Volleymercato femminile - Maria Victoria Mayer, Lara Caravello

Maria Victoria Mayer a Chieri - Lara Caravello a Conegliano
29.05.2020 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Maria Victoria Mayer, Lara Caravello

1.

La palleggiatrice Maria Victoria “Vicky” Mayer è la prima novità della Reale Mutua Fenera Chieri ’76 per il campionato di A1 2020-2021.

Argentina di Santa Fe, classe 2001 (compirà 19 anni il 19 giugno), 180 centimetri d’altezza, dopo aver iniziato a giocare nel Regatas Santa Fe ha disputato tre campionati nazionali argentini con la nazionale Under 18, il Club San Jorge e il Gimnasia ed Esgrima de La Plata. La scorsa stagione si è trasferita al Clube de Regatas do Flamengo nella Superliga brasiliana.
Ha partecipato a due campionati mondiali e diverse altre manifestazioni internazionali con le nazionali giovanili, ricevendo il premio di miglior palleggiatrice nel Campionato Sudamericano Under 20 del 2018. Dal 2019 fa parte della nazionale argentina Seniores, con cui ha ottenuto la medaglia di bronzo (e il premio di miglior palleggiatrice) ai Giochi Panamericani di Lima, ha partecipato alla Coppa del Mondo in Giappone, e ha centrato la qualificazione ai Giochi Olimpici di Tokyo.
I suoi bisnonni materni erano italiani, di Pinerolo e Montebelluna.

«Giocare nel campionato italiano, uno dei migliori al mondo, era uno dei miei sogni – sottolinea Vicky Mayer. Mi è piaciuta molto l’offerta di Chieri, è una squadra giovane che lavorerà sodo e mi aiuterà nella mia crescita. Spero di fare al meglio la mia parte. Con Valeria Papa (compagna di Vicky al Flamengo, ndr) ho parlato tanto dell’Italia, mi ha detto un sacco di cose belle del campionato, molto professionale, e mi ha detto che mi sarebbe piaciuta molto. L’idea di trasferirmi dall’altra parte del mondo non mi spaventa. È una nuova esperienza per me, so che ci saranno molte sfide, ma voglio davvero essere lì. La mia famiglia mi supporta in ogni passo che faccio».

-

2.

Nuovo annuncio per l’Imoco Volley che ha tesserato per ricoprire il ruolo di libero Lara Caravello, nata a Udine il 4 maggio 1994, alta 176 cm.

Giocherà con la maglia n°1.

La 26enne friulana è un prodotto del florido vivaio della Libertas Martignacco, dove sbocciò la sua passione per il volley dopo gli inizi sulle orme della sorella.
Lara si mise in luce già da giovanissima nella prima squadra in B1 per le sue doti tecniche e carismatiche, tanto da vestire appena ventenne i gradi di capitano alla Libertas.
Nel 2016/17 un’annata di formazione importante in A2 a Soverato, poi l’anno successivo il ritorno a casa e la vittoria del campionato di B1 con la “sua” Martignacco seguita da due ottimi campionati in A2, sempre in maglia friulana. Dallo scorso anno è passata dal ruolo di schiacciatrice con la specialità della ricezione, a quello del “libero” che vestirà con l’Imoco Volley.
E’ stata compagna fino a due stagioni or sono della Pantera Giulia Gennari, palleggiatrice, con cui d’estate si cimenta in coppia anche nel beach volley con buon successo, come conferma la vittoria a Bibione nel 2019 del Campionato Italiano “Silver” a coppie.

- Lara, raccontaci la tua carriera.

“Ho iniziato a giocare a sei anni perchè seguivo sempre con i miei genitori gli allenamenti di mia sorella e appena ho potuto sono andata al minivolley. Sono cresciuta nel Rizzi Udine, poi a 16 anni sono arrivata al Martignacco con cui ho fatto giovanili e la scalata fino in A2. Prima giocavo schiacciatrice, da un anno invece faccio il libero e mi sono trovata subito bene nel ruolo. Martignacco per me è una società speciale, dove c’e’ una passione eccezionale che si percepisce sia nella prima squadra che nelle giovanili, c’è un po’ di dispiacere dopo tanti anni, devo ringraziare tante persone e in special modo il presidente Bernardino Ceccarelli che è sempre stato un riferimento. So che loro sono contenti per me e saranno i primi tifosi dell’Imoco.”

- Una particolarità, Lara lavora in ufficio e l’abbiamo “intercettata” al telefono a fine orario lavorativo.

“Si, lavoro nell’azienda di trasporti proprio del presidente Ceccarelli, che è anche lo sponsor della squadra, sono all’ufficio acquisti e manutenzione e lavoro mattina e pomeriggio. Prima dell’anno a Soverato invece lavoravo nell’ufficio in un’acciaieria friulana. Sono diplomata, perito areonautico. Ora sto aspettando di sapere quando inizieranno gli allenamenti con l’Imoco per licenziarmi, intanto sto lavorando regolarmente.”

- Un grande cambiamento alle porte per te, dalla A2 alla squadra Campione del Mondo, dal semiprofessionismo al volley a tempo…pienissimo ! 

“A inizio mese mi è arrivata questa proposta, all’inizio non ci credevo, pensavo fosse uno scherzo o avessero sbagliato numero, è stato strano. Poi ho iniziato a connettere e a rendermi conto che stava succedendo davvero. Ho pensato al mio sogno da quando ero piccola, giocare con le più forti del mondo, e adesso me lo stavano chiedendo davvero! Ho messo da parte tutti i tentennamenti e ho detto di si. Però penso che mi renderò conto davvero di quello che è successo quando farò il primo allenamento e avrò la maglia gialloblù addosso.”  

- Cambierà la vita, ma anche in campo il livello sarà diverso dalla A2.

“Certamente dovrò adattarmi, per me questo è il secondo anno da libero e poterlo fare allenandomi e imparando tutti i giorni da un modello come Monica De Gennaro è un’opportunità incredibile per la mia crescita. Monica è un mostro di costanza, di cura del dettaglio, di perfezione nel lavoro, potrò averne benefici straordinari. Mi fa un po’ specie, ma dovrò abituarmi all’idea che mi allenerò con le più forti del mondo e con uno staff tecnico super. Ho già parlato con coach Santarelli, ci siamo conosciuti e mi ha fatto un’ottima impressione, adesso sono qui per dare il massimo in questa nuova e stimolante avventura che non vedo l’ora cominci davvero.”

- Hai parlato con Giulia Gennari ? 

“Si ci siamo sentite, abbiamo un rapporto di amicizia molto intenso dopo anni di gioco insieme, anche nel beach volley. La Lilli è stata una delle prime a chiamare per complimentarsi con me. Quest’anno l’ho seguita tanto in tv e ho sempre gioito ai suoi successi e a quelli delle Pantere.”

-