Il campo sportivo dell’Edelweiss intitolato a Arpad Weisz

L'intitolazione all'ex allenatore del Novara Calcio, che fu poi vittima dell'Olocausto, si svolgerà lunedì 20 maggio presso la sede di via Premuda
17.05.2019 16:00 di Roberto Krengli Twitter:    Vedi letture
Fonte: lavocedinovara.com
Il campo sportivo dell’Edelweiss intitolato a Arpad Weisz

L’Asd Edelweiss Novara, club affiliato al Sestante Azzurro del Novara Calcio, lunedì 20 maggio alle 18 presso la propria sede in via Premuda, provvederà alla intitolazione del campo da calcio ad Árpád Weisz, allenatore del Novara Calcio nel campionato 1934-35.

A seguire verrà disputata una gara amichevole tra Edelweiss e Novara. All’evento saranno presenti il vice presidente della società azzurra Carlo Accornero e i calciatori Pablo Gonzalez e Davide Bove.

Árpád Weisz ha vinto nella stagione 1929-30 il primo campionato italiano di Serie A alla guida dell’Inter. Dopo aver allenato il Novara nella stagione 1935-36, ponendo le premesse per la prima promozione in Serie A della stagione successiva, passò al Bologna, guidando i rossoblù alla vittoria dei campionati 1934-35 e 1936-37 e del Trofeo dell’Esposizione di Parigi, battendo in finale il 6 giugno 1937 il Chelsea per 4 a 1. Espulso dall’Italia in seguito all’entrata in vigore delle leggi razziali, venne arrestato insieme alla moglie Elena e ai figli Roberto e Clara il 2 agosto 1942, in seguito a una delazione, a Dordrecht, in Olanda, dove si era rifugiato. Internati nel campo di Westerbork, i Weisz furono traferiti il 2 ottobre alla volta di Auschwitz. Giunti a destinazione il giorno 5, Elena, Roberto e Clara vennero immediatamente avviati alla camera a gas. Árpád, invece, venne inviato a Cosel in Alta Slesia a lavorare all’estrazione del carbone nelle miniere di Cosel. Il 31 gennaio 1944 venne riportato ad Auschwitz per essere anch’egli avviato alla camera a gas.

Flavio Bosetti