Rassegna stampa - I AM CALCIO: "Livorno-Novara 2-3, Cisco regala la quarta gemma al 90'"

23.10.2020 15:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: novara.iamcalcio.it
Andrea Cisco
© foto di novara.iamcalcio.it
Andrea Cisco

Pazza vittoria esterna per il Novara, la seconda consecutiva e la seconda nelle ultime battute di gara, con gli azzurri che sbancano Livorno col risultato di 2-3.

Andamento della gara strano, con gli Azzurri che vanno sotto e rispondono subito, si portano avanti e nel finale rischiano di rovinare tutto, salvati da un capolavoro di Cisco.

Livorno fa e disfa  

La gara parte subito col botto. Al 4' l'ex Sicula Leonzio Parisi crossa da destra, Haoudi salta, la difesa azzurra dorme e la palla finisce in rete col colpo di testa del classe 2001. Nemmeno il tempo per i labronici di esultare ed il Novara perviene al pari: lungo cross da destra, Panico si coordina e in bello stile esegue una mezza rovesciata. Conclusione sballata, ma sulla traiettoria c'è capitan Di Gennaro che fortuitamente devia nella sua rete lasciando di sasso Romboli. Un minuto dopo Parisi fa però il bis a destra, il cross è ancora invitante ma il colpo di testa di Marsura è impreciso. All' 11' Panico porta avanti la sfera, si coordina e da fuori fa partire una soluzione a giro che sorvola l'incrocio di una quarantina di centimetri.

Doppia traversa, acuto Cagnano 

Il Livorno cerca di prendere campo, gli azzurri non danno segnali di grande solidità difensiva e nel cuore della prima frazione Lanni deve opporsi due volte a conclusioni da fuori degli amaranto. Al 35' pericolo per la porta azzurra, Lanni è costretto a parare in tuffo non senza problemi sul tiro da fuori di Haoudi (fra i migliori, gol a parte). Al 40' Novara rischiatutto, doppia traversa per il Livorno che prima manda al tiro da distanza zero di Murilo, Lanni si salva sulla trasversale. La ribattuta capita sulla testa di Parisi che incorna come può cogliendo un altro legno. Squadra piemontese fortunata e che passa all'incasso al 46' quando Zigoni è bravo a lavorare un pallone a sinistra per Cagnano che si incunea in area e batte Romboli. Azzurri in vantaggio al riposo.

Novara in controllo, Cisco cavallo pazzo 

La ripresa è noiosa rispetto agli scoppiettanti primi 45 minuti. Il Livorno cerca di creare pericoli senza troppa convinzione, Banchieri ha scelto saggiamente di inserire Cisco (al posto di Zigoni) per farlo cavalcare nelle praterie labroniche con gli spazi che fatalmente saranno a disposizione del Novara ed in effetti le uniche azioni degne di nota di questa fase di gara sono le sgroppate del cavallo pazzo col 26 sulle spalle che semina avversari, guadagna falli e cartellini gialli, mancando tuttavia il passaggio vincente per gli spazientiti compagni. L'unico brivido, se così si può chiamare, è un servizio in ottima posizione per il solito Haoudi nel cuore dell'area ma è bravo Bove a murare in angolo. Sul corner Migliorini va già in area piccola, Haoudi carica il tiro dal limite dell'area e mette in rete ma l'arbitro aveva interrotto il gioco fischiando fallo per il gigantesco centrale.

Pazzo finale, Canessa incorna e Cisco pesca perle 

La gara si trascina stancamente verso la fine quando accade l'imponderabile: Parisi fa partire l'ennesimo cross da destra trovando la testa del nuovo entrato Canessa che gira proprio lì, all'incrocio sul primo palo. Sconforto in casa azzurra, entusiasmo per gli amaranto. Ma come successo ad inizio gara, il Novara ha la forza e la fortuna per rispondere subito. Siamo al 45' e Buzzegoli porta palla sulla trequarti. Serve Cisco, che si incunea in area seguito da due/tre avversari. L'esterno veneto fa un capolavoro. Ferma la corsa, gioco di prestigio, libera lo spazio per calciare e con un preciso diagonale batte per la terza e decisiva volta Romboli. E' bolgia azzurra, con Cisco che va ad abbracciare mister Banchieri che, probabilmente, la prossima volta non sarà in panchina.

Stefano Calabrese

-