INTERVISTA TC - Pro Vc, Modesto: "Valorizzazione dei giovani e playoff"

16.10.2020 13:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Francesco Modesto
Francesco Modesto

Francesco Modesto ha chiuso il cerchio, dopo il Girone B con il Cesena e il Girone C con il Rende ecco la nuova avventura nel Girone A con la Pro Vercelli. Il giovane tecnico calabrese ha subito lasciato un'impronta con il suo 3-4-3 e sette punti conquistati nelle prime quattro gare di campionato.

A tal proposito, lo stesso Modesto è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per parlare della sua nuova esperienza.

- Mister dopo Rende e Cesena ecco la Pro Vercelli. Come nasce l'idea ?

"Appena mi ha chiamato il direttore Casella mi è subito piaciuto il progetto, si può costruire qualcosa di molto bello. La società è una delle più storiche ed è anche una piazza molto grande, è bello allenare qui".

- Come giudica il vostro inizio di stagione ?

"Siamo partiti bene con il derby contro il Novara, una vittoria ma rimane il rimpianto della mancata presenza dei nostri tifosi. Fin ad ora il rendimento dei ragazzi è stato buono, dobbiamo lavorare e migliorarci giorno per giorno".

- Dopo l'annata con il Monza, adesso il Girone A è un campionato più complicato ?

"E' un campionato molto più complicato ma per tanti motivi. Le squadre si sono rinforzate tanto, è un campionato molto incerto e difficile. Dobbiamo stare attenti su tutto, anche nella vita quotidiana perché dobbiamo essere bravi nei protocolli sanitari".

- C'è invece così tanta differenza tra Girone A e Girone C ?

"Sono completamente differenti, cambiano squadre e allenatori. Nel Girone C adesso c'è il Palermo, il Bari ed il Catania insieme a squadre che fanno sempre bene come Monopoli e Virtus Francavilla. Nel Girone A ci sono squadre già rodate come Renate, Pro Patria e altre che hanno lo stesso allenatore da tempo. La differenza si vede, si pensava che le società magari non investivano ma invece è successo il contrario allestendo grandi squadre. E' un campionato bello tosto".

- Come giudica invece il vostro mercato ?

"E' stato un mercato particolare, del resto è stato tutto particolare. Non è facile tenere a bada i calciatori visto che il campionato è cominciato con il mercato aperto, ho avuto la fortuna di lavorare con il direttore fin dall'inizio e l'intesa ha funzionato. Pensiamo solo a lavorare e migliorarci nel tempo".

- In estate è stato accostato a diverse panchine, cosa lo ha spinto ad accettare la Pro Vercelli ?

"Ho avuto qualche chiamata ma niente di concreto alla fine. La Pro Vercelli è arrivata nel momento giusto ed ho fatto la mia scelta perché l'ambizione e il progetto mi è piaciuto tutto. Mi piace molto lavorare con questa squadra e con questa società".

- Nell'ultima Comi capitano e ancora una grande prestazione di Rolando.

"Mancava Masi e ho deciso di affidare la fascia a Comi, tanti potrebbero fare i capitani perché qui c'è gente matura ed ha voglia di migliorarsi. Rolando è partito subito forte, speriamo possa continuare e sta facendo davvero bene".

- Ha vinto contro il Novara che adesso vola in classifica mentre in testa c'è il Lecco.

"Il Novara ha calciatori di esperienza e anche di categoria superiore, sarà una squadra che punterà in alto. Il Lecco ha un allenatore molto preparato, gioca bene al calcio e sicuramente sarà protagonista per la lotta ai primi posti".

- Invece qual'è il vostro obiettivo ?

"Il nostro obiettivo è quello di arrivare ai playoff seguendo sempre le direttive della società facendo migliorare e valorizzare i giovani".

Antonino Sergi

-