INTERVISTA TC - Pergolettese, Marinelli: "Playoff ? Prima la matematica salvezza"

02.04.2021 17:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Massimiliano Marinelli
© foto di foto Uff.Stampa Pergolelettese
Massimiliano Marinelli

Torna a parlare quattro mesi dopo l'inibizione, ai microfoni di TuttoC.com, il presidente della Pergolettese Massimiliano Marinelli.

Emergenza Covid, arbitri, risultati, salvezza ed una squadra che sta sorprendendo tutti specie in questo rush finale della stagione con un sogno chiamato playoff.

- Dopo quattro mesi è terminata l'inibizione, adesso potrà stare maggiormente al fianco a questa Pergolettese.

"Io sono stato inibito ma sono stato sempre vicino alla squadra, non li ho mai mollati. L'inibizione è sembrata un po' esagerata, probabilmente hanno voluto dare una lezione a qualcuno facendo capire che con i direttori di gara non si può discutere riguardo i loro errori. Noi venivamo da diversi errori arbitrali e fu la goccia che fece traboccare il vaso, non ho fatto nemmeno ricorso, non era il caso pagare un'ammenda in più per 1 o 2 settimane di sconto".

- A proposito di arbitri, cosa pensa delle polemiche sollevate dal Lecco per la gara di ieri ?

"Sinceramente dovremmo arrabbiarci noi in quanto il rigore decretato al Lecco era inesistente. E' stato espulso il loro allenatore con una decisione affrettata, e credo non lo meritasse, è successo anche a me in passato. Non ho visto nessun favore nei confronti della Pergolettese, il pareggio comunque è il risultato giusto visto che hanno giocato un'ottima partita essendo una squadra di alta classifica, entrambe le compagini avevano molti giocatori indisponibili ed è venuto fuori lo stesso un bello spettacolo". 

- Resta un po' il rammarico per quel rigore fallito da Duca ?

"Sul 3-1 la partita finiva, è stato un rigore calciato male ma Duca sta facendo molto bene. Si è preso la responsabilità e soltanto chi ci prova può sbagliare, peccato perché ci è rimasto molto male".

- Emergenza Covid nuovamente, dopo lo scorso anno ci siamo passati anche in questa stagione.

"Lo scorso anno siamo stati la società più colpita con perdite importanti in società, quest'anno ci stiamo convivendo tutti e siamo tutti sulla stessa barca. Ci siamo giocati prima il jolly, poi ci ha bloccato l'ATS avendo undici malati di Covid e poi siamo rientrati e nonostante l'emergenza abbiamo ottenuto dei risultati incredibili. Qui si è vista la forza della squadra che è venuta fuori con tutto il suo carattere".

- Strizzate l'occhio ai playoff a questo punto ?

"Pensiamo prima a salvarci, intanto i nostri tifosi si stanno anche divertendo con queste prestazioni. Peccato che non possano venire sugli spalti perché è un piacere vedere questi ragazzi giocare. Cominciamo ad avere la matematica certezza di salvarci senza playout. In caso di risultati positivi con Novara e Renate possiamo cominciare a guardare le squadra davanti".

- Dopo la partita incredibile con la Pianese dello scorso anno disse che voleva consolidarsi in C, missione quasi compiuta ?

"Se ci salviamo senza playout sicuramente sì. Per me è sempre un escalation, senza playout sarebbe una grande vittoria per tutti. Lo scorso anno c'è stato un momento in cui volevo mollare, si pensava solo alle promozioni mentre io vivevo in una zona colpita fortemente dal Covid poi la forza di qualcuno mi è arrivata e mi ha permesso di andare avanti in questo cammino. Bisogna sempre ringraziare il direttore generale Fogliazza, il direttore sportivo Frassi, la segreteria Micheli e tutti gli sponsor e quelli che lavorano per il Pergo anche dietro le quinte, tutti utilissimi, sono tutte queste persone che ti trasmettono la forza per continuare nel mondo del calcio". 

Antonino Sergi

-