In ricordo di Ettore Arduin, calciatore italiano, azzurro negli anni '10 del secolo scorso

Come ogni domenica alle 9.40 e alle 9.50, Tuttonovara ricorda, in ordine alfabetico, i calciatori, i presidenti e i membri dello staff tecnico del Novara Calcio che ora sono nell'Azzurro del cielo e dei quali non conosce il giorno di nascita
17.01.2021 09:40 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: facebook.com
Ettore Arduin
Ettore Arduin

Di Ettore Arduin non si conosce né la data né il luogo di nascita, ma si sa che fu sottotenente dei Bersaglieri, figlio di un alto ufficiale dei Carabinieri di nome Silvio, fu studente del Mossotti, impiegato di banca e giocatore del Novara Calcio; il suo nome è su molte lapidi in città. 

Morì durante la 1^ Guerra Mondiale.

-

È stata restaurata e inaugurata la lapide che ricorda i giocatori del Novara calcio morti durante la Prima guerra mondiale. La targa venne realizzata dallo scultore Edoardo Tantardini nel’ 25 su commissione della società: all’inizio era posizionata al campo di via Lombroso, poi negli Anni ’30 trasferita nel nuovo stadio di via Alcarotti. Abbandonata ormai da tempo, è stata riscoperta grazie all’impegno di Ancos Confartigianato e in particolare del responsabile della comunicazione Renzo Fiammetti. Domenica mattina don Franco Finocchio ha benedetto la stele ripristinata dalle restauratrici della ditta «L’archivolto» di Trecate all’ingresso dello storico impianto. Sul bassorilievo, collocato nell’androne sopra il cancello che conduce al campo, sono impressi i nomi degli azzurri Caduti nel conflitto: Giacinto Giubertoni, Ambrogio Santagostino, Ettore Arduin, Giuseppe Monetti, Angelo Vegis, Agostino Bianchi, Angelo Bologna e Augusto Boffa. Una copia dell’opera in alluminio è stata piazzata sotto la tribuna centrale dello stadio Piola accanto alle targhe in memoria dell’allenatore Arpad Wiesz, ucciso ad Auschwitz, e del dirigente Luciano Marmo.

-