Rassegna stampa - LA STAMPA: "Ora è ufficiale: il Novara calcio farà ricorso al Tar e intanto il sindaco proverà a iscrivere la squadra in D"

27.07.2021 16:30 di Roberto Krengli Twitter:    vedi letture
Fonte: lastampa.it
Tifosi azzurri
Tifosi azzurri

Ora è ufficiale: il Novara calcio farà ricorso al Tar dopo l’esclusione dalla serie C confermata dal Collegio di garanzia del Coni: 

«La società Novara calcio Spa comunica di voler proseguire l'iter giudiziario presso il Tar del Lazio dopo aver appreso il responso del ricorso al Collegio di Garanzia del Coni – si legge nel comunicato del club. La Società, assistita dall’Avvocato Cesare Di Cintio, ribadirà la propria posizione e la correttezza del proprio operato, avendo agito secondo le norme vigenti, e chiederà la riammissione al campionato di Serie C 2021/22».

-

Il sindaco proverà a iscrivere la squadra in D: “Un gruppo di imprenditori interessato c’è”

Il sindaco ha lavorato molto nelle scorse ore alla soluzione alternativa per garantire che il calcio resti in città. Ieri sera Alessandro Canelli ha atteso il verdetto da Roma. Era preparato al peggio anche se auspicava di non dover intervenire. Servirà invece il suo apporto decisivo, fin da oggi.

«È un momento triste per una società storica come quella azzurra e di riflesso per l’intera città. Esiste una prospettiva con un gruppo di imprenditori che adesso dobbiamo però concretizzare - ammette Canelli -. Nei giorni scorsi ho parlato con gli avvocati della Federazione. Mi hanno illustrato la procedura e i diversi passaggi che dovremo seguire per la domanda di iscrizione alla serie D».

Già oggi il sindaco invierà una lettera di garanzia alla Figc. Poi procederà con un avviso pubblico rivolto a chi vorrà intervenire.

«Valuteremo tutte le proposte scegliendo quella che offrirà maggiori garanzie. Poi ci sarà da lavorare parecchio, e in fretta, perché il campionato inizia il 19 settembre».

Il nuovo Novara dovrà costituirsi con atto notarile. Si dovrà quanto prima redigere un organigramma di gente che lavora a tutti i livelli, prima ancora di pensare alla composizione della squadra.

Il modello è il Parma: quando fallì la società emiliana, gli imprenditori della città con in testa Barilla e Pizzarotti dell’omonima impresa di costruzioni, si mobilitarono andando a costituire lo zoccolo duro di una società a larga partecipazione compresa una componente dei tifosi.

A tirare le fila di questo progetto, a Novara, è il manager Daniele Barbone, amministratore delegato di Acqua Novara Vco e direttore generale di «Bp Sec» società di Magnago specializzata in controlli in tema di sicurezza ed ecologia. Barbone è considerato uno dei massimi esperti in Italia di green-economy. Sportivo praticante e appassionato di maratone, è da sempre tifoso del Novara. Anche da qui scaturisce il suo impegno attuale «per dare continuità a una società radicata nella storia della città - ammette Barbone senza voler aggiungere altro - con un modello innovativo attingendo alle esperienze di società internazionali».

Nessuno vuole anticipare quali sono gli imprenditori che hanno garantito una disponibilità. Gli sponsor storici sarebbero disposti a rinnovare i loro impegni anche nei dilettanti. Molto dipenderà dalla compagine societaria che andrà a costituirsi. Sarebbero interessati anche alcuni ex dirigenti di gestioni passate. La loro esperienza potrà essere utile anche a livello organizzativo.

Renato Ambiel

-