Volleymercato femminile - Martina Fedrigo, Anna Caneva, Maria Irene Ricci, Milica Kubura e Eleonora Fersino

Martina Fedrigo a S.G. Marignano - Anna Caneva a Cutrofiano - Maria Irene Ricci a Trento - Milica Kubura a Caserta - Eleonora Fersino a Bergamo
13.07.2020 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Martina Fedrigo, Anna Caneva, Maria Irene Ricci, Milica Kubura e Eleonora Fersino

1.

Bolognese di Castel San Pietro, classe’ 99 di 183 cm, Martina Fedrigo muove i primi passi ad Imola.

Successivamente gioca a San Lazzaro e nell’Anderlini di Modena in serie B2. Nel 2017 è a San Donà in B1. Nel 2018 conquista la Coppa Italia e la promozione in serie A2 con il Martignacco dove ci rimane anche l’anno successivo procurandosi un infortunio che la costringe allo stop. Lo scorso anno in B1 alla GTN riprende il suo percorso interrotto poi dalla pandemia.

“Sono veramente contenta di far parte di questa società – racconta Martina – e ringrazio l’Omag di avermi offerto questa opportunità. Sono sicura che sarà una stagione entusiasmante e ricca di belle emozioni e mi impegnerò al massimo per potere dire la mia in campo. Inoltre dopo 3 anni a Udine, devo dire che rientrare nella mia regione mi carica ulteriormente, anche perché avvicinarsi a casa è sempre bello. Ho avuto occasione di venire negli anni passati nel vostro palazzetto e devo dire che la tifoseria mi ha colpito per il suo essere molto calorosa e questo per un’atleta può solo fare piacere e caricarla ancora di più.

Le compagne non sono tutte nuove, infatti ritrovo Francesca Cosi con cui ho giocato e abitato insieme a San Donà di Piave. Non vedo l’ora di conoscere le altre compagne e tutto lo staff e di iniziare questa nuova esperienza e riprendere".

-

2.

Arriva il terzo acquisto in casa salentina, una Big assoluta del panorama pallavolistico della A2. Sbarca al Cutrofiano la fortissima centrale Anna Caneva, giocatrice di valore assoluto, capace di spostare gli equilibri in campo. Un pezzo da novanta per la rosa a disposizione di mister Carratù e che sta prendendo forma e sostanza proprio in questi giorni.

La Caneva è pronta a vestire la maglia delle Pantere e i tifosi iniziano a fregiarsi le mani immaginando la ripresa del campionato, quando in campo scenderanno le loro beniamine in una squadra che al momento è in via di costruzione, profondamente rinnovata, ma che promette comunque di dare spettacolo.

L’arrivo della Caneva è di livello assoluto, per la qualità e lo spessore dell’atleta e per un curriculum che parla da sé…

“Sono onorata di arrivare in Salento. Cutrofiano mi ha subito convinta per la bontà e serietà del progetto. È una piazza che è riuscita a farsi apprezzare in pochissimo tempo e per molte giocatrici è divenuta molto ambita. Qui ci sono i presupposti per far bene e togliersi belle soddisfazioni senza pressioni. Non vedo l’ora, di conoscere le mie nuove compagne ed iniziare tutti insieme questa nuova stimolante avventura. Non per ultimo aspetto di conoscere da vicino il fantastico calore di un pubblico davvero unico ed eccezionale e che sino ad ora ho visto da avversaria e di cui finalmente potrò averne il sostegno”.

Conosciamo meglio la storia sportiva del nuovo arrivo in casa Cutrofiano…

Anna Caneva è una veterana dei campionati nazionali. Nata a Marostica, ma da sempre residente fra Bassano del Grappa e Rossano Veneto, 186 cm d’altezza, ha giocato nel Club Italia per quattro stagioni esordendo in A2 nel 2009-2010 sotto la guida di Massimo Barbolini. Ha poi disputato due campionati in B1 a San Mariano, quindi di nuovo in A2 in puglia a San Vito dei Normanni. Dopo un’operazione alla spalla, nel 2014-2015 è ripartita dalla B1 a Vercelli. Nella stagione 2015-2016 ha difeso i colori di Padova in B1 raggiungendo le semifinali dei play-off. Nel 2016-2017 ritorna sul palcoscenico della serie A, precisamente in A2 con il Fenera Chieri. Nella stagione successiva il suo trasferimento a San Giovanni in Marignano sempre in A2 dove rimarrà per due stagioni raggiungendo anche la vittoria della coppa italia di A2 nel 2018. Nella passata stagione il trasferimento in A2 tra le fila del Soverato.

-

3.

Arriva dalla formazione cadetta (B1) dell’Altino Volley la regista che affiancherà Maria Luisa Cumino nel reparto palleggiatrici della Delta Informatica Trentino 2020/2021.

La scelta della società trentina, per rimpiazzare in rosa la partente Berasi, è ricaduta su Maria Irene Ricci, palleggiatrice di 179 centimetri, nata a Roma nel 1996 e nelle ultime stagioni protagonista in una realtà, quella abruzzese dell’Altino, che ha sempre lottato per la promozione e che, prima dell’interruzione dei campionati per l’emergenza Covid-19, navigava al vertice della classifica del proprio girone di B1. Quella di Maria Irene la possiamo definire una carriera in costante crescita, con la prima esperienza in un campionato nazionale a soli 16 anni tra le fila dell’Arabona Volley Manoppello in B2 prima di trasferirsi a Pescara, a Civitanova e infine, come detto, nelle ultime tre stagioni all’Altino Volley.

