Rassegna stampa - LA STAMPA: "'Jack' Gattuso vede solo azzurro: “Novara chance unica, i giovani sono pronti a fare il grande salto”

19.09.2019 15:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: lastampa.it
Giacomo Gattuso
Giacomo Gattuso

Neanche le telefonate da Torino - sponda granata - e Como, la sua città, a giugno lo hanno stuzzicato. Giacomo Gattuso ha scelto di restare al Novara, rifiutando incarichi in altri vivai. Da vent’anni il tecnico è un fedelissimo azzurro, salvo parentesi da giocatore alla Canzese e da allenatore ancora con i lombardi e il Como.

- Sabato alle 15 la sua Berretti inizia il campionato a Turbigo con la Pro Patria. Vent’anni e ancora quali stimoli ?

«Allenare i ragazzi, vederli crescere. Dopo la retrocessione della prima squadra sentivo dire che tornando dalla Primavera alla Berretti non avrei avuto più motivazioni. Falso».

- Con i giovani c’è meno pressione: verità o bugia ?

«Bugia. Abbiamo grande responsabilità verso di loro e il club. Cerchiamo di essere anche psicologi, cioè lavoriamo sui calciatori non solo in campo. In pochi arrivano, quindi dobbiamo formarli e prepararli in generale al futuro. Calcio e vita».

- Se riflette sulla sua storia in azzurro, cosa le viene in mente ?

«La doppia salvezza ai playout in C2 nel’ 99 e 2000 da giocatore. Ecco, ripenso a quei tempi e a quanto poi il club sia cresciuto con la famiglia De Salvo in organizzazione e strutture. La prima volta da tecnico della Berretti (era il 2004, ndr) ci allenavamo qui vicino. Mi cambiavo in un bagno. Esperienze che mi hanno fortificato. Lo dico anche ai ragazzi: essere a Novarello è una fortuna, non buttate via l’occasione».

- Estate movimentata, l’ultima per lei. Nemmeno l’idea di collaborare con Carlalberto Ludi, nuovo ds del Como, l’ha fatta vacillare ?

«È stato un piacere sentirlo. L’ho allenato al Novara e abbiamo condiviso la vittoria della Primavera 2. Ha insistito perché lo raggiungessi e lo apprezzo. Però ho rispetto per la mia società. Non sarebbe stato giusto interrompere il contratto, e comunque - se posso scegliere - sto qui ancora un po’ (ride, ndr)».

- Aspettava una chiamata per la prima squadra ?

«No, assolutamente. Il percorso naturale di alcuni colleghi prevede un inizio di carriera nel settore giovanile per arrivare ai grandi. Il mio è stato inverso. In questi anni ho ricevuto altrove diverse proposte di prime squadre, ma non è il momento».

- Quindi la scelta di Banchieri, dall’Under 16 alla “prima”, non l’ha indispettita ?

«Ma no, nessun problema. Questo è il mio mondo e a lui auguro il meglio».

- Si sbilanci: chi sarà il prossimo Matteo Stoppa ?

«È presto per dirlo. Ne ho visti tanti, da Faragò a Vicari, venuti fuori strada facendo e non subito. A quell’età un calciatore migliora di giorno in giorno, quindi ora rischierei di sbagliare pronostico».

- Dopo Collodel, Nicolas Fonseca è fin qui il “gattusiano” che ha trovato più spazio. Lei lo aveva trasformato da trequartista a regista basso. Un consiglio ?

«Sia meno critico con se stesso. Ha una voglia matta di migliorarsi, ma vorrei fosse più sereno. Lo imparerà di sicuro con l’esperienza».

- La sua Berretti riparte dalla semifinale persa con l’Entella: aspettative ?

«Ripartiamo con tanti 2002 e qualche 2001 per cogliere grandi risultati, ma la priorità e a vittoria più grande è vedere sempre più giovani in prima squadra». 

Filippo Massara

-