Banchieri: "Il gioco deve essere il nostro leader"

21.10.2019 18:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Simone Banchieri
Simone Banchieri

Un'ora abbondante di grande gioco, i giovani che trovano fiduciano e ripagano con buone prestazioni, la risposta a due rovesci consecutivi che hanno limitato gli orizzonti in classifica ma non certamente scalfito convinzioni e valori di fondo.

Sono tanti i motivi per sorridere per il tecnico del Novara Simone Banchieri a pochi minuti dal fischio finale di questo match vinto per 2-1 contro una Carrarese che punge solamente sul finale di gara. 

"Nelle difficoltà noi diamo il meglio - spiega l'ex tecnico di Legnano e Derthona nelle parole riportate dall'Ufficio Stampa della società azzurra -, eravamo molto arrabbiati per quella settimana che ha portato un doppio rovescio.

Mi fa piacere che qualcuno mi abbia fatto notare di aver visto, per una parte di gara, uno dei Novara più belli degli ultimi tempi e sono contento sia per Collodel, ragazzo cresciuto tra noi, sia per Bortolussi che reputo un attaccante fortissimo.

E vorrei citare pure Bellich , anche lui cresciuto a Novarello, che ha debuttato per davvero nel pomeriggio odierno, così come Cagnano, Nardi e altri ancora. Tre esperti e tredici under: abbiniamo gioventù e, classifica alla mano, risultati.

L'ho sempre detto ai miei ragazzi: quando c'è il gioco, elemento che deve essere il nostro leader, i risultati magari mancano per una o due domeniche, come ci è successo, ma non bisogna indietreggiare di un millimetro perché prima o poi anche il tabellino torna a sorridere". 

Francesco Moscatelli

-