In ricordo di Italo Alaimo, calciatore azzurro, 1 Serie C (Reggina)

Nel 2019 Tuttonovara ricorda, nel giorno anniversario della nascita, i calciatori, gli allenatori, i dirigenti e i membri dello staff del Novara Calcio che ora sono nell'Azzurro del cielo
09.08.2019 09:45 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: it.wikipedia.org
Italo Alaimo
Italo Alaimo

Il 9 agosto 1938 nacque a Roma, capitale della Repubblica Italiana, nonché capoluogo dell'omonima città metropolitana e della regione Lazio, Italo Alaimo, calciatore italiano, che morì il 17 luglio 1967 a Novara, comune capoluogo dell'omonima provincia, in Piemonte, all'età di 28 anni. 

Alto 1,73 per 75 kg., giocò a calcio come attaccante nel ruolo di ala destra dal 1957 al 1967. 

Tuttonovara gli rivolge un caro ricordo.

-

Nota

Italo Alaimo morì tragicamente nel corso delle visite mediche, prima che fosse ufficializzato il suo acquisto da parte del Novara Calcio. La sua vicenda scosse particolarmente l'opinione pubblica italiana.

-

Carriera

Calciatore

Ala destra di movimento, Italo Alaimo giocò la prima parte della sua carriera in Serie C.

Tesserato dalla Reggina nella stagione 1957-58, non scese però mai in campo.

Giocò poi coi dilettanti del Volsinio e nel 1961 passò all'Associazione Sportiva Tevere Roma, militante in Serie C.

Nel biennio 1961-63 si trasferì sempre nella terza Serie al Chieti (Associazione Sportiva Dilettantistica Chieti F.C. 1922) e qui risultò essere tra i più forti giocatori della categoria nel suo ruolo.

Nel 1963 passò al Gruppo Sportivo Solvay di Rosignano (Livorno) che militava in Serie D, disputandovi solo sei partite.

Già nel novembre dello stesso anno, Alaimo passò alla Reggina allenata da Leo Zavatti. In maglia amaranto giocò per quattro stagioni, conquistò la promozione in Serie B al termine del campionato 1964-65. In serie cadetta disputò due stagioni, scendendo in campo in 59 occasioni e mettendo a segno 4 reti.

Nel luglio 1967 Alaimo si trasferì ufficialmente al Novara, sempre in Serie B, per 35 milioni di lire (una quotazione tra le maggiori dell'epoca).

Fu proprio a Novara che Italo Alaimo trovò tragicamente la morte, il 17 luglio 1967, pochi giorni prima del suo ventinovesimo compleanno. Quel giorno venne infatti presentato ai nuovi tifosi, e subito dopo si recò all'Ospedale Maggiore della città piemontese per sottoporsi alle consuete visite mediche. Alaimo salì sul cicloergometro, per sottoporsi ad un'ecocardiografia da sforzo. Ad esame quasi ultimato, mentre stava scendendo dallo strumento, rimase folgorato. Nonostante i tentativi di rianimazione, il giocatore morì.

L'inchiesta della magistratura stabilì che il decesso di Italo Alaimo fu dovuto a "[...] folgorazione da corrente elettrica determinatasi tra due prese a terra, entrambe in quel momento sotto tensione per effetto di una perdita di energia proveniente da un altro apparecchio elettrico collegato, attraverso l'impianto di riscaldamento, ad uno dei neutri facenti funzione di presa a terra". L'inchiesta rivelò che il cicloergometro era collegato tramite presa di terra ad un termosifone, e che a quest'ultimo arrivava corrente elettrica da un fornello della cucina, tramite i tubi dell'impianto di riscaldamento. Lo staff medico venne pertanto scagionato; vennero rinviati a giudizio per concorso in omicidio colposo tre dipendenti dell'Ospedale: un geometra, un perito industriale ed il capo elettricista. Nel novembre 1972 il processo venne sospeso già alla prima udienza, e fu dichiarata la nullità dell'istruttoria: la richiesta di nullità formulata dagli avvocati difensori fu accolta poiché ad uno degli imputati non era stato notificato l'avviso dell'avvio del procedimento. Il processo si avviò pertanto verso la prescrizione.

-

Ecco in sintesi la carriera di Italo Alaimo. Nell'ordine sono indicate le stagioni e le squadre di club (con → sono segnati gli eventuali prestiti) nelle quali militò, il numero di presenze in campionato e, tra parentesi, il numero di gol segnati:

Calciatore

Squadre di club

1957-58 - Reggina - 0 (0)

19??-?? - Volsinio - ? (?)

1961 - Tevere Roma - ? (?)

1961-63 - Chieti - 58 (9)

1963 - Rosignano Solvay - 6 (0)

1963-67 - Reggina - 115 (12)

1967 - Novara - 0 (0)

-

Palmarès

Calciatore

Club

Competizioni nazionali

Serie C: 1   (Reggina: 1964-65)

-

L'immagine qui riportata è ultima foto di Italo Alaimo, scattata a Novara il giorno della presentazione ai tifosi.

-