«Ero in cerca di una nuova sfida e di nuovi stimoli ma difficilmente fino a pochi mesi fa avrei pensato ad una chiamata da parte di Trento – spiega Maria Irene Ricci, alla sua prima esperienza in serie A –. Appena mi si è presentata questa possibilità ho fatto il possibile per far sì che la trattativa si concretizzasse, perché considero questa società solida e molto ambiziosa. Sono davvero onorata e felice di essere qui, ho scelto Trento perché so che è una piazza in cui posso crescere molto e i recenti ottimi risultati ottenuti dalla squadra confermano che si tratta di una società in cui è possibile intraprendere un percorso importante. Ho parlato con Bertini e mi ha fatto una bella impressione».

«La serie A è sempre stata un obiettivo – prosegue la Riccima l’emergenza sanitaria pensavo mi avrebbe obbligato a rinviare questo desiderio. Sono felicissima che invece la trattativa sia andata in porto, sono determinata e fiduciosa per questa nuova opportunità. La città di Trento? Mi hanno sempre parlato molto bene di come si vive a Trento e se devo essere sincera già da qualche anno mi ripromettevo di visitarla; evidentemente era destino, ora sono davvero entusiasta di giocare per questa maglia e per questa città».

La scheda di Maria Irene Ricci

Luogo di nascita: Roma
Data di nascita: 17 febbraio 1996
Ruolo: palleggiatrice
Altezza: 179 cm

Carriera

2020/2021 Delta Informatica Trentino
2017/2020 Altino Volley B1
2016/2017 Sacrata Civitanova Marche B2
2015/2016 Dannunziana Pescara B1
fine 2014/2015 Dannunziana Pescara B1
inizio 2014/2015 Arabona Manoppello B2
2012/2014 Arabona Manoppello B2

-

4.

Milica Kubura, nata a Belgrado il 20/3/1995, 25 anni, 194 cm, occhi di ghiaccio e braccio di fuoco è il nuovo opposto della Volalto 2.0 Caserta .

Nazionalità Serba, National league , entourage della nazionale campione del mondo, Milica Kubura, ha al suo attivo presenze in club prestigiosi come il Crvena Zvezda e la Florida University e nel 2012 a soli 17 anni faceva già parte del CEV Junior Vollleyball European Championship . Nonostante la giovane età, carriera e palmares di Milica Kubura sono da capogiro. È entrata nella pallavolo attraverso la sorella maggiore e ha iniziato la sua carriera in OK Red Star Belgrade. Con juniores Serbia, ha vinto il bronzo ai Mondiali in Turchia nel 2011 e l'argento nel 2012. Medaglia d’oro Copa 2012/2013. Dal 2014 al 2017 ha studiato alla Florida State University e ha giocato nella squadra universitaria Seminoles, è poi ritornata in Serbia ed è ha giocato nel OK Partizan Belgrado.  Nel 2019 ha preso parte alla Nations League con la squadra nazionale serba. Quindi è passata al club tedesco Dresdner SC1898. 

Milica ha percentuali di attacco da brividi con blocchi e attacchi che sfiorano la cifra 1000. 

A Caserta, dunque, grazie alla grande serietà e professionalità di Mr. Milic, vedremo una vera macchina da guerra, dagli occhi di ghiaccio a dal braccio di fuoco!

-

5.

Sarà la campionessa del Mondo in carica, Eleonora Fersino, il libero della Zanetti Bergamo 2020-2021.

Veneta, classe 2000, Eleonora ha conquistato il Mondiale per Club e la Coppa Italia nella scorsa stagione con Conegliano. Con l’Imoco ha all’attivo anche due Supercoppa italiane e uno Scudetto.

“Sono molto contenta di aver ricevuto la proposta di Bergamo. E’ una società importante e storica che ha sempre fatto bene e sono davvero felice di avere l’opportunità di farne parte”.

Due anni a Conegliano le hanno insegnato a vincere, tra le altre cose… 

“Ho fatto tantissima esperienza anche se non ho avuto un ruolo da protagonista. Ho vissuto tante belle partite e tante emozioni in campo che credo mi abbiano fatto crescere molto anche a livello caratteriale e mi hanno fatto acquisire una certa sicurezza. 
Sono stati due anni che mi sono serviti tantissimo anche grazie a De Gennaro. Penso di avere imparato e aver avuto la possibilità di vivere bellissimi momenti”.

Ora però tutto cambia. Eleonora Fersino è pronta a un ruolo da protagonista. 

“Titolare ? Un onore e un prestigio. Dopo due anni, avevo voglia di mettermi in gioco e ritagliarmi un ruolo da protagonista”.

Un pensiero anche all’azzurro ?

“La Nazionale ? E’ sempre un obiettivo perché è sempre un onore ricevere una chiamata, sarebbe una bella soddisfazione.
Ora però penso a Bergamo. Tutti me ne hanno sempre parlato bene. Oltre che è una società storica, e questo lo sapevo anch’io, mi hanno detto di una società organizzata, molto professionale, in cui si lavora bene. Le atlete stanno tranquille in questo ambiente".

E fuori da campo ? Che cosa tiene impegnata Eleonora ? 

“Sono iscritta all’università di Scienze Motorie. Sono ancora al primo anno. Mi piace uscire con gli amici e passare il tempo con la mia famiglia e poi seguo un po’ tutti gli sport, dal calcio al basket e il tennis in particolare”.

-