Volley femminile - Valentina Diouf torna a ruggire in Brasile, possibile rinforzo per l’Italia ?

08.11.2018 14:30 di Roberto Krengli Twitter:   articolo letto 22 volte
Fonte: oasport.it
Valentina Diouf
Valentina Diouf

Valentina Diouf ha cambiato vita decidendo di lasciare il nostro Paese per giocare in Brasile e i primi risultati sono subito stati eccellenti: avvio di stagione da protagonista, vittoria del campionato paulista con il suo Bauru, vagonate di punti in ogni incontro (20 nella finale di ritorno giocata contro l’Osasco) e ottimo livello di gioco che fa ben sperare per il prossimo futuro. Il nostro opposto aveva faticato a decollare in Italia dopo aver dato spettacolo ai Mondiali casalinghi del 2014 dove era diventata l’icona della nostra pallavolo, con la casacca di Busto Arsizio non è poi riuscita a ingranare e in Nazionale non aveva più trovato spazio (rimase fuori dalle Olimpiadi di Rio 2016 con un discusso sms inviato dall’allora CT Marco Bonitta).

La 25enne ha dunque deciso di rilanciarsi dall’altra parte del mondo e per il momento i riscontri sono decisamente positivi. Questa forte attaccante di 202 centimetri potrebbe essere ancora una valida arma per l’Italia che ha sì vinto la medaglia d’argento ai Mondiali ma che potrebbe anche essere rinforzata ulteriormente in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Stiamo parlando di una ragazza molto giovane (in linea con l’età media del gruppo a disposizione di Davide Mazzanti) che si distingue per le sue importanti doti tecniche e che deve semplicemente ritrovare tranquillità mentale e convinzione nei propri mezzi.

Valentina Diouf potrà dare una mano all’Italia ma al momento il posto da opposto titolare le è precluso vista la presenza della stellare Paola Egonu che ha incantato tutti durante l’ultima rassegna iridata, un autentico fenomeno già tra le migliori giocatrici del Pianeta e che andrà sfruttato a fondo. A meno che non si decida di spostare la 19enne di banda come è già capitato in alcune occasioni in modo da poter sfruttare in campo anche la classe della milanese di nascita: sarà una soluzione adottabile nel breve periodo e con profitto senza sacrificare niente e nessuna ? Staremo a vedere ma sicuramente la nuova punta di diamante del Bauru potrà tornare utile in ottica Nazionale anche come semplice riserva, a patto che si avverino quelle “condizioni necessarie” di cui ha parlato nella recente intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport.

Stefano Villa