Il punto sulla Serie C (di Luca Bargellini)

08.07.2019 11:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
Luca Bargellini
Luca Bargellini

Il 24 giugno era il termine ultimo per presentare le domande d'iscrizione al prossimo campionato di Serie C. Il 5 luglio, invece, alle ore 13 scadeva il tempo a disposizione per la presentazione delle domande di riammissione e ripescaggio. Venerdì 12 luglio al Consiglio Federale spetterà l'ultima parola su quella che sarà la composizione di tutti i campionati professionistici per la stagione 2019/2020. Una scadenza, questa, praticamente invalicabile, anche se i ricorsi presentati dai club esclusi (Palermo su tutti) potrebbero cambiare il quadro.

I FAVOLOSI 60

Qual è la situazione a quattro giorni dalla scelta della Federcalcio per quanto riguarda la Serie C ? Delle cinque società rimaste fuori, tre (Albissola, Lucchese e Siracusa) non hanno presentato alcun tipo di documentazione per l'iscrizione e per questo lasceranno il posto ad altrettante società "virtuose" retrocesse sul campo. In lizza ci sono Virtus Verona, Alma Juventus Fano, Bisceglie e Paganese, con gli azzurrostellati che rimangono in corsa solo in attesa di capire se i pugliesi hanno risolto le lacune infrastrutturali agli impianti. Gli altri due posti da colmare, più quello che verrà liberato dalla riammissione in B del Venezia (Padova in preallarme qualora la domanda dei lagunari non venga accolta), andranno a vantaggio delle formazioni di Serie D che hanno presentato richiesta di ripescaggio. Il podio prevede Audace Cerignola (per la quale persistono i medesimi dubbi esistenti sul Bisceglie), Modena e Reggio Audace. Se tutto andrà come si deve potremmo riavere una Serie C a 60 squadre: un primo importante successo per la gestione di Francesco Ghirelli.

LE ULTIME SETTE

Nel frattempo la definizione degli organici per quanto riguarda le formazioni di Serie C è giunta ad un passo dal completamento. Al netto delle società ancora in attesa di essere ripescate o riammesse sono solo sette le società ancora senza un allenatore. Per Avellino, Carpi e Viterbese l'attesa è dovuta alle questioni societarie che da tempo tengono banco nelle rispettive realtà, per Catania e Pro Vercelli sembra mancare davvero poco alla definizione della situazione con Andrea Camplone diretto verso la Sicilia e uno fra Alberto Gilardino e Simone Barone alla corte delle Bianche Casacche. Rieti e Vibonese, infine, appaiono in leggero ritardo con i calabresi che sembrano puntare su Antonino Asta come primo nome.

Luca Bargellini