Volleymercato femminile - Joelle M’Bra, Katarina Luketic, Giulia Gibertini, Lea Cvetnić e Anna Lualdi

Joelle M’Bra a Cutrofiano - Katarina Luketic a Bergamo - Giulia Gibertini a Chieri - Lea Cvetnić a Brescia - Anna Lualdi a Busto Arsizio
09.07.2020 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Joelle M’Bra, Katarina Luketic, Giulia Gibertini, Lea Cvetnić e Anna Lualdi

1.

Fortemente voluta e seguita dal DS Francesco Melegari sin dai tempi in cui militava nel Marsala, sbarca nel Salento il forte opposto mancino, all’occorrenza anche schiacciatrice di banda, Joelle M’BRA. È il primo tassello della rosa che affronterà la stagione sportiva 2020/2021 ed arriva subito dopo la conferma in panchina di mister Antonio Carratù, segno che sotto traccia si era al lavoro da tempo.

Nonostante una campagna acquisti partita in ritardo, la società sta dimostrando di sapersi ottimamente destreggiare nella costruzione di una squadra chiamata a rappresentare, ancora una volta, la Puglia nella pallavolo femminile che conta. Nei prossimi giorni sono annunciate altre importantissime novità sul fronte mercato, senza perdere di vista la realtà rispetto alle occasioni che si presenteranno.

Ecco a voi JOELLE M’BRA

Schiacciatrice mancina capace di destreggiarsi anche nel ruolo di opposto Joelle M’Bra, pur essendo giovanissima (classe 1996) ha già alle spalle delle esperienze importanti nei campionati nazionali femminili. In A2 a Rovigo e Pesaro e in B1 ad Asti, Busto Arsizio, Marsala, Bedizzole, Palau e per ultima Perugia. Nata a Rossano Calabro, Joelle si è da subito trasferita in Veneto con la famiglia (Vicenza), dove ha iniziato a muove i primi passi nel volley con la maglia di Padova.

Nata il 08/03/1996 Rossano
Nazionalità Sportiva ITA
Ruolo Schiacciatrice
Altezza 180 cm

2019-2020 B1 3M PERUGIA
2018-2019 B1 PALAU
2017-2018 B1 BEDIZZOLE
2016-2017 B1 SIGEL MARSALA
2015-2016 A2 MYCICERO PESARO
2014-2015 A2 BENG ROVIGO
2013-2014 B1 VOLLEY DOC ASTI
2012-2013 B1 FUTURA VOLLEY BUSTO ARSIZIO

-

2.

Katarina Luketic, opposto, croata, classe 1998, alta 190 centimetri, è una giocatrice della Zanetti Bergamo.

Sarà agli ordini di coach Turino per la stagione 2020-2021 e va a inserirsi nella casella Nuovi Arrivi insieme a Juliann Faucette Johnson.
Cresciuta sportivamente a Zagabria, sua città natale, già conosce l’Italia, dove ha vestito la maglia dell’Exacer Montale, in A2, nella passata stagione.

“Sono nata e cresciuta a Zagabria, dove vivo con la mia famiglia e mio fratello maggiore – racconta dopo aver siglato il contratto che la lega al Volley Bergamo – Ho iniziato a giocare a pallavolo a 13 anni: ho provato diversi sport fino a quando un giorno una compagna di scuola ha avuto l’idea di provare la pallavolo, così sono andata con lei alle prime prove e mi sono innamorata di questo sport.
E uno dei motivi per cui mi sono innamorato della pallavolo è la connessione e lo spirito di squadra con le compagne”

Katarina non nasconde l’entusiasmo per la nuova avventura rossoblù: 

“Sono molto emozionata e felice di avere l’opportunità di rappresentare Bergamo, la sua grande storia e tradizione. Non vedo l’ora di lavorare insieme per migliorare ogni giorno e raggiungere l’obiettivo del club”.

- Come è Katarina Luketic, in campo e fuori ?

“Nel tempo libero mi piace stare con gli amici. Adoro gli animali, in particolare i cani: ho uno yorkshire terrier di 11 anni di nome Ria. Mi piace guardare film, leggere libri e recentemente, durante il lockdown, ho iniziato a suonare il pianoforte.
In campo non mi arrendo mai e adoro la competizione. Perché sono sempre motivata a cercare la vittoria. Lo vedrete anche a Bergamo”.

 
LA SCHEDA
Katarina Luketic nasce a Zagabria il 28 settembre 1998.
La nazionale croata, alta 190 centimetri, arriva a Bergamo dopo essere cresciuta nel Mladost Zagabria e dopo un’esperienza negli Stati Uniti con la Texas University e una stagione nel campionato italiano di A2 con la maglia dell’Exacer Montale.

-

3.

