai dirigenti del Novara Calcio
09.02.2018 09:20 di Roberto Krengli Twitter:   articolo letto 59 volte
Fonte: it.wikipedia.org
Davide Lanzafame
Davide Lanzafame

1.

Il 9 febbraio 1987 nasce a Torino, comune capoluogo dell'omonima città metropolitana e della regione Piemonte, Davide Lanzafame, che oggi dunque compie 31 anni.

Alto 1,80 per 75 kg., gioca a calcio come centrocampista o attaccante nel ruolo di ala destra dal 1992. Attualmente è un giocatore dell'Honvéd (Budapest Honvéd Football Club (dall'ungherese: honvéd, «difensore della patria»), noto a livello internazionale semplicemente come Honvéd), società polisportiva ungherese con sede a Budapest, che milita nella massima Serie del campionato ungherese.

Tuttonovara gli fa i migliori auguri di buon compleanno !

 

Nota

Davide Lanzafame è soprannominato Lanciafiamme. 

 

Cenni biografici

Davide Lanzafame nasce a Torino da madre torinese e padre siciliano. Ha un fratello, Giovanni, che gli fa da procuratore.

Nell'agosto 2012 viene iscritto, insieme ad altri suoi ex compagni del Bari, nel registro degli indagati dalla Procura di Bari per frode sportiva in riguardo ad alcune partite del Bari truccate in passato.

Il 6 giugno 2013 viene deferito alla commissione disciplinare per la partita Bari-Treviso 0-1 del 2007-2008 e per omessa denuncia di Salernitana-Bari 3-2 del 2008-2009: secondo l'accusa in entrambi i casi avrebbe ricevuto soldi per perdere la partita.

Successivamente, il 5 luglio, il calciatore nell'ambito del filone Bari-bis sul calcioscommesse patteggia una pena a un 1 anno e 4 mesi di squalifica.

L'11 dicembre patteggia la pena con 1 mese di reclusione.

 

Carriera

Club

Davide Lanzafame muove i primi passi nella squadra dilettantistica del Barcanova, della quale suo padre era un dirigente.

In seguito suo fratello maggiore Giovanni lo convince a sostenere un provino prima col il Torino, con esito negativo, e poco dopo con la Juventus, che invece lo tessera e di cui rimane un giocatore per quattordici anni. Con le formazioni giovanili vince in totale un Campionato Berretti, un Campionato Primavera, una Coppa Italia Primavera, una Supercoppa italiana Primavera e un Torneo di Viareggio, nel quale fu il capocannoniere della squadra. Esordisce in prima squadra il 3 giugno 2007, nella partita tra Juventus e Bari, penultima giornata del torneo di Serie B 2006-2007, giocata nel capoluogo pugliese e terminata con la vittoria della squadra di casa (1-0); tale presenza gli permette di fregiarsi, assieme al resto della rosa bianconera, della vittoria di quel campionato cadetto.

Proprio al Bari viene ceduto in prestito per la stagione 2007-2008. Nella stagione giocata in Puglia si rivela uomo-gol, arrivando prima del termine della stagione in doppia cifra, giocando come centravanti, seconda punta o esterno offensivo. In questa posizione viene impiegato da Giuseppe Materazzi, mentre con Antonio Conte torna a giocare nella posizione di ala. Durante il campionato, disputato in maniera positiva, è autore di reti decisive che permettono al Bari la permanenza in Serie B.

Il 30 maggio 2008 viene data la notizia del suo trasferimento al Palermo nell'ambito dell'operazione che ha portato Amauri alla Juventus, ma l'annuncio ufficiale è dato solamente il 1º luglio, in quanto, fino al giorno precedente, era sotto contratto con il Bari, squadra nella quale militava in prestito dalla formazione bianconera. Dopo aver esercitato la contro-opzione sul suo cartellino con i pugliesi, viene ceduto a titolo definitivo per 5 milioni di euro al Palermo, per poi prendere metà cartellino per 2,5 milioni. Coi rosanero firma un contratto da 400.000 euro a stagione. Esordisce in Serie A il 30 agosto nella gara esterna contro l'Udinese, persa 3-1.

Il 26 dicembre dello stesso anno, il Bari ufficializza il suo ritorno in maglia biancorossa durante la sessione di mercato invernale, scelta fatta dal giocatore per tornare a giocare con continuità. La formula è quella del prestito secco, con l'avallo della Juventus comproprietaria del cartellino. Con i pugliesi vince il campionato cadetto 2008-2009. A fine stagione Palermo e Juventus, proprietarie del suo cartellino, decidono di rinnovare ancora per un anno la compartecipazione.

