Manconi, in due anni dall’Eccellenza al Novara

Jacopo Manconi, uno dei giovani più interessanti della Serie B Eurobet 2013-14 in queste settimane si è fatto notare nel Novara e nell’ Italia U20
02.05.2014 09:00 di Filippo Maggi   Vedi letture
Fonte: iltalentocheverra.it
Jacopo Manconi
Jacopo Manconi

Il Novara lo vide nel 2012, anno in cui la società piemontese militava in Serie A.

Manconi aveva fatto grandi cose tra le fila del Villantero, militante in Eccellenza, realtà che rappresenta felicemente un piccolo paese della provincia di Pavia di poco più di 3000 abitanti.

Quell’anno aveva fatto benissimo sia in prima squadra che con la juniores, con cui era diventato campione regionale. Bubbiano, Pieve Emanuele, Rozzano, Villanterio, questo il suo percorso prima di arrivare al calcio delle società dal nome importante.
Il Novara lo sottopone ad un provino, Manconi non si fa sfuggire l’occasione, e dopo una brillante prova viene tesserato con la Primavera del Novara.

Il primo anno è discreto e Manconi realizza otto reti in ventitrè gare. Forse gli manca un po’ di continuità, visto che la maggior parte dei gol sono concentrati nel periodo invernale, ma oltre ad una buona annata dal punto di vista personale e di squadra, si segnala per qualche convocazione per gli stage dell’Under 19. A fine anno segna una doppietta al Milan, durante il prestigioso Trofeo Dossena, dando spettacolo insieme al compagno Pivkovski sotto gli occhi della dirigenza e di mister Aglietti.

In estate viene convocato per svolgere il ritiro estivo con la prima squadra. Dopo diverse presenze in amichevole, arriva anche il momento del debutto ufficiale in prima squdra. In Coppa Italia Manconi gioca gli ultimi dieci minuti di Novara-Grosseto 3-0, destando subito una buona impressione.

Nel 2013 rimane praticamente un giocatore della Primavera, ma spesso viene convocato in prima squadra.
Una serie di infortuni e disgrazie tecniche portano mister Calori a puntare su di lui nel finale di Bari-Novara 0-1, forse la peggior gara casalinga della stagione azzurra.
La gara successiva, il derby col Varese, la ricorderà per un bel po’, gli bastano solo otto minuti per confezionare l’assist del gol a Faragò, altro giocatore passato per la Primavera azzurra.
A parte un paio di partite abbastanza sottotono è sempre tra i migliori, i voti in pagelle parlano per lui, così come i numeri (3 assist e due gol). 

Questa stagione è stata molto positiva per lui anche in ottica nazionale. Dopo una doppietta in uno stage di ottobre con la B Italia a Vinci (Firenze), è arrivata la convocazione per l’Under 20. Prima partita e doppietta, in una gara giocata alla grande dai nostri azzurrini. Manconi entra al minuto 56 al posto di Valoti, con l’Italia già avanti di 1-0. In mezz’ora circa mette a segno due gol (76’ e 88’) che permettono all’Italia di imporsi definitivamente sui tedeschi sul campo di Sparda. Bello soprattutto il secondo gol, con Manconi che è stato il più lesto a gettarsi verso la porta dopo la ribattuta di un difensore tedesco.

Su di lui pare si siano già mossi club del massimo campionato: l’Udinese avrebbe già presentato un’offerta al club piemontese (i bianconeri monitorano anche con attenzione la situazione dell’amico e compagno Vicari, altro 94), ma avrebbero chiesto informazioni su Manconi anche la Sampdoria e la Juventus. Possibile quindi vederlo già sui campi della A il prossimo anno. Manconi è sicuramente una delle sorprese più belle del Novara che non ha attraversato una stagione facile.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Nato centravanti, sta trovando spazio nel ruolo di attaccante esterno largo a destra nel tridente di Aglietti, anche se spesso ha giocato in coppia con un’altra punta, se l’attacco era composto da due punte.
Nelle sue giornate migliori è davvero difficile da contenere per gli avversari, segna e fa segnare, è sicuramente un calciatore molto generoso sempre al servizio della squadra. È prezioso anche nei ripiegamenti difensivi e nei movimenti senza palla.
Prestante fisicamente è alto circa 180cm, sa usare bene il suo fisico riuscendo a disimpegnarsi bene anche nelle palle alte, mentre uno dei suoi punti di forza è sicuramente la rapidità abbinata a una buona stazza fisica. Calciatore polivalente, sa usare entrambi i piedi, risultando importante in entrambe le fasce. Calciatore con un avvenire florido, può ambire a raggiungere risultati importanti nella sua carriera.

DATI ANAGRAFICI

Data di nascita: 24.04.1994
Età: 20
Altezza: 1,80
Nazionalità: Italia
Ruolo: Attacco – Punta centrale, Esterno d’attacco
Piede: Ambidestro
Valore:  300.000 (www.transfermarkt.it)