Gioca libero da quando il ruolo è stato creato, quando nel 2000 ha partecipato a 16 anni al suo primo campionato nazionale. Un’esperienza ventennale che la prossima stagione Giulia Gibertini metterà al servizio della Reale Mutua Fenera Chieri ’76.

È lei la giocatrice che completa il roster biancoblù per l’A1 2020-2021.
Nata, cresciuta e di casa a Parma, classe 1984, 172 cm d’altezza, dopo tanti campionati di B2 e B1 Giulia Gibertini è arrivata per la prima volta in A2 col Parma Volley Girls, società dov’è rimasta ben otto stagioni (dal 2004 al 2012) e al cui ricordo sono legate i primi importanti trofei della sua carriera: la Coppa Italia di A2 nel 2009, e nel 2011 la vittoria del campionato (col record di 23 partite vinte su 26) con relativa promozione. Alla prima esperienza in A1 con Parma ne è seguita un’altra nel 2016-2017 con Casalmaggiore, con cui ha vissuto anche l’emozione di giocare il Mondiale per Club a Manila. In carriera ha conquistato altre due volte la Coppa Italia di A2, con Forlì nel 2015-2016 (vincendo pure il campionato) e con San Giovanni in Marignano nel 2017-2018. Sempre nel 2017-2018 ha sfiorato una nuova promozione in A1 cedendo nella finale dei play-off proprio al Chieri ’76. Nel 2019-2020 ha difeso i colori di Soverato in A2.

«Arrivo a Chieri con tanto entusiasmo – le parole di Giulia Gibertini. Negli anni mi è capitato molte volte di giocare contro Chieri, e ne ho ammirato la tifoseria, la società e l’ambiente. Sono molto contenta di poter finalmente conoscere dal vivo una piazza che da avversaria mi è sempre piaciuta. Essere con Chieri in A1 è per me un valore aggiunto, poter giocare ad alti livelli porta tanta energia, tanta voglia di far vedere e dimostrare».

Laureata in Scienze Motorie, parlando di sé come giocatrice Giulia Gibertini si descrive così:

«Sono una che lavora tanto a cui piace lavorare tanto. Sono un po’ un diesel: parto piano e poi arrivo (ride). Ho grinta e cerco di aiutare molto le mie compagne, anche per il mio ruolo di libero».

-

4.

Questo pomeriggio sulle piattaforme Facebook e Youtube del Club si è tenuta la quarta presentazione del roster 2020/2021 della Banca Valsabbina dove è stata presentata la nuova Leonessa Lea Cvetnić.

Sono intervenuti nella web conference, curata da Luca Piantelli, l’opposto Anna Nicoletti, fresca di ritorno a Brescia dopo la stagione a Filottrano, e Vincenzo Chianese dell’azienda Isocontrolli. Da diverse stagioni sponsor, Isocontrolli, nonostante l’incertezza economica causata dalla pandemia del covid-19, è stata tra i primi a riconfermare il proprio sostegno alle Leonesse per la prossima annata, la terza consecutiva in serie A1.

“Innanzitutto sono molto contenta di tornare a Brescia – spiega in primis Anna Nicoletti – . Ero qui il primo anno di A1 del club e abbiamo fatto molto bene, ho apprezzo la serietà della società per l’organizzazione e questo mi ha spinto a ritornare. Inizialmente non mi aspettavo una chiamata per il ritorno alla Valsabbina, ma ora che sono qui vorrei fare ancora meglio”.

“Ho visto la società crescere negli anni in maniera seria e onorando lo spirito del gioco – afferma Chianese – riavere Anna Nicoletti a Brescia è un grande piacere, dagli spalti l’ho potuta apprezzare come una grande professionista”.

Sul piano del lavoro Chianese ha le idee chiare:

“Questa situazione non ci rende più forti ma ci deve rendere migliori. Viviamo di emozioni e lo sport è una componente importante di queste emozioni che riguardano la vita di ognuno di noi”.

In ultimo un punto sul roster in allestimento:

“Confido molto nel lavoro di amalgama dello staff data la bontà dei singoli nomi, sono convinto creeranno un gruppo che ci stupirà”.

Quarto campionato in Italia, primo in A1 per Lea Cvetnić. 

“In questo periodo è difficile trovare società serie, quindi ho deciso di optare per Brescia perchè ho sentito tante cose positive. Dopo i campionati in Croazia e i tre in A2 sono felice di fare la A1 qui, alzando l’asticella personale”. Giovane di ampia prospettiva, Lea è convinta dei propri mezzi. “Il mio lavoro è dare il 100% per la squadra. I miei punti forza sono l’attacco e la battuta, ma devo ancora migliorare in ricezione e fare più esperienza, voglio lavorare di più”. Riguardo alla prossima stagione si è detta convinta della forza del gruppo con l’entusiasmo di molte atlete giovani.

