Volley femminile, Champions League - Le Pantere di Conegliano Campionesse d’Europa

03.05.2021 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: oasport.it
Paola Egonu
© foto di foto CEV
Paola Egonu

Conegliano ha vinto la Champions League 2021 di volley femminile. Le Pantere si laureano Campionesse d’Europa. Finalmente, dopo una lunga rincorsa, dopo aver perso due finali, la corazzata veneta riesce nell’impresa di alzare al cielo il massimo trofeo continentale. Le Campionesse d’Italia ci sono riuscite al termine di una partita folle giocata all’AGSM Forum di Verona, sconfiggendo il VakifBank Istanbul per 3-2 (22-25; 25-22; 23-25; 25-23; 15-12) dopo 146 di battaglia autentica, rimontando da 1-2 nel conto set e da 0-4 nel tie-break. Le ragazze di coach Daniele Santarelli completano così la stagione perfetta: dopo aver vinto Scudetto, Coppa Italia e Supercoppa Italiana è arrivato anche il tanto agognato trionfo europeo.

La Champions League, vinta da Conegliano per la prima volta nella sua storia, resta così in Italia, visto che nel 2019 si era imposta Novara (battendo proprio le Pantere in finale) e che la competizione non era stata portata a termine lo scorso anno a causa dell’emergenza sanitaria. Il sestetto giallo ha infilato la 64ma vittoria consecutiva (la 46ma stagionale), infliggendo una severissima lezione alla compagine turca di coach Giovanni Guidetti, che non è riuscito a completare l’opera e a portare in bacheca il quinto sigillo della competizione.

Paola Egonu ha ribadito di essere la giocatrice più forte del mondo. L’opposto si è caricata la squadra sulle spalle in un tie-break surreale, dove ha messo a segno 10 punti e chiudendo così una serata da sogno con 40 punti complessivi (ne aveva messi giù 47 nella gara-1 di finale scudetto contro Novara). L’ottima regista Joanna Wolosz ha mandato in doppia cifra anche la schiacciatrice McKenzie Adams (10 punti) accompagnata di banda da Kimberly Hill (9), la centrale Robin De Kruijf (11, 5 muri) affiancata da Raphaela Folie (9), impeccabile il libero Monica De Gennaro.

LA CRONACA DELLA PARTITA

Vincente di Bartsch e primo tempo di Rasic per il 6-4 in avvio del primo set per il VakifBank, che poi allunga sfruttando un ace di Rasic e un errore di Egonu (5-9). Un doppio muro di Sylla riavvicina le Pantere (7-9), rispedite indietro da Gabi e Ognjenovic. Botta e risposta tra Haak ed Egonu, intervallato da un muro di Wolosz (13-15). Le turche insistono e provano a scappare via con Haak e Gabi (14-19), ma due magie di Folie e due errori delle ospiti tengono aperto il set (18-19). Il VakifBank ne ha di più, Gunes affonda il colpo in primo tempo e Gabi firma il diagonale del 23-20. Le venete soffrono troppo in ricezione, una fiammata di Egonu vale il 22-24, ma Folie sbaglia il servizio successivo.

Avvio di secondo set equilibrato, il break delle turche creato da Haak viene recuperato grazie a un errore e a una fiammata di Wolosz di seconda intenzione (7-7). Bartsch e Haak si scatenano per il +3 (8-11), poi Rasic si esalta per il 13-9. Servono tre stoccate consecutive di Egonu e un errore di Haak per permettere alle Pantere di pareggiare a quota 13. Inizia un botta e risposta tra Egonu e Haak, poi Gabi sbaglia e Adams pesca il mani-out del 19-17. Le ragazze di Guidetti vanno in confusione, Ognjenovic e Gabi sbagliano e Conegliano vola sul 21-17. Egonu conferma il vantaggio (23-20), ma poi Adams sbaglia un bagher e Haak accorcia con un ace. Servono una stoccata di De Kruijf e l’ace di Egonu per chiudere i conti.

Il VakifBank torna in campo più agguerrito e si fa subito sentire nel terzo parziale, allungando con personalità: vincenti di Gabi, primo tempo di Gunes, sassata di Haak, free-ball di Gabi ed errore di Egonu (6-11). Conegliano soffre in ricezione, ma si rianima con un paio di diagonali di Adams e una parallela di Hill (10-13). Egonu sale in cattedra con un muro e un missile (12-14), poi con una pipe e un mani-out firma il pareggio a quota 15. Gabi sbaglia in fase offensiva e poi viene murata da Wolosz, per il primo break di Conegliano (17-15). Svantaggio prontamente recuperato dalle ospiti con la parallela di Haak e un muro di Gunes su Egonu (17-17). Inizia un rovente punto a punto fino al 21-21, poi Haak è impeccabile in parallela e Rasic mura Folie per il 23-21. Haak regala due set-point alle turche: Egonu annulla il primo con una super parallela, poi ha una comoda pipe a disposizione per pareggiare ma allarga troppo il colpo, consegnando così il set alle ragazze di Guidetti.

Conegliano alza il ritmo del suo gioco nel quarto set, ma il VakifBank non molla il colpo: ne esce un punto a punto serratissimo, le Pantere non riescono a scappare via pur offrendo un gioco più convincente (10-8). Egonu si inventa una bomba da posto-2, seguita da un clamoroso errore di Ognjienovic che vale il 14-10 per le padrone di casa. Egonu commette però due errori, intervallati da un diagonale di Gabi, e così le turche sono di nuovo vicine (14-13). Le ragazze di Santarelli provano nuovamente ad allungare: mani-out di Hill muro di De Kruijf, fiondata di Adams (17-13). Adams invade, Bartsch pesca il mani-out, Gabi trova un tocco e Haak mura Adams (18-17). Doppio vincente di Egonu (20-17), ma un primo tempo di Gunes e un ace di Gabi tengono lì le turche (20-19). Punto a punto rovente, fino al 23-23, poi sale in cattedra Egonu: sassata al servizio chiusa da Hill in flash, poi Haak sbaglia il contrattacco e Conegliano trascina la contesa al tie-break.

Conegliano parte malissimo nel tie-break e va sotto 0-4: muro di Gunes su Folie, mani-out di Haak, pallonetto di Bartsch ed errore offensivo di Egonu. La stessa Egonu si esalta però con tre bolidi consecutivi e riporta le Pantere a -1 (3-4). L’opposto sembra quasi giocare da sola (4-5) e Rasic sbaglia la parallela per il pareggio a quota 5. Paola Egonu sigilla anche il 6-6 con potenza inaudita, Folie stampa Haak e regala il primo vantaggio alle venete (7-6). Egonu ne schianta a terra un’altra delle sue e Conegliano è avanti di due punti al cambio campo. Difese incredibili di Conegliano e Gunes mette fuori il primo tempo (10-8), ma Haak e Gabi spremono le ultime energie (10-10). Poi lo show della giocatrice più forte del mondo: Egonu tira giù tre sassate inverosimili (13-10), Adams regala quattro match-point con uno splendido pallonetto (14-10). Il VakifBank ne annulla due, ma non può nulla sull’attacco finale di Egonu, che trova un millimetrico tocco del muro e porta la Champions League a Conegliano.

Stefano Villa

-