L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 27/5

28.05.2020 12:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 27/5

Una notizia bella e una brutta in questo mercoledì di Lega Pro.

La news positiva è che l'Avellino, dopo un lungo iter, è passato ufficialmente di mano. Lo stesso team irpino, con un comunicato, si è così espresso: "Si è concluso in serata, presso lo studio del Notaio Luca Di Lorenzo di Napoli, l'incontro per il passaggio delle quote societarie relative all'Us Avellino dall'azienda Sidigas - rappresentata dai Commissari nominati dal Tribunale di Avellino Dario Scalella e Francesco Baldassarre - al Gruppo facente capo all'imprenditore Angelo Antonio D'Agostino. La cessione è avvenuta a seguito del saldo totale delle quote, previsto entro il 30 maggio; i commissari si sono detti "estremamente soddisfatti per il buon esito dell'operazione, capace di garantire al club biancoverde un solido e radioso futuro".

In negativo, invece, la situazione di un'altra campana, la Casertana, deferita quest'oggi al Tribunale Nazionale Federale, come spiegato dalla FIGC :

"Il Procuratore Federale f.f., a seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C., ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare la Casertana F.C.S. (Serie C, girone C). Il club campano è stato deferito a titolo di responsabilità diretta, per il comportamento posto in essere da Pietro Valori, procuratore speciale e legale rappresentante pro-tempore della società, e a titolo di responsabilità propria, per non aver corrisposto, entro il 16 marzo 2020, gli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2020, e comunque per non aver documentato alla CO.VI.SO.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento degli emolumenti sopra indicati".

Nel frattempo è lotta tra club per la promozione.

In serata il Carpi ha diramato un comunicato, nel quale si legge: 

"Ove, invece, per esigenze sanitarie si dovesse propendere per la scelta di ridisegnare il perimetro del torneo con delle formule ridotte (play-off e play-out), il Carpi – trovandosi a soli 8 punti di distanza dal L.R. Vicenza Virtus attualmente primo in classifica, con una gara da recuperare e altre 11 giornate ancora da disputare – ritiene che sarebbe quanto mai contrario ai principi della leale competizione sportiva se venisse decretata come vincitrice del girone una società per causa di Covid-19 anziché per meriti agonistici. Alle società – tra cui il Carpi – che ambiscono ad accedere alla categoria superiore dovrà dunque esser garantita la possibilità di conquistare la vittoria finale del proprio girone e, comunque, l’opportunità di competere attraverso eventuali play-off non per un solo posto – come deliberato dal Consiglio Direttivo della Lega Pro – ma per tutti e quattro".

Sebastian Donzella

-