Rassegna stampa - LA STAMPA: "Punto...a capo. Ora il Novara può diventare la mina vaganti per la volata finale"

La rubrica di Renato Ambiel dopo il successo degli azzurri nel derby con la Pro Patria
13.04.2021 18:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: lastampa.it
Renato Ambiel
© foto di vanovarava.it
Renato Ambiel

Scampato il pericolo, adesso andiamo a divertirci. Per tre partite almeno. Poi si vedrà quanto durerà la favola.

Addirittura, questo bistrattato Novara potrebbe decidere i destini finali e l’esito del campionato. Quando il Como degli ex renderà visita agli azzurri, proprio all’ultima giornata, potrebbe non essere ancora in serie B. Incalzato, magari, dai grigi e dai bianchi d’oltre Sesia. Così il 2 maggio ci sarà ancora da divertirsi.

È davvero un peccato che i tifosi, quelli veri, perché rimasti, non possano partecipare dal vivo a quest’imprevedibile finale di stagione. Che vede protagonista la loro squadra. Com’è avvenuto domenica a Busto, dove gli azzurri falcidiati dalle assenze, hanno tenuto testa e superato la squadra del momento.

L’autorevolezza con la quale Buzzegoli e compagni hanno condotto in porto un successo chiaro e meritato, la dice lunga sulla forza di questo gruppo. Che, lo ricordiamo, non è quello costruito l’estate scorsa da chi non c’è più e adesso vorrebbe attribuirsi meriti a distanza. No, i meriti principali sono di quanti (Simone Banchieri e Mauro Borghetti), già accantonati sono stati poi richiamati. Insieme all’eminenza grigia (Giuseppe Manari), individuati gli errori, hanno poi escogitato giusti rimedi. Così, tanto per dare a ciascuno il suo.

Lo spirito di gruppo coltivato dai più anziani (anche quelli emarginati) e l’esuberanza supportata dal talento dei giovani, hanno fatto il resto. Se poi a sbloccare la partita interviene la classe cristallina di Lanini, allora il quadro sarà completo. Succede perché da quel momento il risultato costringe la Pro ad attaccare a testa bassa, esaltando le doti di Pogliano e Bellich. Al tempo stesso consente al Novara di agire di rimessa negli ampi spazi che si creano per il contropiede. 

Renato Ambiel

-