L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 19/05 e del 20/05

21.05.2020 12:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 19/05 e del 20/05

19/05

Il Comitato Tecnico Scientifico ha approvato la proposta di protocollo sanitario per la ripartenza degli allenamenti sottoposto dalla FIGC e redatta dalla commissione medica. In particolare viene meno l'obbligo del ritiro preventivo delle squadre. Gli atleti infatti potranno ritornare ai propri domici al termine di ogni allenamento, ovviamente rispettando le regole di distanziamento sociale e protezione individuale. 

Domani mattina i biancoscudati del Padova si ritroveranno a gruppi sull’erba dell’Appiani per gli allenamenti individuali agli ordini di mister Mandorlini. In piccoli gruppi, Cherubin e compagni riprenderanno a lavorare sul campo dopo oltre due mesi dall’ultimo allenamento. La “seduta” si protrarrà domani dalle 9.30 alle 17 e lo stesso programma sarà mantenuto fino a sabato.

Un buon campionato quello ancora non concluso ed una finale di Coppa Italia di Serie C per Fabio Pecchia al primo anno in bianconero. Il tecnico della formazione Under 23 però potrebbe lasciare per la prossima stagione. Secondo quanto riportato da Seriebnews, l'ex Hellas Verona è finito nel mirino del Palermo che tornerà in terza serie.

Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, è intervenuto ai microfoni di Binario Sport riguardo il momento che sta vivendo la C in attesa del Consiglio Federale. "Penso di aver fatto un percorso alla luce del sole, confortato da un voto di un Assemblea molto partecipata. Se pensiamo che ad oggi non sappiamo per la Serie A quale sia il protocollo per gli allenamenti dà il quadro di quanto sia difficile la situazione. E' una situazione anomala per il calcio ma anche per tutti gli altri settori. Alcune misure come la cassa integrazione sono state portate a casa. Quattro anni fa la Lega Pro è passata da novanta a sessanta ma non abbiamo ottenuto risultati grandissimi". 

Una battuta anche in risposta alle dichiarazioni riguardo ai playoff del presidente del Potenza Salvatore Caiata"Evidentemente lui dispone di dati di conoscenza a me non noti, ne prendo atto".

Maurizio Pellegrino, rappresentante insieme a Fabio Pagliara del Comitato al lavoro per l'acquisizione del Catania, a gianlucadimarzio.com spiega il lavoro su cui l'ex tecnico e giocatore etneo sta portando avanti al fine di salvare la società etnea dal fallimento: "Questa matricola è la storia di questa città, racchiude famiglie intere. C'è un trasporto ed una passione che va oltre l'aspetto calcistico. Chi non capisce questo non può capire gli sforzi necessari per salvarla. Stiamo continuando a lavorare con tutte le nostre forze, ma bisogna essere chiari e trasparenti. La situazione non è facile visti i debiti. Abbiamo dato ampie garanzie per arrivare ad una manifestazione. Mercoledì costituiremo una SpA con un capitale sociale da cinque milioni di euro, poi inizierà la trattativa vera e propria. Si parla di speranza perché la situazione è delicata, non bisogna illudere nessuno. Stiamo lavorando con la consapevolezza che è molto difficile. I tempi sono strettissimi".

Dario Lo Cascio 

-

20/05

Niente blocco dei campionati, niente blocco delle retrocessioni. Un mercoledì negativo per la Lega Pro che, nel Consiglio Federale tenutosi quest'oggi, ha visto infrangers tutte le proprie richieste per colpa delle barriere innalzate dalle altre componenti in FIGC. 

Il presidente della Serie C, Francesco Ghirelli, a tal proposito, ha dichiarato in una nota: "Devo parlare il linguaggio della verità: quello che è uscito dal Consiglio federale non mi soddisfa per nulla. La Serie C ha una sua evidente specificità nel campo professionistico, altrimenti non si capirebbe perché ci sono A, B ed appunto Serie C. Noi non siamo in grado di tornare a giocare, ce lo hanno detto anche i sessanta medici sociali, dovevamo fare gli ipocriti e non parlare il linguaggio della verità ? Il calcio va veramente riformato nella sua cultura. Noi non siamo in grado di assicurare la certezza delle misure per salvaguardare la salute. Quello che si sa del nuovo protocollo ci porta a dire che sarà ancora più dura per i nostri club. Mi auguro che io abbia torto rispetto alla situazione. Discuterò ancora una volta con i presidenti con la stessa chiarezza con cui l’ho fatto da sempre. Poi qualcuno può andare a sollecitare scrivendo lettere per giocare i playoff.  Playoff e play out si potrebbero disputare ? Abbiamo votato alla luce del sole, né torneremo a discutere. Io non voglio sfidare nessuno, non c’è una lotta di potere, almeno per me conta solo la Serie C, i valori del calcio e al primo posto c’è la salute. La mia intenzione è di proteggere gli interessi di tutti i club, valgono gli interessi generali e non quelli di qualcuno".

Nel frattempo novità anche sulle licenze nazionali, che interessano da vicino la terza serie. Nel comunicato ufficiale si legge: "Il Consiglio ha aggiornato l'impianto delle licenze Nazionali per l'iscrizione ai campionati professionistici per la stagione 2020/21. Tra le modifiche, le Società dovranno assolvere al pagamento degli emolumenti (netti) e degli altri compensi scaduti il 31 maggio 2020, intendendosi come tali quelli che, anche sulla scorta dei vari accordi modificativi e novativi eventualmente ratificati dalla Lega, sono effettivamente scaduti a detta data. Si terrà conto in ogni caso degli eventuali contenziosi che dovessero insorgere per il periodo di sospensione delle attività (marzo/aprile). Il termine perentorio per le iscrizioni verrà fissato nella seconda metà di agosto e comunque dopo la fine dei campionati. Per quanto riguarda l'impianto delle garanzie fideiussorie, per la Lega B è stato confermato l'importo di 800 mila euro e per la Serie C l'importo di 350 mila euro. Per i soli Club di Lega Pro, in alternativa o a integrazione, potrà essere prodotta una certificazione della Lega, approvata dall'Assemblea, di aver costituito una garanzia collettiva di efficacia equipollente alle garanzie singole, di pari importo, e nel rispetto degli stessi requisiti richiesti ai soggetti fideiussori".

Nel frattempo l'Assocalciatori ha preso una posizione dura sul fatto di poter pagare, sulla carta, anche ad agosto gli stipendi degli ultimi mesi. E così il presidente Damiano Tommasi al proprio ufficio stampa ha dichiarato: "Sapete che cosa significa? Che siamo stati in campo fino al 15 marzo, che i calciatori hanno lavorato con il preparatore atletico per tutto il lockdown e ora tu puoi pure non retribuirli. E se fanno causa danno pure la possibilità al club di non pagarli fino ad agosto! Sono deluso e preoccupato. Si prendono delle decisioni con mascherine e call conference, e poi si mandano in campo gli altri. Cioè i calciatori. Ed ecco come sono ripagati. Gli imprenditori del calcio chiedono i soldi a tutti – Uefa, Fifa, governo – per non pagare i calciatori…E noi dovremmo essere contenti? Domani ci vedremo, analizzeremo la situazione. Sono veramente deluso e preoccupato per come vanno le cose in questa Federazione e in questo calcio".

Sebastian Donzella

-