L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 17/12

18.12.2020 12:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 17/12

Giornata storica per la terza serie che sbarca per la prima volta oltreoceano: da giovedì 17 dicembre, infatti, le partite di Serie C saranno visibili anche all’estero. Il canale Serie C TV sarà distribuito in tutto il mondo grazie ad un accordo che permette a Mister C di esportare il brand Serie C in Europa e negli Stati Uniti, in America Latina, in Argentina e in Australia. Lega Pro, proprietaria del canale Serie C TV, assieme ad Eleven Sports, distributrice dello stesso canale, hanno individuato, in via non esclusiva, in Mister C un soggetto idoneo a perseguire l’obiettivo di massimizzare la distribuzione delle partite della terza serie calcistica italiana.

“Attraverso questa operazione portiamo il nostro brand in un mercato nuovo, mai esplorato prima - ha quindi sostenuto Francesco Ghirelli, presidente di Lega Pro -. In questo modo daremo ancora più visibilità ai club di Serie C e agli sponsor e permetteremo ai tifosi di poter seguire il calcio dei comuni d’Italia da ogni angolo del mondo. Penso soprattutto agli italiani all’estero, lontani dagli affetti o dai luoghi del cuore, il tifo è anche un modo per riconnettersi con le proprie origini e ricordarsi da dove si è cominciato”.

Il canale sarà distribuito in streaming e con i commenti in lingua italiana. L’accordo copre la stagione sportiva in corso e proseguirà fino alla stagione 2022/2023.

Intanto ai microfoni di TuttoC.com è intervenuto Alessandro Marino, presidente dell'Olbia, per lanciare l'ennesimo grido d'allarme al Governo:

"La legge di bilancio e il milleproproghe dovranno contenere aiuti dal punto di vista fiscale. Ci aspettiamo, da quanto ci è stato detto dalla FIGC e da Ghirelli, un pacchetto di aiuti. Se non arriveranno il 16 febbraio diverrà un momento molto difficile per tutti. Quel giorno, se non ci saranno novità, si accumuleranno vecchie scadenze fiscali con quelle nuove, con stipendi da pagare annessi. Gennaio è un mese decisivo per noi. E non dobbiamo dimenticarci che già il prossimo anno potrebbe essere peggiore di questo. Le sponsorizzazioni, che coprono una percentuale importante del fatturato, saranno una chimera nella prossima stagione".

Valeria Debbia

-