Nata a Zagabria, capitale della Croazia, il 2 febbraio 1999, alta 186 centimetri, la nuova Leonessa del roster affidato alle cure di coach Enrico Mazzola, nelle ultime tre stagioni ha giocato in serie A2 a Caserta (dove è stata avversaria della Millenium), Roma e Sassuolo, ultima squadra prima dell’arrivo a Brescia.
Sin da giovanissima si è distinta subito nel panorama nazionale della pallavolo croata tra le file del HAOK Mladost Zagabria, nel 2016 Marina Kaštela con cui vince Campionato, Supercoppa e Coppa Nazionale. Considerata una delle giocatrici più talentuose della Croazia, nel 2017 ha partecipato al World Grand Prix con la nazionale.
Nelle tre stagioni italiane la nuova schiacciatrice bresciana ha realizzato 983 punti in 76 gare a referto e 260 set giocati. Lea Cvetnić è la prima giocatrice della Croazia a vestire la maglia della Millenium Brescia

-

5.

L’undicesima Cocca aggregata al roster che affronterà la Serie A2 nel 2020/21 completa il reparto palleggiatrici ed è pronta a portare parecchia energia e tanto… amore per la propria città: ad affiancare Cecilia Nicolini in regia, infatti, sarà Anna Lualdi, cugina della nuova centrale biancorossa Giuditta e bustocca doc.

Come Silvia Sormani, presentata lo scorso martedì, anche Anna è un prodotto del territorio: la giovane palleggiatrice (compirà 20 anni il 9 Novembre) è nata e cresciuta a Busto Arsizio ed ha compiuto il proprio percorso giovanile in una delle società di riferimento della città, ossia la Pro Patria Volley. L’esordio di Lualdi in Under 13 coincide direttamente con il primo alloro: le biancoblu conquistano infatti il titolo provinciale di categoria superando Vergiate in finale. Il gioco di Lualdi si affina man mano che le categorie cambiano, nel 2015/16 ecco il ritorno sul podio varesino con il terzo posto della sua Under 16; nel biennio in Under 18 centra sempre la finale provinciale e, nel 2018, oltre ad un nuovo terzo posto viene eletta miglior palleggiatrice della manifestazione. Parallelamente al percorso Under, Anna raccoglie soddisfazioni anche nei campionati regionali e nazionali: a 15 anni festeggia la promozione dalla Prima Divisione alla D, e 2 stagioni dopo guida la Pro Patria verso l’approdo in Serie C. Un paio di annate di assestamento in categoria convincono la Pavic Romagnano ad offrirle lo spot di palleggio in Serie B2, in coabitazione con Giulia Malvicini: il suo primo – e finora unico – campionato disputato al di fuori dei confini bustocchi vede il team piemontese combattere per le primissime posizioni del girone, fino allo stop imposto dall’emergenza sanitaria.
Un nuovo arrivo che, ne siamo sicuri, vorrà mettersi in gioco per aiutare a portare il nome di Busto il più in alto possibile !

Abbiamo raggiunto telefonicamente Anna per una breve intervista:

- Quali sono le tue prime sensazioni da neo-biancorossa ?

"Sono naturalmente felicissima di iniziare questa prima esperienza in Serie A2, anche perchè tornerò a giocare praticamente a casa mia: conosco bene la Futura dai tempi del giovanile, è una società competente e organizzata. Per la prossima stagione è stata allestita una squadra di livello, credo e spero che si possa disputare un ottimo campionato; da questa esperienza vorrei innanzitutto crescere individualmente. Sono davvero entusiasta e non vedo l’ora di iniziare, anche perchè siamo ferme da tantissimo".

- Qual è la tua caratteristica mentale che spicca sulle altre ?

"C’è una caratteristica che mi rappresenta più di tutte: sono molto, ma molto competitiva ! Non mi piace perdere nessuna sfida e voglio sempre andare bene in ogni ambito che affronto, come ad esempio a scuola. Insieme alla competitività, metto la testardaggine: se mi metto in testa di dover fare una cosa, devo assolutamente riuscirci".

- C’è una palleggiatrice che ammiri o a cui ti ispiri ?

"Non ho una vera e propria palleggiatrice come modello, anche se posso dire di ammirare molto Alessia Orro e Ofelia Malinov. Se devo fare il nome della mia giocatrice di riferimento, direi mia cugina Giuditta: io esordivo in Under 13 quando lei era in procinto di giocare la sua prima stagione fuori casa, quindi per me è stata un po’ un idolo a cui ispirarsi. L’offerta biancorossa sarebbe stata comunque soddisfacente, ma sapere di poter giocare insieme a lei aggiungerà una ulteriore nota piacevole".

-