Doppio Hado, il Baveno vince e passa il turno

12.09.2013 19:30 di Roberto Krengli Twitter:   articolo letto 380 volte
Fonte: calcionovarese.it
Doppio Hado, il Baveno vince e passa il turno

SPORTING BELLINZAGO-CITTA’ DI BAVENO 1-2

 

Reti: 16′ Hado (C), 13′ st Baldi (S), 23′ st Hado (C).
Sporting Bellinzago (4-3-3): Boari; Barbero (15′st Ciappellano), Tos, Lazzeri, Bustreo; Gestra (24′st D’Onofrio), Ciana, Murante (15′st Bonato); Baldi, Massaro, Mbaye. A disposizione: Bastianelli, Mendicino, Tortora, Pace. All. Koetting.
Città di Baveno (4-2-3-1): Barantani; Ruga Riva, Menaglio, Stanglini, Lionello; Sow, Beretta; Abbagnano (7′st Kouadio), Romano, Ramalho (15′st Trentani); Hado. A disposizione: Campana, Pastorelli, Apolloni, Baldo, Pavesi. All. Pissardo.
Arbitro: Scarpa di Collegno.
Note: spettatori 250 circa. Al 44′ st Romano (C) ha fallito un rigore. Espulso Baldi (S) al 39′ st per proteste. Ammoniti Lazzeri, Mbaye e Ciana per lo Sporting, Trentani per il Baveno. Corner 8-5.

A sorpresa è il Città di Baveno a passare al turno successivo di Coppa Italia di Eccellenza, ai danni di uno Sporting decisamente giù di tono e in difficoltà di fronte all’undici di Pissardo che dimostra un feeling particolare con la manifestazione (l’anno scorso arrivarono in finale). Per via della differenza reti sarebbe comunque bastato un pareggio agli ospiti che invece hanno ottenuto meritatamente il bottino pieno.
I due allenatori fanno qualche cambiamento rispetto alle formazioni tipo: Koetting deve rinunciare a Molica Nardo e Guerrisi infortunati e Visciglia squalificato, così si registra l’esordio di Barbero come terzino destro. Linea verde per Pissardo con cinque “under” nella formazione titolare e Hado unica punta.

Dominio ospite Ci si aspetta che sia lo Sporting a fare la partita e invece c’è solo Baveno. Prima Beretta e poi Ramalho in due occasioni vanno vicino al vantaggio con quest’ultimo che semina più volte il panico sulla sinistra. Al 15′ si vedono finalmente i padroni di casa con Massaro che conclude a fil di palo: nell’occasione un po’ egoista il bomber dei tigrotti che poteva scaricare a un suo compagno meglio piazzato. Ma è un fuoco di paglia e un minuto dopo arriva il vantaggio del bavenese: Abbagnano serve in profondità Hado che anticipa portiere e difensore e insacca lo 0-1. Nei minuti successivi lo stesso Hado pesca Ramalho che spreca a tu per tu con Boari e Abbagnano sfiora il raddoppio con una conclusione da fuori area. Prima dell’intervallo i padroni di casa hanno un sussulto prima con Baldi, che combina con Massaro ma conclude debolmente, e poi con Tos il cui colpo di testa termina alto. Ma l’occasione più importante è ancora per Ramalho che spreca un buon lavoro sulla fascia di Hado sparando alle stelle.

Qualificazione meritata La ripresa parte sempre nel segno del Baveno che con Sow sfiora due volte lo 0-2. Al 12′ lampo dei padroni di casa: Massaro calcia a colpo sicuro, Barantani con un guizzo gli nega il gol e sul successivo corner Baldi salta completamente solo per insaccare la rete del pareggio; responsabilità da dividere tra difesa disattenta e il portiere che poteva fare meglio su una palla nell’area piccola. Allo Sporting manca un gol per qualificarsi, ma sono gli ospiti che vanno vicini al vantaggio, prima con un tiro di Ramalho deviato appena sopra la traversa e poi con un altro colpo di testa di Sow su angolo del nuovo entrato Kouadio. Il gol è nell’aria e Hado non perdona al 23′, quando, dopo aver vinto un contrasto con Tos, supera Boari dopo un batti e ribatti; il difensore reclama per una presunta carica nel duello aereo, ma l’arbitro non torna sui suoi passi, il gol è valido. L’1-2 taglia le gambe agli uomini di Koetting e i ritmi della partita si abbassano: il solo Mbaye vuole mettersi in mostra e un suo rasoterra viene deviato non senza problemi da Barantani al 33′. Il protagonista del finale di partita è Romano che impegna severamente Boari con un tiro da fuori area al 36′. Lo Sporting rimane in dieci per l’espulsione di Baldi, a cui probabilmente è scappata una parola di troppo verso l’arbitro, e prima del triplice fischio c’è ancora spazio per un errore grossolano di Bustreo che si vede costretto ad atterrare Kouadio: Romano dal dischetto centra in pieno la traversa, ma è un errore ininfluente, sia per il risultato che per la qualificazione che arridono entrambi alla formazione di Pissardo che continua la sua avventura in Coppa.

