Top & Flop di Novara-Alessandria

10.10.2019 19:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Top & Flop di Novara-Alessandria

Esordio con una vittoria per l'Alessandria di mister Cristiano Scazzola in Coppa Italia Serie C: i "grigi" superano in trasferta il Novara col risultato di 1-0 grazie alla rete segnata al 65' da Franklyn Akammadu e strappano così il pass per il secondo turno della fase ad eliminazione diretta, dove il prossimo 6 novembre se la vedranno con la Juventus U23. Due squadre completamente rivoluzionate, quelle viste in campo ieri sera: ampio turnover da entrambe le parti, visti i tanti impegni ravvicinati a cui sono sottoposte in questo periodo le compagini militanti in terza serie. E' stata l'occasione, comunque, per vedere all'opera diversi giocatori che trovano poco spazio in Campionato: nonostante l'eliminazione, segnali importanti sono arrivati anche dai padroni di casa, che al 56' hanno fallito un calcio di rigore con Pablo Gonzalez, che dagli undici metri ha spedito la sfera alta sopra la traversa.

TOP
Lorenzo Pinzauti (Novara):
colpisce la traversa dopo nemmeno dieci minuti, mentre nel secondo tempo si procura il penalty. Prestazione positiva per il classe '94 di proprietà del Teramo, decisamente più brillante rispetto ad uno spento Gonzalez e ad un Capanni ancora acerbo per questi livelli. Non è riuscito a superare Crisanto, pur provandoci in diverse circostanze. BRAVO LO STESSO

L'ingresso di Franklyn Akammadu (Alessandria): il giovane attaccante classe '98 entra in campo al 59' al posto di Casarini ed ha bisogno di appena sei giri d'orologio per mettere a segno un gol pesantissimo. Secondo centro stagionale che, considerando lo scarso minutaggio, ne fa di lui un giocatore molto cinico davanti al portiere. Oltre alla rete segnata, si rende protagonista di tante altre buone occasioni per gli ospiti: con Eusepi-Arrighini, però, sarà molto difficile trovare spazio con continuità. DECISIVO

FLOP
Pablo Gonzalez (Novara):
calcio di rigore in una gara ad eliminazione diretta, vietato sbagliare. Il classe '85, invece, colpisce malissimo il pallone, senza nemmeno riuscire ad inquadrare lo specchio della porta. Dopo un buon primo tempo, si rende protagonista di questa clamorosa ingenuità per un calciatore così esperto e cala vistosamente col passare dei minuti, fino a venire sostituito da Banchieri. IL RIGORE...

Fabio Castellano (Alesssandria): ci aveva abituati a prestazioni ben diverse. Al "Piola" vive una serata non perfetta, si rende pericoloso solo in un'occasione (al 14') e non riesce quasi mai a dare una spinta in più alla squadra. Seppur giovanissimo (classe '98), ha già fatto vedere di essere in grado di poter fare partite di livello più elevato: nel weekend è atteso il riscatto. SPENTO

Lorenzo Carini 

-