Pro Vercelli - La Stampa: "La Pro Vercelli cede di misura alla capolista Monza (1-2), sei partite senza una rete su azione"

29.01.2020 18:30 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Pro Vercelli - La Stampa: "La Pro Vercelli cede di misura alla capolista Monza (1-2), sei partite senza una rete su azione"

La Pro Vercelli cede di misura alla capolista Monza, la schiacciasassi del campionato che già all’andata non era stata così straripante.

Al Piola non c’è il presidente Berlusconi, ma Galliani sì e in tribuna compare anche Bobo Vieri, amico del tecnico del Monza, Brocchi.

Lo stesso Gilardino ha di fronte una fetta del suo passato in serie A e ci tiene a ben figurare: il tecnico dei bianchi decide per il prefisso 3-5-2 con l’inedita coppia d’attacco Azzi-Rosso, mentre Comi resta in panchina.

Iniziano bene i leoni, che dopo lo spavento della rete annullata a Iocolano, in dieci minuti si fanno vedere due volte dalle parti di Lamanna, in un’occasione bravo sulla botta di Rosso. I padroni di casa reclamano un calcio di rigore, ma il direttore di gara indica che si può proseguire. E’ un fuoco di paglia: il Monza al 12’ trova il gol del vantaggio con Fossati e dieci minuti dopo raddoppia grazie allo sfortunato autogol di Auriletto. Nel frattempo Iocolano aveva avuto un’altra opportunità clamorosa. I brianzoli tengono bene il campo e danno la sensazione di non essere assolutamente in pensiero.

Nella ripresa Gilardino prova a scuotere i suoi con tre sostituzioni al pronti-via: Varas, Bani e Comi al posto di Iezzi, Mal e Graziano. Al 47’ arriva la rete della speranza: Comi è atterrato in area da Bellusci, l’arbitro assegna il penalty che Rosso trasforma. Il numero 9 prende per mano i suoi: la sua punizione e quella di Quagliata fanno tremare il Monza. La Pro si fa coraggio e tenta l’impresa: l’occasione più nitida per i padroni di casa è all’80’ con il corner di Grossi sul quale non riesce ad arrivare Auriletto.

Finisce 1-2: la maledizione del Piola continua.  

-

"Pro, sei partite senza una rete su azione".

La Stampa di Vercelli analizza il momento delle bianche casacche. 

"La crisi del gol ai raggi X: è iniziata il 1° dicembre con la Carrarese.

E se non segnano Comi o Rosso nessuno lo fa". 

Dario Lo Cascio

-