Tornato quindi al Palermo per fine prestito, il 13 luglio 2009 passa con la stessa formula al Parma. Segna la prima rete con la nuova maglia alla nona presenza, l'8 novembre, in Parma-Chievo (2-0), per poi ripetersi nella giornata successiva, realizzando il gol decisivo del 2-3 nella vittoriosa trasferta di Firenze contro la Fiorentina. Il 9 maggio 2010, in Juventus-Parma (2-3) della 37ª giornata di campionato, segna la sua prima doppietta in Serie A, proprio contro la squadra in cui è cresciuto. Sette giorni dopo mette a segno un'altra doppietta, ovvero la sua settima ed ultima rete in campionato, all'ultima giornata contro il Livorno.

Finito il prestito al Parma, il 25 giugno 2010 Palermo e Juventus, proprietarie ciascuna di mezzo cartellino del giocatore, si accordano per il rinnovo della comproprietà e per il passaggio alla squadra bianconera. Esordisce nuovamente nella Juventus, con la sua seconda presenza in assoluto, il 29 luglio 2010 in Shamrock Rovers-Juventus (0-2), nell'andata del terzo turno preliminare di Europa League, giocata da titolare (esordio assoluto nelle coppe europee per lui).

A causa dello scarso utilizzo in bianconero (3 presenze in campionato e 6 in Europa League, comprese 4 apparizioni nei turni preliminari), il 4 gennaio 2011 si trasferisce in prestito al Brescia, che gli corrisponde la totalità dell'ingaggio. Esordisce con le rondinelle già due giorni dopo, in Brescia-Cesena (1-2), entrando al 47' del primo tempo al posto di Alessandro Diamanti. Il 22 gennaio 2011, alla quarta presenza col Brescia, gioca per la prima volta da titolare, nella trasferta in casa del Palermo (sconfitta per 1-0), sua ex squadra. Chiude discretamente la stagione con le rondinelle con 13 presenze.

Il 24 giugno 2011 Palermo e Juventus non fanno alcuna offerta per il suo cartellino, così la compartecipazione viene risolta dalla società siciliana. Non rientra però nei piani tecnici della società, che non lo convoca per il ritiro estivo.

Il 10 agosto 2011 viene ufficializzato il suo passaggio in compartecipazione al Catania nell'ambito della trattativa che ha portato Matías Silvestre al Palermo: metà del suo cartellino è valutata un milione di euro. Il giocatore si allenava già da qualche giorno coi rossazzurri; il contratto presso la Lega Calcio è stato depositato due giorni dopo. Esordisce in maglia rossazzurra il 21 agosto in Catania-Brescia (2-1) del terzo turno di Coppa Italia, giocando titolare e uscendo al 62' per far posto ad Andrea Catellani. Segna il primo gol con la maglia del Catania il 29 novembre 2011 nella gara valevole per il quarto turno di Coppa Italia contro il Novara, segnando il gol del momentaneo 1-0 nella partita poi vinta per 3-2 dagli ospiti. Il 22 giugno 2012, termine ultimo per la risoluzione delle compartecipazioni, il Palermo non fa nessuna offerta per il cartellino del giocatore, che da regolamento rimane nella squadra che lo ha tesserato per ultimo, il Catania.

Il 10 settembre 2012, grazie a una proroga concessa al Grosseto per le operazioni di calciomercato, passa in prestito alla società toscana. Esordisce in campionato alla quarta giornata contro il Crotone, giocando titolare e venendo sostituito al 52' da Valerio Foglio. Segna la sua prima rete con i toscani il 6 ottobre nella sconfitta interna contro il Sassuolo (1-2), andando a segno con una mezza rovesciata dal limite dell'area.

Il 29 gennaio dopo 16 presenze e due reti torna al Catania che lo gira subito in prestito agli ungheresi dell'Honvéd. Fa il suo esordio con il club magiaro il 3 marzo in occasione della diciottesima giornata di campionato persa per 4-0 contro il Videoton, segna la sua prima rete in campionato il 12 aprile nella sfida interna contro il Kaposvár servendo prima l'assist dell'1-1 al 60' e poi completando la rimonta segnando sette minuti dopo consegnando così la vittoria alla sua squadra. Il 28 aprile 2013, durante la 25ª giornata di campionato nella partita disputata contro il Pécsi, in seguito a un litigio con il compagno Leandro Martínez su chi dovesse tra i due battere un calcio di rigore, viene ammonito per la seconda volta e quindi espulso. Chiude l'esperienza ungherese con 5 gol segnati in 10 presenze, condite con 5 assist.

