Volleymercato femminile - Le Azzurre: Rachele Morello, Iza Mlakar, Zuzanna Gorecka

Rachele Morello a Novara - Iza Mlakar a Novara - Zuzanna Gorecka a Novara
25.06.2019 14:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: dallarivolley.com
Volleymercato femminile - Le Azzurre: Rachele Morello, Iza Mlakar, Zuzanna Gorecka

1.

Arriva dal Club Italia la palleggiatrice che affiancherà l’americana Micha Hancock in azzurro: si tratta della regista della nazionale italiana juniores, Rachele Morello.

Piemontese “doc”, classe 2000 (è alle prese proprio in questi giorni con la Maturità Scientifica) per 182 cm di altezza, Rachele è nata e cresciuta sportivamente nel Lilliput Settimo Torinese, con cui ha militato giovanissima in A2 prima di passare, per un triennio, al Club Italia. Con le azzurrine ha disputato due campionati di A1 e uno di A2, proseguendo parallelamente la propria carriera anche con le nazionali giovanili.

“Rachele è un’atleta giovanissima ma che ha già potuto maturare esperienza ad alto livello – spiega il d.g. Enrico Marchionie confidiamo che in azzurro possa proseguire il proprio percorso di crescita, condividendo con noi un progetto di lungo termine. Avrà la possibilità di apprendere da Massimo Barbolini e da una compagna di reparto, Micha Hancock, con grande esperienza internazionale”.

“Per me sarà tutto nuovo – commenta la regista azzurrasia perché sarà la prima esperienza fuori dal Club Italia, sia perché lavorerò con compagne e con uno staff che al momento non conosco. Arrivo nella squadra Campionessa d’Europa e questo è motivo d’orgoglio ma anche uno stimolo a dare tutto quello che ho per sfruttare al meglio questa occasione. Mi aspetto una stagione bellissima, con una squadra e una società abituate a competere per il vertice, e che personalmente mi auguro possa farmi crescere molto”.

Il rapporto con la pallavolo è qualcosa che va al di là del campo per Rachele: “Questo sport fa parte del dna di famiglia: mia mamma e mia zia giocavano, i miei nonni sono alla guida di una società storica piemontese, il Lilliput, dove ho cominciato a muovere i miei primi passi sotto rete. Sarà bello giocare a Novara anche perché, rimanendo vicino a casa, avrò la possibilità di poter contare sul supporto della mia famiglia e dei miei cari nel corso di questa avventura”.

 

2.

Arriva dalla Slovenia l’opposto chiamato ad affiancare Jovana Brakocevic Canzian in maglia azzurra: si tratta della 23enne (è nata il 14 novembre 1995) Iza Mlakar, pilastro della propria nazionale e alla sua prima esperienza in un campionato straniero.

Mancina, 184 cm di esplosività, l’atleta slovena è stata premiata quale miglior opposto ai Mondiali Under 23 del 2017 in cui ha guidato la propria nazionale a uno storico argento. Dopo gli esordi con l’OK Prevalje (campionessa nazionale prejuniores e MVP del torneo), è passata al Branik Maribor con cui ha vinto nel tempo 4 coppe di Slovenia, 5 Scudetti e 2 Mevza Cup (Middle European League), partecipando ai turni preliminari della Champions League e delle altre coppe europee. Dal 2011, quando aveva solo 16 anni, è parte integrante del roster della nazionale seniores del suo paese. Parallelamente alla carriera sportiva, Iza porta avanti anche quella universitaria: è iscritta alla facoltà di Medicina e le mancano 2 anni accademici al conseguimento della laurea.

Iza Mlakar è quindi l’undicesima atleta ingaggiata dal club azzurro per la stagione 2019-2020.

“Siamo contenti dell’ingaggio di Iza – spiega il d.g. Enrico Marchioniperché siamo convinti delle potenzialità della ragazza e dell’apporto che potrà dare alla squadra. Avrà la fortuna di lavorare con compagne importanti, di altissimo livello, da cui potrà apprendere quotidianamente, e sono convinto che saprà dare il proprio contributo alla causa ogni qualvolta sarà chiamata in causa”.

“Sono emozionata e determinata per questa mia avventura – sono le prime parole della neo-azzurrae non vedo l’ora di iniziare. Il campionato italiano ha un livello altissimo e avrò la fortuna di giocare con le più forti atlete in circolazione in un club, come Novara, che ringrazio per la fiducia. Sono orgogliosa di entrare a far parte della squadra campione d’Europa e di trovare alcune atlete, come Valentina Arrighetti per citarne una, che ho sempre ammirato. Lavorerò con un grande staff e per me sarà una stagione importante, per mettermi alla prova e per lavorare sodo con l’obiettivo di aumentare il più possibile il mio livello di gioco”.

L’ultimo pensiero di Iza Mlakar è per i suoi nuovi tifosi: “Arriverò a Novara dopo l’Europeo che disputerò con la mia nazionale, sono convinta che vivremo una grande stagione e sono entusiasta all’idea di entrare a far parte di questa “famiglia” sportiva stupenda. Ci vediamo presto, non vedo l’ora !”.

 

3.

Nuovo arrivo in posto quattro per la Igor Volley, che accoglie in azzurro la stellina polacca Zuzanna Gorecka.

Classe 2000, originaria di Radom, Zuzanna Gorecka è reduce dalla sua prima stagione da professionista con la maglia del Legionowo Varsavia, nel massimo campionato polacco. Gorecka, 181 centimetri e ottime doti tecniche e atletiche, nonostante la giovanissima età può vantare già tre Scudetti giovanili, un bronzo da protagonista all’Europeo juniores 2018 e diverse presenze con la nazionale seniores.

“Zuzanna è una ragazza giovanissima ma che ha già messo in mostra doti importanti – spiega il d.g. Enrico Marchionie ha firmato con il nostro club un contratto biennale. Confidiamo che lavorando ogni giorno con grandi campionesse e agli ordini di uno staff tecnico importante, guidato da un allenatore esperto e capace come Massimo Barbolini, possa compiere proprio in azzurro il definitivo salto di qualità. Crediamo molto nelle sue potenzialità e siamo felici di essere riusciti a portarla a Novara”.

“Non vedo l’ora di giocare per la Igor Volley – racconta Gorecka, per quella che mi aspetto possa essere una stagione importantissima per la mia crescita. Ho fatto sacrifici per giocare a pallavolo, gli inizi non sono stati facili perché non c’erano club nella mia zona e questo non mi permetteva di crescere come avrei voluto. Sono riconoscente, e lo sarò sempre, nei confronti dei miei primi allenatori, che mi hanno fatto capire che quello che era semplicemente un sogno sarebbe potuto diventare realtà. Questo mi ha portata, giovanissima, a lasciare casa e a trasferirmi al SMS Szczyrk (una sorta di versione polacca del Club Italia, ndr) e con il senno di poi questa si è rivelata la decisione giusta. Gli allenatori con cui ho lavorato mi hanno consentito di crescere e migliorare e sono felice del percorso compiuto assieme. Ora arriva una nuova sfida, fantastica, con cui non vedo l’ora di misurarmi”.