Sporting Bellinzago

Boari 5,5: Poco convincente sul secondo gol e in un paio di uscite che fanno venire i brividi ai tifosi di casa.

Barbero 5: Esordio negativo per il ’95 tigrotto, Ramalho lo salta più di una volta con irrisoria facilità

- 15′st Ciappellano 5,5: Fa leggermente meglio di Barbero ma non era oggettivamente difficile.

Bustreo 5: Nel primo tempo prova a spingere ogni tanto con scarsi risultati; pacchiano il retropassaggio sbagliato che porta al rigore nel finale.

Ciana 5,5: Serata non particolarmente brillante, non riesce a coordinare al meglio i suoi.

Tos 5: Hado lo fa impazzire, sovrastato in occasione del secondo gol, anche se c’è una spinta sospetta.

Lazzeri 6: Il meno peggio del reparto arretrato, non ha molta assistenza dai suoi compagni.

Mbyae 6: Pasticcia nel primo tempo, ma ci prova fino all’ultimo minuto con un’energia che i suoi compagni si sognano.

Gestra 5,5: L’abbiamo visto meglio in altre circostanze, cresce nella ripresa

- 24′st D’Onofrio s.v.

Massaro 5,5: Egoista nel primo tempo quando potrebbe servire un comodo assist invece di tirare, bello il suo spunto da cui nasce l’angolo che porta al gol. Solo la bravura di Barantani gli nega la soddisfazione personale.

Baldi 6: Uno dei pochi a provarci e a dare qualità alla manovra; cerca con ostinazione la rete e l’espulsione, le trova entrambe.

Murante 5,5: Si vede che è ancora lontano dal top, ha bisogno almeno di altre 3-4 partite per ingranare

- 15′ st Bonato 5,5: Si vede pochissimo, non sfrutta la mezz’ora che ha a disposizione.

Città di Baveno

Barantani 5,5: Troppo insicuro nelle uscite, deve migliorare questo aspetto del suo repertorio.

Ruga Riva 5,5: Alcuni svarioni che potevano costare caro; attenzione alle rimesse laterali che sono sempre a rischio fallo.

Menaglio 6,5: Ordinato e sempre sul pezzo, dà sicurezza all’intera retroguardia.

Sow 6,5: Sicuramente ci sono degli errori nella sua partita, ma la sua fisicità e personalità si sentono eccome.

Lionello 6: Baldi è un brutto cliente e a volte lo soffre, tuttavia la sua prestazione è nel complesso sufficiente.

Stanglini 6,5: Ottimo il suo affiatamento con Menaglio, assieme riescono a tenere a bada un cannoniere inesorabile come Massaro.

Hado 7,5: Una prova perfetta a 360°, doppietta decisiva e anche un paio di assist non sfruttati dai compagni; esaltato dal confronto contro i forti attaccanti locali, stravince il duello.

Beretta 6,5: Bel tandem con Sow, i due si completano bene e formano un’ottima cerniera davanti alla difesa.

Romano 6: Disputa una buona partita, mezzo voto in meno per il rigore sbagliato sul finire della partita, peraltro ininfluente.

Abbagnano 6,5: Il più giovane in campo regala sprazzi interessanti, come il lampo dell’assist che Hado sfrutta per la prima rete

- 7′st Kouadio 6: Molto astuto nel procurarsi il rigore beffando Bustreo; tiene bene il campo e batte un paio di corner pericolosissimi.

Ramalho 6: Spiace dargli solo la sufficienza, quando in certi momenti della partita semina il panico, ma gli errori sottoporta sono gravi e vanno considerati.

-15′ st Trentani 6: Meno offensivo di Ramalho, dà una mano al centrocampo in una fase della partita delicata.