Top & Flop di Novara-Juventus U23

09.11.2020 19:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Top & Flop di Novara-Juventus U23

Dal ping pong di emozioni del Piola esce fuori un pareggio che non accontenta il Novara né tantomeno la Juventus U23 dopo 95' di battaglia a colpi di emozioni.

La gara inizia infiammandosi: la miccia l'accende Felix Correia seminando il panico tra Bove e Migliorini con l'inserimento, il controllo orientato e la conclusione col destro a colpire il legno a Lanni battuto. Passano solamente due minuti e sul fronte opposto Zigoni viene lasciato colpevolmente solo a centro area per la battuta verso Israel bravo a respingere sui piedi di Firenze, che prende la mira calciando a giro e trovando il palo a negargli la rete. I ritmi altissimi sono linfa vitale per i bianconeri che sprecano con l'ispirato Correia murato a tu per tu con Lanni. L'equilibrio viene spezzato dal rigore che Delli Carri si conquista trovando l'ingenua trattenuta di Zigoni. Dal dischetto Marques spiazza Lanni siglando il terzo centro in campionato. Al 28' tenta il colpo di genio Rafia da punizione, la traiettoria arcuata si stampa sulla traversa. Nel momento più favorevole alla squadra di Zauli, a trovare il guizzo vincente è il Novara con la zampata di Lanini dopo lo stop di petto e il destro chirurgico all'angolino freddando l'incolpevole Israel. Il flipper di emozioni regala a Delli Carri l'opportunità del nuovo vantaggio bianconero (para Lanni), prima dell'occasione di Lanini che trova Israel lesto a rimanere in piedi fino all'ultimo. A prendersi la scena è Lanni che respinge al 56' il rigore incrociato di Marques che aveva deciso di cambiare angolo dopo la prima trasformazione. L'espulsione di Panico per doppia ammonizione concede superiorità numerica alla Juve, incapace però di alzare il ritmo per scardinare l'attenta posizione della retroguardia di Marcolini. 

TOP 

Lanini (Novara): segna e dimostra di essere il riferimento offensivo caricandosi sulle spalle i compagni nel momento più difficile. Proseguire su questa strada per riprendere il cammino con effervescenza diventa imperativo categorico se il Novara vuole ambire ai piani alti. PUNGERE

Ranocchia (Juventus U23): personalità e padronanza nella gestione dello sviluppo d'impostazione della manovra. Rischia poco la giocata trovando pulizia per mettere ordine e disciplina quando il traffico intralciava il percorso del pallone. GIOVANE GEOMETRA 

FLOP

Natalucci (Novara): non riesce a contenere Correia soffrendo la rapidità dell'esterno della Juve senza la capacità di prenderlo alto con l'anticipo in pressing. OPACO

Il secondo tempo della Juventus U23: voleva Zauli il furore agonistico come prerogativa offensiva per portare a casa la partita in superiorità numerica. La circolazione della palla non è stata efficace soprattutto dalla cintola in avanti: il risultato sa di occasione persa. POCA CATTIVERIA

Niccolò Anfosso 

-