L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 10/07 e dell'11/07

13.07.2020 12:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 10/07 e dell'11/07

10/07

Giornata di sorteggi in Serie C, quelli relativi ai quarti di finale dei playoff che segneranno l'ingresso nel tabellone delle tre seconde della stagione regolare.

L'urna ha accoppiato Reggiana-Potenza, Bari-Ternana, Carrarese-Juventus U23 e Carpi-Novara.

A proposito della gara del San Nicola, ha parlato il direttore sportivo delle Fere, Luca Leone, reduce dalla bella vittoria a Monopoli:

"Sicuramente rappresenta un ostacolo impegnativo ma tanto, prima o poi, sapevamo che l'avremmo dovuto incontrare. Per loro ci sarà qualche problema a rientrare in campo dopo la pausa, così come è accaduto a noi in Coppa Italia".

Nel frattempo, però, tengono ancora banco le gare di ieri sera, in particolar modo quella tra Potenza e Triestina, segnata dalle polemiche, da parte degli alabardati, per la direzione arbitrale.

Ai microfoni di TuttoC.com, l'amministratore unico, Mauro Milanese, ha invocato l'uso del Var per evitare situazioni simili in futuro:

"Purtroppo sbagliano i dirigenti, sbagliano i giocatori e sbagliano gli arbitri. Ci sono sbagli e sbagli, cose più facili da fischiare e altre meno. Se ci fosse stato il Var sarebbe andata diversamente. Nei playoff e nei playout i club si giocano milioni, si giocano la vita, il Var è obbligatorio. Spero venga inserito nella prossima riforma: nelle partite di fine anno non possono essere commessi errori."

La risposta dei lucani è stata affidata al direttore generale, Manuel Scalise:

"Il contatto sembra esserci ma bisognerebbe capire se Procaccio si sia lasciato andare o meno. Se Silvestri, insomma, sia un ostacolo decisivo per l'avversario oppure no. Ma prima, però, ci sarebbe una possibile posizione di offside. Abbiamo percepito che la quaterna abbia deciso di non concedere il penalty anche in base a questo".

Ufficialità

Bramati resta alla Paganese, il centrocampista classe '93 ha firmato oggi il contratto che lo legherà al club campano fino a giugno del prossimo anno. Termina invece dopo tre stagioni l'avventura di Luca Berardocco con la maglia del Südtirol ed è addio anche tra la Viterbese e il direttore generale Diego Foresti. 

Calciomercato e indiscrezioni TuttoC.com

Sul fronte panchine si segnala l'interesse dell'Avellino per Tedino, l'ex allenatore del Teramo esonerato prima della sosta.

A Bisceglie il preferito è Bruno Caneo, reduce dall'esperienza di Rieti, ma occorrerà attendere il futuro dei pugliesi e la categoria di appartenenza.

Infine la Vibonese è alla ricerca del sostituto di Modica e sta valutando Pancaro, che quest'anno ha condotto ad una tranquilla salvezza la Pistoiese e Modesto, esonerato dal Cesena.

Per quanto riguarda i giocatori, la Virtus Verona ha messo nel mirino il giovane Manfroni dell'Ambrosiana, ma deve vincere la concorrenza del Novara.

Sempre da Verona, ma sponda Hellas, è in uscita il portiere Borghetto, che piace al neopromosso Mantova.

Infine il Renate ha messo gli occhi su Francisco Sartore, ala brasiliana in scadenza di contratto con l'Alessandria.

Matteo Ferri

-

11/07

Un'ufficialità nel sabato di Serie C appena terminato.

La Turris comunica di aver individuato, nella persona di Paolo Staffa, la figura professionale di nuovo coordinatore dell'area tecnica. Di origini cosentine, Staffa si è distinto nei suoi recenti trascorsi quando ha ricoperto il ruolo di direttore sportivo di Avezzano e Marina di Ragusa in serie D. Staffa affiancherà i vertici della società - ed in particolare il direttore generale Primicile ed il direttore sportivo Piedepalumbo - nelle scelte e nelle strategie di avvicinamento al prossimo campionato di serie C.

Nel frattempo l'Avellino pensa al successore di Capuano: secondo quanto raccolto da TuttoC.com, per la panchina dei campani è ormai una corsa a due tra Piero Braglia e Gaetano Auteri con l'ex Cosenza al momento favorito. Intanto per settimana prossima è stato fissato un incontro con entrambi. 

In casa Teramo, invece, il direttore generale dei biancorossi, Andrea Iaconi, sta pensando alle dimissioni. Un mal di pancia che dura da tempo, dovuto a divergenze di vedute che hanno causato più di qualche malumore all'interno della compagine biancorossa. E così il diggì riflette sul futuro: non è da escludere, quindi, un addio nei prossimi giorni.

Sebastian Donzella

-