FOCUS TMW - Serie C, la Top 11 del Girone A: Gabrielloni bum-bum

Modulo 4-3-3
28.11.2019 09:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttomercatoweb.com
Ivan Maraia
Ivan Maraia

La corsa per la promozione diretta può dirsi praticamente conclusa, solo un suicidio sportivo potrebbe negare al Monza il ritorno in serie B quasi 20 anni dopo l’ultima apparizione.

Il 2-0 sull’Alessandria conferma che la squadra di Brocchi sa anche soffrire prima di piazzare la zampata vincente con i suoi giocatori di talento superiore alla media.

Il 2-2 del Renate a Vercelli dà una accelerata in più e il pur ottimo Pontedera, vittorioso a Siena nel derby, non sembra in grado di competere per un qualcosa che vada oltre i playoff.  Nelle gare giocate ieri l’Albinoleffe supera 1-0 la Carrarese mentre l’Arezzo rifila 3 gol al Novara.

Di seguito la Top 11 di TuttoMercatoWeb dopo la sedicesima giornata di campionato nel girone A.

Portiere

Eugenio Lamanna (Monza):
 non inganni il risultato, per almeno un tempo l’Alessandria ha messo in difficoltà la corazzata di mister Brocchi. Ci ha pensato un super portiere a blindare primo posto e fuga verso la B con almeno tre parate decisive.

Difensori

Franco Lepore (Monza):
 altra grande prova di un calciatore migliorato esponenzialmente in fase di non possesso e devastante quando si tratta di spingere. I suoi cross non sono mai banali, ci prova anche in prima persona senza inquadrare il bersaglio.

Alberto Masi (Pro Vercelli): Damonte perde la marcatura, lui è bravo a saltare più in alto di tutti per il clamoroso 2-2 in rimonta dei piemontesi di mister Gilardino.

Matteo Brero (Pergolettese): due settimane fa Canini, ora lui: evidentemente la difesa sta acquisendo talmente tanta sicurezza da togliersi lo sfizio di segnare gol pesanti. Di testa sblocca lo 0-0 sfruttando uno schema su calcio d’angolo.

Niccolò Corrado (Arezzo): il primo gol in Serie C del classe 2000, di proprietà dell’ Inter, è un bellissimo diagonale che rimette subito in partita i suoi dopo lo svantaggio di inizio ripresa. E’ la scossa che serviva ai suoi ed è il giusto premio ad una prestazione attenta e praticamente perfetta in fase difensiva. Merita una citazione anche la prestazione di Cutolo autore di due gol su rigore.

Centrocampisti

Michele Bruzzo (Pontedera): g
ela il Franchi bucando Confente con un perfetto colpo di testa su assist di Mannini. Era entrato da tre minuti, diventa l’eroe di un derby che difficilmente dimenticherà.

Nicola Rigoni (Monza): si conferma un calciatore di altra categoria, è lui a decidere una partita che sembrava incanalata sullo 0-0 indovinando l’inserimento perfetto che spiazza tutta la difesa dell’Alessandria. Spina nel fianco e giocatore intelligentissimo tatticamente.

Francesco Marano (Como): sempre tra i migliori in campo, il mister gli concede un’ora e la prestazione è di assoluto livello. Detta i tempi da regista vero e spadroneggia in mediana senza trovare valida opposizione.

Attaccanti

Francesco Galuppini (Renate): sfrutta un assist di Maritato per sbloccarla dopo 60 secondi, al 6’ è già doppietta (ottavo centro stagionale) su calcio di rigore. E’ il finalizzatore di una squadra che gioca a memoria e che sa divertire sia in casa, sia in trasferta

Alessandro Gabrielloni (Como): scatta sul filo del fuorigioco e dopo pochi minuti sblocca il risultato, sigla la doppietta personale al 42’ sfruttando l’ennesimo assist dello scatenato Peli.

Pierluigi Cappelluzzo (Pistoiese): l’assist di Stijepovic è perfetto, lui è bravissimo a scattare tra i due centrali difensivi della Pro Patria e a battere l’incolpevole Tornaghi senza dargli il tempo di chiudergli lo specchio.

Allenatore

Ivan Maraia (Pontedera): 
vincere il derby toscano sul campo del Siena con il gol di un calciatore appena entrato dalla panchina è una soddisfazione enorme per questo tecnico preparato e bravissimo nella gestione del gruppo. Il secondo posto alle spalle del Monza schiacciasassi è un miracolo sportivo.

Luca Esposito

-