Volley femminile, Champions League - Novara da favorita nel round robin casalingo

24.11.2020 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: oasport.it
Volley femminile, Champions League - Novara da favorita nel round robin casalingo

Inizia tra le mura amiche, come sempre in un Palasport deserto, l’avventura in Champions League della Igor Gorgonzola Novara che è a tutti gli effetti la detentrice del titolo.

Sulla carta la formazione piemontese, seconda in classifica nel campionato italiano, reduce da due successi in trasferta che hanno fatto da contraltare alla batosta subita nel big match contro Conegliano, è la grande favorita di questo doppio impegno europeo (il secondo round robin è in programma dal 2 al 4 febbraio in Polonia) che aprirà la strada alla vincitrice (e anche alle tre migliori seconde) dei quarti di finale.

Le piemontesi stanno bene, lo hanno dimostrato andando a vincere nettamente a Busto Arsizio, e ora lo vogliono dimostrare anche in Europa, teatro del loro ultimo trionfo. Dall’altra parte della rete ci sono tre squadre dal tasso tecnico sicuramente inferiore rispetto alla formazione allenata da Stefano Lavarini ma da non sottovalutare, a partire dalle ceche del VK Up Olomouc, che nel 2020 sono ancora imbattute (avendo però giocato poche partite visto che il campionato ceco si è interrotto molto presto e deve ancora riprendere). Qualche componente della nazionale ceca e quattro straniere: la schiacciatrice spagnola Schlegel Mosegui, la schiacciatrice croata Pilepic, il libero israeliano Zilberman e la centrale finlandese Madsen.

La prima rivale in ordine temporale delle piemontesi sarà la formazione che guida la classifica del campionato russo: la Dinamo Ak-Bars Kazan, formazione da prendere con le molle, una delle squadre più forti in ambito europeo, a partire dalle due straniere che sono entrambe vecchie conoscenze del campionato italiano, Samantha Fabris, ex opposta di Conegliano che proprio contro Novara ha visto sfumare il suo sogno di conquistare la Champions nell’ultima partita da “italiana” e la messicana Samantha Bricio, lo scorso anno in forza allo Scandicci. Poi tante ex ed attuali nazionali russe, a partire dalla campionessa del mondo 2010 Startsev, alle ex campionesse europee Biryukova e Koroleva, fino ad arrivare ad alcune giovani interessanti come Kotikova. L’allenatore è Rishat Gilyazutdinov.

Attenzione anche alle polacche del Grupa Azoty Chemik Police che fanno leva sulla ex di turno, l’opposta serba Jovana Brakocevic e su un altro paio di straniere di qualità, la schiacciatrice cubana Salas Rosell e la centrale olandese Baijens, oltre ad alcune nazionali polacche come Kakolewska, Wasilewska o Grajber. Finora non è iniziato nel migliore dei modi il campionato polacco per la Grupa Azoty che ha perso ben quattro partite vincendone solo due, l’ultima delle quali nello scorso fine settimana 3-0 con Wroclaw.

Enrico Spada

-