Voci di calciomercato ... gli ex: le ultime su Lisuzzo, Corioni

11.07.2018 16:40 di Roberto Krengli Twitter:   articolo letto 80 volte
Fonte: tuttoc.com
Andrea Lisuzzo
Andrea Lisuzzo

1. Pisa, la prima senza Lisuzzo: assenza che fa rumore   (11.07.2018)

122 presenze, oltre 10.000 minuti in partite ufficiali, con la maglia nerazzurra indosso, quasi come fosse una seconda pelle. Quattro stagioni, tra gioie (poche) e dolori (tanti).

Nel Pisa che oggi si radunerà, per svolgere i primi test in vista della prossima stagione, Andrea Lisuzzo non ci sarà.

E la sua assenza non può lasciare indifferenti. Il Sindaco, soprannome ereditato dal Novara, in queste quattro intense annate è caduto, ma ha saputo rialzarsi, riconquistando la fiducia del popolo nerazzurro, che ha imparato ad apprezzarlo solo con il passare del tempo. Nel caldo luglio 2015, dopo una prima stagione molto deludente, finì sul banco degli imputati, a tal punto che la tifoseria lo invitò apertamente a togliere il disturbo, esponendo uno striscione abbastanza esplicito. La sua avventura all'ombra della Torre sembrava volgere mestamente al termine ed invece proprio in quei giorni conobbe la sua svolta. La promozione, l’autogestione della lunga estate 2016, il ritorno in Serie B bagnato da un suo gol con il Novara. E poi ancora l’incubo fallimento. L’avvento di una nuova società. La retrocessione. Un’altalena di emozioni incredibile, come in un film che scorre via veloce e che ora sembra giunto ai titoli di coda. La proprietà non ha chiuso la porta, prospettandogli la possibilità di restare con un altro ruolo. Lisuzzo preferirebbe continuare a giocare e probabilmente, alla fine, intraprenderà una nuova sfida, scegliendo anche questa volta la strada meno comoda. Come in quel caldo luglio di tre anni fa.

Marco Pieracci

 

2. Vigor Carpaneto, nuovo arrivo scuola Toro   (04.07.2018)

Prosegue il mercato della Vigor Carpaneto 1922, formazione piacentina attesa dal suo secondo campionato in serie D come comunicato dal sito del club. La società biancazzurra ufficializza il terzo volto nuovo, che risponde al nome di Nicolò Corioni, jolly offensivo classe 1999 che nella scorsa stagione ha militato in quarta serie con le maglie di Folgore Caratese (prima parte) e Inveruno (seconda metà di annata).

Nato il 22 maggio 1999 a Milano, Corioni – originario di Segrate – ha iniziato la carriera calcistica nella società milanese dell’Enotria, prima di crescere nei vivai di Sampdoria, Novara e Torino e infine “assaggiare” la serie D con l’ultima stagione divisa tra le due sopracitate realtà lombarde.

“Sono un attaccante esterno – spiega Nicolò Corionima posso giocare anche da interno a centrocampo. Le mie caratteristiche sono il dinamismo, cerco di saltare l’uomo ma tengo d’occhio anche la fase difensiva. Il mio modello è Ilicic. Mi sono confrontato con il mio procuratore e Carpaneto era la scelta migliore per un anno importante per me; arrivo in un gruppo unito e in una realtà importante per la crescita dei giovani. Volevo fare il mio primo anno tra i “grandi” lontano da casa”.

“E’ un jolly offensivo – spiega il presidente della Vigor Giuseppe Rossettidotato fisicamente e tecnicamente. Credo possa far molto bene nel nostro ambiente e siamo contenti di accoglierlo nella nostra realtà”. 

Fabio Tranquilli