Il 30 giugno 2013 per fine prestito torna al Catania, ma non si aggrega al ritiro dei giocatori rossazzurri; successivamente, non allenandosi col Catania, assume un preparatore atletico allenandosi sia per conto proprio sia con una squadra dilettantistica. L'8 ottobre seguente lascia Catania rescindendo consensualmente il contratto che lo legava agli etnei.

Il 12 agosto 2014, da svincolato, si accorda con il Perugia, neopromosso in Serie B. Con la squadra umbra raggiunge a fine stagione i play-off, persi al turno preliminare contro il Pescara. L'anno seguente colleziona altre 17 presenze con gli umbri.

Il 21 gennaio 2016, nella sessione invernale di calciomercato, passa al Novara. Esordisce con i piemontesi due giorni dopo, nella sconfitta interna per 0-1 contro il Crotone, subentrando al 70' al posto di Pablo Gonzalez. Segna la sua prima e unica rete con la maglia azzurra nell'ultima partita dei play-off, la trasferta persa 2-4 contro il Pescara.

Il 25 agosto 2016 lascia Novara per far ritorno dopo tre anni ai magiari della Honvéd. Fa il suo secondo esordio coi rossoneri il 10 settembre, all'ottava giornata di campionato, fornendo l'assist della rete che sblocca il risultato, nel 3-1 a favore del Mezőkövesd-Zsóry. Segna il suo primo gol stagionale otto giorni dopo, nel derby cittadino contro l'MTK Budapest, trasformando il rigore del 2-0 nella partita che finirà poi 5-0 per la sua squadra. Il 27 maggio dopo aver vinto lo scontro al vertice 1-0 con il Videoton si laurea insieme al resto della squadra campione d'Ungheria concludendo la stagione con 25 presenze e 11 reti, migliorando il suo record personale fermo a 10 marcature stagionali.

Nazionale

Il commissario tecnico della Nazionale Under-21 Pierluigi Casiraghi lo convoca per la prima volta per la partita contro l'Azerbaigian del 25 marzo 2008 valida per le qualificazioni agli Europei 2009.

L'esordio sul campo avviene il 21 maggio con la Nazionale Olimpica, entrando nel 2º tempo di Italia-Costa d'Avorio (2-0), partita del Torneo di Tolone, manifestazione amichevole in preparazione ai Giochi olimpici di Pechino. Due giorni dopo segna il suo primo gol con la maglia degli azzurrini contro la Turchia.

Dopo le positive apparizioni con la selezione Olimpica, il 5 settembre 2008 esordisce con l'Under-21, a Castel di Sangro, entrando nel secondo tempo di Italia-Grecia (1-1), partita valida per la qualificazione agli Europei Under-21 del 2009.

 

Ecco in sintesi la carriera di Davide Lanzafame. Nell'ordine sono indicate la/e stagione/i, la squadra di club (con → sono segnati gli eventuali prestiti), il numero di presenze in campionato e, tra parentesi, il numero di gol segnati:

Giovanili

1992-93  - Barcanova
1993-2007 - Juventus

Squadre di club

2006-07 - Juventus - 1 (0)
2007-08 → Bari - 37 (10)
2008-09 - Palermo - 9 (0)
2009 → Bari - 18 (2)
2009-10 → Parma - 27 (7)
2010-11 - Juventus - 3 (0)
2011 → Brescia - 13 (0)
2011-12 - Catania - 11 (1)
2012-13 → Grosseto - 16 (2)
2013 → Honvéd - 10 (5)
2014-16 - Perugia - 39 (1)
2016 - Novara - 13 (0)
2016-oggi - Honvéd

Nazionale

2007 - Italia U-20 - 1 (0)
2008 - Italia olimpica - 4 (1)
2008 - Italia U-21 - 3 (0)

 

Palmarès

Club

Competizioni giovanili

Coppa Italia Primavera: 1   (Juventus: 2006-07)

Competizioni nazionali

Campionato italiano di Serie B: 2   (Juventus: 2006-07, Bari: 2008-09)

Campionato ungherese: 1   (Honvéd: 2016-17)

Nazionale

Torneo di Tolone: 1   (2008)

Individuale

Capocannoniere del Torneo di Viareggio: 1   (2007 (7 gol))

Calciatore dell'anno dell'Honvéd: 1   (2017)

Calciatore dell'anno della NBI: 1   (2016-17)

 

2.

