Top & Flop di Novara-Carrarese

11.02.2019 19:30 di Roberto Krengli Twitter:   articolo letto 33 volte
Fonte: tuttoc.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Top & Flop di Novara-Carrarese

Si è chiusa la gara fra Novara e Carrarese, giocata al "Silvio Piola" valida per la 25^ giornata del girone A di serie C. 2-1 il punteggio finale a favore dei toscani.

Con questo importante successo quindi i marmiferi interrompono la loro serie negativa riportandosi al secondo posto, grave invece la sconfitta interna dei piemontesi, non solo perchè interrompe una serie positiva di 17 turni ma soprattutto certifica l'allontanamento dalle prime posizioni della classifica.

In cronaca la truppa di Viali parte subito forte, sfiorando il vantaggio prima con Bastioni al 2' e poi con Cacia su assist di Tartaglia con palla sul fondo. Con il passar del tempo la truppa di Silvio Baldini cresce andando vicino al gol con una deviazione di Tavano su cross di Giacomo Ricci. La Carrarese a stretto giro di posta effettua due cambi: escono due giocatori in difficoltà, Rosaia e Caccavallo rilevati da Carissoni e Valente. Proprio il neo entrato ha la palla del vantaggio al 26', il suo tiro viene respinto alla disperata da Bove. Il vantaggio arriva comunque dieci minuti dopo, Varone manda in verticale Tavano, intervento in spaccata di Tartaglia che cincischia favorendo l'attaccante avversario il quale appoggia per l'accorrente Piscopo, il suo piatto destro è vincente. Prova a reagire il Novara, Gonzalez su punizione manda con il sinistro la sfera sopra la traversa.

La ripresa vede i piemontesi alla ricerca del pareggio, ma la Carrarese da la sensazione di poter arginare le offensive avversarie. La gara si accende improvvisamente al 31', punizione dal limite di Visconti dai 18 metri, il suo sinistro supera la barriera e si insacca alla destra di Borra vanificando il suo intervento alla disperata. I padroni di casa cercano di approfittare della spinta emotiva, due minuti dopo Kyeremateng ruba palla a Carissoni, entra in area il suo cross trova la deviazione di piatto destro sul palo di Gonzalez, poco dopo è Bove a provarci trovando la deviazione d'istinto di Borra. Non mollano i marmiferi e al 40' hanno l'occasione di tornare in vantaggio, spunto di Valente sulla destra che pesca Maccarone a due passi da Di Gregorio ma l'ex Empoli sbaglia clamorosamente l'impatto con la sfera. Il numero 7 si riscatta a stretto giro di posta fulminando con un diagonale di destro il portiere avversario su cross di Carissoni.

Vediamo i migliori e i peggiori del confronto.

TOP

Gonzalez (Novara): gli applausi a fine partita testimoniano il suo apporto alla gara, entra in tutte le azioni dei piemontesi svariando su tutto il fronte: molti sono infatti i tagli verso il centro dell'area avversaria, come quello che genera il clamoroso palo sull'1-1. Mette una miriade di punizioni in mezzo all'area, non sempre raccolti dai compagni. INFATICABILE

G. Ricci (Carrarese): prestazione davvero autorevole sulla fascia sinistra, copre la sua zona in competenza con accortezza e sagacia tattica proiettandosi molte volte in fase offensiva, appoggiando la manovra dei compagni dando molto fastidio alla retroguardia piemontese. Sempre attento e concentrato fornisce un apporto continuo durante l'arco dei 90' minuti. GARANZIA

FLOP

Difesa del Novara: la retroguardia piemontese ha pesanti responsabilità in entrambe le reti della Carrarese, sul primo c'è un errore di un singolo - poco aiutato dai compagni- nella seconda segnatura tutta la difesa si muove in maniera sbagliata, favorendo l'incursione a destra di Carissoni e lasciando troppo spazio di calciare a Maccarone. DISTRATTA

Rosaia (Carrarese): schierato come altre volte da esterno basso, soffre molto le incursioni nella sua zona di competenza sia degli attaccanti che degli esterni del Novara, che lo obbligano ad interventi fallosi. il tecnico Silvio Baldini capisce l'antifona e lo toglie dopo soli venti minuti. Non sono comunque da escludere problemi di natura fisica per il centrocampista, tuttavia la prestazione non può essere giudicata positiva. IN AFFANNO

Stefano Scarpetti