Il 9 febbraio 1985 nasce a Legnano, comune della città metropolitana di Milano, in Lombardia, Valerio Foglio, che oggi dunque compie 33 anni.

Alto 1,80 per 70 kg., gioca a calcio come difensore nel ruolo di terzino sinistro dal 2001. Attualmente è un giocatore della Giana Erminio in Serie C.

Tuttonovara gli fa i migliori auguri di buon compleanno !

 

Caratteristiche tecniche

Terzino sinistro di notevole propensione offensiva, Valerio Foglio può essere impiegato anche come esterno di centrocampo o come ala.

 

Carriera

Valerio Foglio muove i suoi primi passi nel vivaio dell'Atalanta.

Il 24 giugno 2004 viene ceduto in comproprietà al Vicenza, in Serie B. Esordisce tra i professionisti il 22 agosto 2004 in Pro Patria-Vicenza (1-2), partita valida per la seconda giornata della fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia, giocando titolare. Il 27 giugno 2005 viene rinnovata la comproprietà tra le due società.

Il 2 gennaio 2006 passa in prestito al Pisa, in Serie C1.

Terminata la stagione, viene riscattatto alle buste dal Vicenza, che il 21 agosto 2006 lo cede in prestito al Pavia, in Serie C1.

Nel 2007 viene prelevato sempre in C1 dal Legnano a titolo temporaneo. Terminato il prestito rientra a Vicenza.

Il 15 luglio 2009 passa in comproprietà all'Albinoleffe. Esordisce con i seriani il 9 agosto in occasione di SPAL-AlbinoLeffe (3-1), partita valida per il secondo turno di Coppa Italia. Termina l'annata con 30 presenze e 4 reti. Il 24 giugno 2010 la comproprietà viene risolta a favore della società lombarda.

Il 30 agosto 2012 passa a titolo definitivo in Serie B al Grosseto. Nel corso della stagione non riesce ad incidere, anche a causa dei continui cambi di modulo adottati dai biancorossi.

Il 2 settembre 2013 sottoscrive un contratto biennale con la Reggina, nuovamente in Serie B. Il 5 giugno 2014 rescinde il proprio contratto con gli amaranto.

Il 18 giugno 2014 viene prelevato a parametro zero dal Monza, neopromossa in Lega Pro.

Il 13 gennaio 2015 passa in Lega Pro al Novara, con cui sottoscrive un contratto valido fino al 2016. Il 10 maggio 2015 il Novara viene promosso in Serie B con annessa vittoria del campionato. A questa vittoria segue quella della Supercoppa di Lega Pro.

Il 31 agosto si lega in Lega Pro al Mantova fino al 2018.

Il 25 luglio 2017 però firma un contratto annuale con la compagine lombarda della Giana Erminio, militante in Serie C.

 

Ecco in sintesi la carriera di Valerio Foglio. Nell'ordine sono indicate la/e stagione/i, la squadra di club (con → sono segnati gli eventuali prestiti), il numero di presenze in campionato e, tra parentesi, il numero di gol segnati:

Giovanili

2001-04 - Atalanta

Squadre di club

2004-06 - Vicenza - 12 (0)
2006 → Pisa - 3 (0)
2006-07 → Pavia - 25 (2)
2007-08 → Legnano - 29 (5)
2008-09 - Vicenza - 14 (0)
2009-12 - AlbinoLeffe - 92 (10)
2012-13 - Grosseto - 24 (1)
2013-14 - Reggina - 23 (1)
2014-15 - Monza - 18 (3)
2015 - Novara - 14 (1)
2015-16 - Mantova - 13 (0)
2016 - Pavia - 13 (1)
2016-17 - Carrarese - 14 (0)

2017-oggi - Giana Erminio

Nazionale

2003-04 - Italia U-18 - 3 (0)
2005 - Italia U-20 - 2 (0)

 

Palmarès

Club

Competizioni giovanili

Campionato Allievi Nazionali: 1   (Atalanta: 2001-02)

Coppa Italia Primavera: 1   (Atalanta: 2002-03)

Competizioni nazionali

Lega Pro: 1   (Novara: 2014-15)

Supercoppa di Lega Pro: 1   (Novara: 2015)